Cala il gelo sui morti della Mar­lane

Cala il gelo sui morti della Mar­lane

Loading

Luigi Pac­chiano, l’operaio che da solo nel 1995 ha ini­ziato la bat­ta­glia con­tro l’Eni e Mar­zotto, gira fra i ban­chi del mer­cato set­ti­ma­nale di Praia a Mare. Nes­suno lo ferma per chie­der­gli qual­cosa di quanto avve­nuto il giorno prima. Eppure i quo­ti­diani locali e nazio­nali sono andati a ruba dopo che la noti­zia dell’assoluzione si è sparsa in tutta la costa tir­re­nica. Tutti sanno ma nes­suno parla. Pac­chiano già prima della sen­tenza asso­lu­to­ria, assieme ai suoi com­pa­gni e amici del «Comi­tato per le boni­fi­che dei ter­reni», non era di certo ben visto. Era con­si­de­rato come quello che ha con­tri­buito alla chiu­sura della fab­brica e poco s’interessavano alle vit­time che quella fab­brica pro­du­ceva anno dopo anno.

Il lavoro prima di tutto. È con que­sta logica che tutti in quella fab­brica lavo­ra­vano in silen­zio. Anche davanti al tri­bu­nale di Paola in attesa della sen­tenza la sera di venerdì erano in pochi. Qual­che fami­liare e i mem­bri del Comi­tato, gli unici che da anni con­du­cono la bat­ta­glia per la boni­fica del ter­reno Mar­lane e per giun­gere alla verità su quanto avve­nuto den­tro la fabbrica.

Quei risar­ci­menti milionari

Alla noti­zia dell’assoluzione, nella gelida aula del tri­bu­nale non ci sono state esul­tanze, gli avvo­cati della difesa del Conte Mar­zotto sono rima­sti freddi, e così quelli delle parti civili. Gli unici ad inveire con­tro la sen­tenza i fami­liari di un ope­raio dece­duto per tumore pre­senti in aula e subito allon­ta­nati dalla poli­zia, giunta in forze da Cosenza sin dalla mat­tina pre­sto, spa­ven­tati dal sit-in lan­ciato dai mem­bri del Comi­tato. Poi tutti via a casa e gli avvo­cati di Mar­zotto a Lame­zia per pren­dere l’ultimo aereo per Milano. Eppure i pre­sup­po­sti per­ché finisse con un’assoluzione gene­rale c’erano. E i sospetti avreb­bero dovuto essere chiari fin da quanto il conte Mar­zotto un anno fa decise di risar­cire i 107 fami­liari degli ope­rai deceduti.

Mar­zotto decise di risar­cirli tutti senza atten­dere il ver­detto finale e sborsa diversi milioni di euro. Potrebbe essere vista, sotto certi aspetti, quasi come un’ammissione di colpevolezza.

Se Mar­zotto fosse stato certo della sua difesa, fatta di avvo­cati sonanti, forse non avrebbe sbor­sato tutto quel denaro, anche se con­si­de­rato poco rispetto alla strage. Evi­den­te­mente la cosa era andata più avanti. Non si trat­tava solo di risar­ci­mento ma anche di met­tere una pie­tra sopra alla vicenda dando un segnale pre­ciso alla Corte.

La sen­tenza di Paola, in defi­ni­tiva, ricalca le altre sen­tenze recen­te­mente ema­nate da vari altri tri­bu­nali d’Italia. Assolti quelli della Tys­sen­krupp, assolti quelli dell’amianto, assolti quelli della disca­rica di Bussi a Chieti, assolti quelli della Mar­lane. I padroni non si pro­ces­sano, que­sto è il mes­sag­gio forte e chiaro e in epoca di revi­sione dei diritti dei lavo­ra­tori, que­ste sen­tenze rien­trano per­fet­ta­mente nelle diret­tive gover­na­tive. Lo svi­luppo non può fer­marsi per qual­che morto, l’Italia ha biso­gno di cre­scita, inve­sti­menti nuovi, nuova produzione.

D’altra parte que­sto pro­cesso Mar­lane non lo voleva nes­suno sin dall’inizio ed è stato solo per un alli­nea­mento, quasi for­tuito, di varie que­stioni che si è aperto. L’input al pro­cu­ra­tore del Tri­bu­nale di Paola, Gior­dano Bruno, venne a seguito delle mani­fe­sta­zioni con­tro le navi dei veleni nel 2009. La mani­fe­sta­zione di Aman­tea aveva mostrato una Cala­bria che voleva uscire dalle trame dei ser­vizi segreti sul traf­fico dei rifiuti tos­sici e voleva a tutti i costi la verità sui tanti malati di tumore sparsi per la Cala­bria, da Cas­sano allo Ionio, alla valle dell’Olivo , a Praia a mare. La pm Anto­nella Lauri , prima pm dell’inchiesta, tirò fuori dai cas­setti impol­ve­rati e pieni di ragna­tele, le denunce di Pac­chiano, ope­raio della Mar­lane, che lì gia­ce­vano fin dal 1995 e comin­ciò a inda­gare su quanto avve­nuto in quella fab­brica dove si erano con­cen­trati cen­ti­naia e cen­ti­naia di morti ed amma­lati di tumore. I ten­ta­tivi di archi­via­zione dell’inchiesta fal­li­rono e si aprì il pro­ce­di­mento con 13 impu­tati eccel­lenti a comin­ciare da Pie­tro Mar­zotto e via via con tutti i respon­sa­bili della fab­brica, dalla Lane­rossi all’Eni.

Non si trat­tava di un pro­cesso indi­zia­rio, ma di un pro­cesso ricco di prove di ogni genere. I rifiuti tos­sici ritro­vati nel ter­reno della stessa fab­brica, le testi­mo­nianze di ope­rai che ammet­te­vano di averli sot­ter­rati loro stessi per ordine dei padroni, i camion con rifiuti spe­ciali pro­ve­nienti dalla Mar­lane fer­mati dai cara­bi­nieri nei pressi della disca­rica di Costa­pi­sola a Sca­lea (poi chiusa per inqui­na­mento), le regi­stra­zioni acqui­site agli atti di ope­rai legati ai padroni che ammet­te­vano di aver par­te­ci­pato a cene per pre­pa­rare le testi­mo­nianze, gli inter­ro­ga­tori ai quali sono stati sot­to­po­sti, nell’aula del tri­bu­nale di Paola decine di mogli di ope­rai e di fami­liari sulle con­di­zioni di salute. Su tutto e tutti la testi­mo­nianza resa davanti ai giu­dici da Luigi Pac­chiano ricca di rife­ri­menti pre­cisi, durata sei ore.

Ma la cosa più scon­vol­gente sono i risul­tati con­clu­sivi della super­pe­ri­zia redatta dai Ctu , nomi­nati dallo stesso pre­si­dente Intro­caso nelle per­sone di Maria Triassi (ordi­na­ria di Igiene all’Università Fede­rico II di Napoli), Betta Pier Giacomo(Specialista in ana­to­mia, pato­lo­gia, onco­lo­gia ‚edica, pato­lo­gia gene­rale), Pie­tro Comba(direttore di Epi­de­mio­lo­gia ambien­tale al Dipar­ti­mento ambiente e pre­ven­zione pri­ma­ria dell’Iss), Giu­seppe Paludi (Medi­cina interna, perito d’ufficio della Corte di Assise Napoli) che così scrivevano :

1) «Pos­siamo affer­mare che vi è rap­porto di cau­sa­lità tra l’esposizione a sostanze can­ce­ro­gene per il pol­mone e la vescica e l’incremento di pato­lo­gie neo­pla­sti­che riscon­trate; dob­biamo però chia­rire tale con­cetto sotto l’aspetto medico-legale. Abbiamo sog­getti iden­ti­fi­cati con cer­tezza attra­verso dati pro­ve­nienti da enti accre­di­tati: 15 sog­getti dece­duti per k (tumore, ndr) pol­mo­nare e 10 affetti da k Vesci­cale. Tali valori sono in eccesso rispetto al numero di casi attesi secondo cri­teri epi­de­mio­lo­gici accre­di­tati; gli stessi cri­teri epi­de­mio­lo­gici ci dicono che non vi è un incre­mento delle pato­lo­gie non neo­pla­sti­che col­le­gate al fumo il che cor­ro­bora il dato che l’incremento delle pato­lo­gie neo­pla­sti­che non sia cor­re­lato al fumo di siga­retta. Pos­siamo quindi dire che all’interno dell’insieme dei sog­getti dece­duti per k Pol­mo­nare e dei sog­getti affetti da k Vesci­cale, con ele­va­tis­sima pro­ba­bi­lità vi sono sog­getti che hanno svi­lup­pato la pato­lo­gia neo­pla­stica a causa della espo­si­zione alle pol­veri di sostanze can­ce­ro­gene in ambito lavo­ra­tivo; rite­niamo per tanto veri­fi­cato il nesso di cau­sa­lità tra la espo­si­zione a cromo vi e deri­vati ben­zi­dam­mi­ni­cie rispet­ti­va­mente i k pol­mo­nari e i k vescicali».

2) «Rite­niamo per­tanto di potere affer­mare che vi è stato un disa­stro ambien­tale per lo sver­sa­mento con­ti­nuo e costante di sostanza clas­si­fi­cata tos­sica e irri­tante capace in deter­mi­nate con­di­zioni di svi­lup­pare sostanze vola­tili irri­tanti come gli ossidi nitrosi, tale sostanza è pre­sente in grandi quan­tità nelle zone sot­to­po­ste a veri­fica e cir­co­stanti la Mar­lane; la tipo­lo­gia di sostanza è del tutto asso­cia­bile ad atti­vità di tes­si­tura come quella attuata presso la Marlane».

Il ter­reno in vendita?

I fatti erano dun­que più che evi­denti, in quella fab­brica non si usa­vano masche­rine, non veni­vano acqui­state ed è dimo­strato dalle bolle di acqui­sto dell’azienda, non veni­vano usate tute, non veniva arieg­giato il locale della tin­to­ria che era in un ambiente unico fatto di vapori vene­fici, i freni dei telai, oltre 120, erano fatti di amianto che a ogni fre­nag­gio face­vano sca­tu­rire pol­veri che si spar­ge­vano in tutto il capannone.

Ma la prova vera e reale era la con­cen­tra­zione di tan­tis­simi amma­lati e morti di tumore che pesa­vano come maci­gni sulla coscienza di tutti coloro che ave­vano fatto di quella fab­brica una fab­brica elet­to­rale. Oltre che di morte .

Ora Mar­zotto forse festeg­gerà, anche per­ché, con il ter­reno dis­se­que­strato, potrebbe avviare una finta boni­fica di qual­che cen­ti­naio di metri qua­drati e pro­ce­dere alla ven­dita del ter­reno per una spe­cu­la­zione edi­li­zia già pronta e in parte appro­vata dalla pre­ce­dente giunta con il sin­daco Lomo­naco, ex impu­tato e oggi tra gli assolti.

È per tutto ciò che la gente non parla. I sog­getti della vicenda, sia quelli impu­tati che quelli non entrati nell’inchiesta come l’attuale sin­daco Anto­nio Pra­ticò, sono ancora potenti, appar­te­nenti alla poli­tica, che gesti­scono clien­tele e ami­ci­zie. Non si sa mai, potreb­bero sem­pre ser­vire per un posto di lavoro, per qual­che figlio o parente. È stata que­sta la logica che ha per­vaso gli anni della Mar­lane ed è su que­sta logica che si con­ti­nua a ope­rare in tutto il ter­ri­to­rio. Gli unici a par­lare e con­ti­nuare la lotta gli atti­vi­sti del Comi­tato che in rispo­sta a tutto quanto avve­nuto lan­ciano un sit-in davanti il cimi­tero di Praia a Mare per le ore 10 del 31 dicem­bre. Depo­si­te­ranno in silen­zio una corona di fiori per ricor­dare que­gli ope­rai morti inu­til­mente. Nes­suno più crede nella giu­sti­zia e nes­suno più vuole par­lare di appelli, di Cas­sa­zione, di ricorsi. Il mes­sag­gio è stato forte e chiaro, in Cala­bria coman­dano loro e solo loro.



Related Articles

Draghi: alcuni Paesi a rischio per crisi bancarie e debiti pubblici

Loading

“Incoraggianti gli aumenti di capitale delle nostre imprese”. Le riforme hanno rafforzato il sistema finanziario ma restano ancora sacche di debolezza. Impatto forte sui prezzi dell’energia da Giappone e petrolio

«Vogliamo una trattativa vera», dopo 8 anni la Fiom incontra Fca

Loading

La segretaria delle tute blu Cgil Francesca Re David: «No ai tavoli separati con gli altri sindacati. Sono un vulnus democratico non più sopportabile»

“La vera pressione fiscale arriva al 53%”

Loading

La Corte dei Conti accusa: politica anti-evasione ondivaga e contraddittoria

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment