La legge sulle droghe in Gazzetta, ma è quella sbagliata

Loading

In Ita­lia gli anti­proi­bi­zio­ni­sti devono fare un dop­pio lavoro: non solo pre­fi­gu­rare alter­na­tive con­crete e fat­ti­bili all’evidente fal­li­mento delle attuali poli­ti­che sulle droghe ma anche tirare per la giac­chetta i governi che si suc­ce­dono a Palazzo Chigi, quando non rispet­tano in mala­fede le loro stesse leggi o incor­rono in buo­na­fede in errori madornali.

L’ultimo caso, sco­perto da noi radi­cali e dall’Aduc, è quello del pastic­cio della pub­bli­ca­zione sulla Gaz­zetta uffi­ciale del 20 mag­gio 2014 (n. 115) del «Testo coor­di­nato e aggior­nato» del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 36, il cosid­detto “Decreto Loren­zin”. Si tratta del prov­ve­di­mento che aggiorna le leggi in vigore, rece­pendo le ultime dispo­si­zioni. In que­sto caso avrebbe dovuto rece­pire gli effetti della sen­tenza della Corte Costi­tu­zio­nale del feb­braio scorso che ha abro­gato la legge Fini-Giovanardi, ripri­sti­nando la divi­sione in tabelle delle sostanze già pre­vi­sta dalla pre­ce­dente legge sugli stu­pe­fa­centi. Nulla di rivo­lu­zio­na­rio o di par­ti­co­lar­mente dif­fi­cile. Eppure, il governo, in par­ti­co­lare il mini­stero di Giu­sti­zia, è incorso in un errore gros­so­lano, gra­vido di peri­co­lose con­se­guenze: sulla Gaz­zetta Uffi­ciale è stato pub­bli­cato un testo sba­gliato, che riporta l’art. 73 del Testo unico 309/90 – arti­colo fon­da­men­tale per­ché fissa le pene per la pro­du­zione, traf­fico e deten­zione ille­cita di sostanze stu­pe­fa­centi – in una ver­sione che non tiene conto della nuova divi­sione in Tabelle appro­vata dal Par­la­mento e della con­se­guente dif­fe­ren­zia­zione delle pene a seconda che si tratti delle cosid­dette “dro­ghe pesanti” (Tabella I) o della can­na­bis e deri­vati (Tabella II). Non è un errore di poco conto per­ché il testo errato, essendo quello “uffi­ciale”, è stato subito ripreso e rilan­ciato dalle ban­che dati giu­ri­di­che online.

Non solo. Ad aumen­tare la con­fu­sione ci si è messo anche il Dipar­ti­mento Anti­droga dell’ex Ser­pel­loni (ma è dav­vero ex?) che dà il peg­gio di sé pub­bli­cando sul suo sito, nella sezione «Nor­ma­tiva», sola­mente il decreto-legge ori­gi­na­rio di marzo e non la legge di con­ver­sione di mag­gio… e l’articolo 73 sba­gliato, quello appena pub­bli­cato in Gaz­zetta uffi­ciale. Tutto que­sto crea enorme con­fu­sione, a sca­pito della cer­tezza del diritto.

E ora che fare? Chie­diamo al Mini­stro di Giu­sti­zia di prov­ve­dere a spron bat­tuto a una pub­bli­ca­zione cor­retta e com­pleta in Gaz­zetta uffi­ciale della legge di con­ver­sione del “Decreto Loren­zin”, tenendo final­mente conto delle modi­fi­che appor­tate dalla sen­tenza della Con­sulta. Potrebbe essere l’occasione buona per la pub­bli­ca­zione di un nuovo Testo unico sulle sostanze stu­pe­fa­centi, per­ché quello attuale, sot­to­po­sto agli innu­me­re­voli “taglia e cuci” degli ultimi 24 anni, è diven­tato un vestito di Arlec­chino: l’art. 73 citato ha subito sette aggiornamenti!

Ma gli inter­venti tec­nici non pos­sono bastare: occorre che final­mente il pre­mier Renzi (che ha tenuto le dele­ghe in mate­ria) riformi radi­cal­mente il Dipar­ti­mento Poli­ti­che Anti­droga: serve un Dipar­ti­mento non arroc­cato nella torre d’avorio ma che sap­pia dia­lo­gare e inte­ra­gire con le regioni, i comuni, i ser­vizi per dipen­denze, le comu­nità. E occorre che il governo con­vo­chi final­mente in autunno la Sesta Con­fe­renza Nazio­nale sulle droghe; sem­pre il Testo Unico pre­scrive che tale Con­fe­renza si tenga ogni tre anni; l’ultima fu fatta a Trie­ste nel 2009, in piena era “Giovanardi/Serpelloni”. Una con­fe­renza nazio­nale per fare il punto sull’efficacia o meno delle poli­ti­che proi­bi­zio­ni­ste; per ridare dignità alla poli­ti­che di ridu­zione del danno; per incar­di­nare la spe­ri­men­ta­zione di nuove ini­zia­tive, dalle nar­co­sale ai pill-test sulle sostanze.

Come potete con­sta­tare, a dispetto di chi li accusa di ideo­lo­gi­smo set­ta­rio, gli anti­proi­bi­zio­ni­sti radi­cali sono sem­pre stati prag­ma­tici e con­creti. Ci atten­diamo dal governo una rispo­sta altret­tanto prag­ma­tica e con­creta, nella con­sa­pe­vo­lezza che ogni norma si riper­cuote su per­sone con­crete, vit­time del regime proi­bi­zio­ni­sta, fuori e den­tro le car­ceri. Non dimen­ti­chia­molo mai.

*Dire­zione Radi­cali Italiani



Related Articles

I bam­bini yemeniti stanno morendo di fame

Loading

Yemen. Secondo l’Unicef 96mila minori rischiano la vita per malnutrizione. Intensificati i raid su Sana’a, arrivati anche 800 soldati egiziani

Abbandono: l’86% degli italiani non conosce l’entità del fenomeno

Loading

Enfasi sui singoli casi ma scarsa attenzione all’analisi del fenomeno sui media. Per chi ha vissuto l’esperienza, il bisogno di

Passa la riforma della Sanità lombarda, di nuovo centrata sul privato

Loading

Lombardia Con 48 voti a favore e 26 contrari il Consiglio regionale approva il provvedimento dell’assessora Letizia Moratti, insorgono le opposizioni. Vittorio Agnoletto: «È il funerale della sanità pubblica»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment