«Aggiornare la Costituzione» Veronesi e Brambilla chiedono tutele per gli animali

«Aggiornare la Costituzione» Veronesi e Brambilla chiedono tutele per gli animali

Loading

Milano «È arrivato il momento di accogliere — tra i beni e i valori tutelati dai principi fondamentali della nostra Costituzione — l’ambiente, gli ecosistemi e gli animali in quanto esseri senzienti, capaci cioè di provare piacere e dolore e come tali degni non solo di rispetto ma anche di una diversa considerazione giuridica».
È con un «appello-manifesto» lanciato ieri che Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la difesa degli animali e dell’ambiente, e l’oncologo Umberto Veronesi chiedono al Parlamento di aggiornare la Carta costituzionale. «Ho depositato una proposta di legge per rivedere l’articolo 9 della Costituzione, inserendo la tutela dell’ambiente, degli ecosistemi e di tutte le specie animali laddove oggi è tutelato solo il paesaggio», dice Brambilla. All’incontro hanno partecipato i rappresentanti delle 34 associazioni riunite nella Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente.
Il documento rappresenta per Brambilla l’espressione di «una più moderna concezione dell’uomo e del suo rapporto con la natura», della quale «hanno già preso atto, almeno in parte, l’Unione Europea con il Trattato di Lisbona e numerose Costituzioni del continente», come quelle di Germania, Austria e Svizzera. «Appare strano — ragiona Brambilla — che non ci abbia ancora pensato l’Italia, Paese dallo straordinario patrimonio ambientale e ricco di biodiversità come nessun altro in Europa».
«Credo che vi siano le condizioni politiche e culturali per cambiare prospettiva e adottare una soluzione più moderna nel definire lo status giuridico degli animali, che all’alba del XXI secolo non possono essere ancora considerati “cose”», continua Brambilla. Che si è schierata contro il decreto legislativo che depenalizza i reati minori. «È molto pericoloso quanto ho letto nella bozza e daremo battaglia — anticipa —. Non si possono cancellare i reati considerati meno gravi con un colpo di spugna perché questo vorrebbe dire che tutte le conquiste per punire il maltrattamento verso gli animali verrebbero d’un tratto cancellate».


Related Articles

In Italia 301 mila enti non profit. Per l’86% la fonte di finanziamento principale è privata

Loading

I dati del censimento Istat sul non profit . Sono 681 mila gli addetti. Entrate per 64 miliardi, 57 miliardi di uscite. Un quinto delle associazioni fa raccolta fondi

“Ottocento migranti morti negli ultimi cinque giorni è un omicidio di massa” L’Onu lancia l’allarme

Loading

Altri naufragi di migranti al largo della Libia, dopo quello di Malta “Crisi umanitaria senza precedenti, 2.200 vittime da giugno”

La fusione Fiat-Chrysler è salva per un soffio recessi a quota 463 milioni

Loading

Il tetto oltre il quale saltava l’operazione di fusione era di 500 milioni. Prima di Wall Street solo la mini-incognita dei creditori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment