Jobs Act, prima del voto vengono i manganelli

Loading

Il Senato ha dato il via libera defi­ni­tivo al Jobs Act con 166 si, 112 no e un aste­nuto ieri alle 19,43 . Cin­que ore prima a pochi metri di distanza, oltre le linee di un eser­cito di cen­ti­naia di poli­ziotti, cara­bi­nieri e finan­zieri, in via delle Bot­te­ghe Oscure, la vio­lenza dei man­ga­nelli. Uno spet­ta­colo gra­tuito e inspie­ga­bile quello visto ieri nelle strade di Roma. Il volto più edu­cato, ma ugual­mente pre­gno di con­te­nuti, il governo l’ha mostrato in aula quando il mini­stro del Lavoro Giu­liano Poletti ha annun­ciato la fidu­cia per tagliare le gambe alla sini­stra Dem e zit­tirla sulla riforma del lavoro. Dopo le 14 tra piazza Sant’Andrea della Valle e i binari del tram 8, davanti al tea­tro Argen­tina, ha mostrato quello più arbitrario.

Le forze dell’ordine schie­rate con decine di camio­nette e un cen­ti­naio di uomini hanno negato a tre­cento per­sone di tor­nare a Sant’Andrea della Valle, la piazza con­cor­data con la Que­stura di Roma fino alle 18. Dopo averli tenuti in ostag­gio per più di un’ora, davanti all’insistenza dei mani­fe­stanti di uscire dall’accerchiamento, è par­tita una carica. Due per­sone sono state fer­mate, poi rila­sciate. Altre pic­chiate. Erano inermi. La testi­mo­nianza di nume­rosi video da ore in rete mostra la durezza delle scene. «Con­te­ni­mento per impe­dire di tor­nare al Senato» lo defi­ni­sce una nota della Que­stura capi­to­lina che sostiene di avere seque­strato 30 petardi e 26 fumo­geni. Oggetti evi­den­te­mente peri­co­losi al punto da can­cel­lare la cla­mo­rosa spro­por­zione delle forze in campo. Lasciando defluire un cor­teo paci­fico si sareb­bero evi­tati anche i lanci di petardi e inu­tili ten­sioni. Al vaglio ci sono le imma­gini riprese dalle tele­ca­mere mon­tate sulle uni­formi degli agenti. Il cor­teo era par­tito verso mez­zo­giorno dal Colos­seo con più di cin­que­cento persone.

«In tutta Europa si mani­fe­sta con­tro leggi che sono ipo­te­che sul futuro di milioni di per­sone — ha com­men­tato Fran­ce­sco Rapa­relli del labo­ra­to­rio romano per lo scio­pero sociale, uno dei fer­mati — A Roma no. è vie­tato mani­fe­stare libe­ra­mente». «Il nuovo que­store di Roma ha esor­dito in maniera igno­bile — ha detto il por­ta­voce Cobas Piero Ber­noc­chi — Non vor­rei che quanto acca­duto risulti sulla stampa come dipeso da un poli­ziotto ner­voso. Chi ha deciso que­ste cari­che? Renzi è come il padre del Bud­dha che nascon­deva i fiori morti al figlio, non vuole vedere con­te­sta­zioni e su que­sto ha messo il carico da undici anche Alfano». «Si è sve­lata la natura auto­ri­ta­ria del governo, che pre­fe­ri­sce far man­ga­nel­lare stu­denti mino­renni che stanno occu­pando le scuole con­tro La Buona Scuola e il Jobs Act invece di rispon­dere ai loro reali biso­gni» sostiene Danilo Lam­pis (Uds). «Que­sta vicenda non fini­sce qui — la bat­ta­glia pro­se­guirà con­tro i decreti attua­tivi della legge delega, per impe­dire che ven­gano can­cel­lati diritti e tutele — sostiene il sin­da­cato Usb — la bat­ta­glia pro­se­guirà con­tro i decreti attua­tivi della legge delega, per impe­dire che ven­gano can­cel­lati diritti e tutele».

Decreti che ver­ranno appro­vati entro giu­gno. «Le opi­nioni espresse in par­la­mento saranno tenute in con­si­de­ra­zione nella loro ste­sura» ha detto Poletti. Saranno cin­que e riguar­dano gli ammor­tiz­za­tori sociali, i ser­vizi per il lavoro, la sem­pli­fi­ca­zione, il rior­dino delle forme con­trat­tuali e la con­ci­lia­zione. Si can­cel­lerà l’articolo 18 sul licen­zia­mento per i neo-assunti che ver­ranno sot­to­po­sti alla disci­plina del «con­tratto a tutele cre­scenti». Le loro tutele saranno vin­co­late al periodo di lavoro svolto. Meno si lavora, meno soldi si rice­vono. Una svolta nella recente, e tri­bo­lata, sto­ria del diritto del lavoro sem­pre più rical­cato sulle esi­genze delle imprese. In aula, durante la discus­sione, i sena­tori di Sel hanno pro­te­stato mostrando car­telli con la scritta: «Jobs Act: ritorno all’800». Per Poletti, invece, «non sono le regole a pro­durre posti di lavoro, ma siamo con­vinti che un buon con­te­sto aumenti l’opportunità». Il con­te­sto è quello dove la disoc­cu­pa­zione è arri­vata al 13,2%, +286 mila in un anno, e quella gio­va­nile è fuori con­trollo: 43,3%. Il pre­mier Renzi si è invece com­pli­men­tato su twit­ter: «Que­sta è #lavol­ta­buona. E noi andiamo avanti». Nella dire­zione vista ieri a Roma. Il sena­tore Pd Cor­ra­dino Mineo non ha votato la fidu­cia. Lorenza Ric­chiuti e Felice Cas­son (Pd) erano assenti.



Related Articles

Migliaia manifestano in Italia contro l’annessione israeliana: «La Palestina non è più in vendita»

Loading

Presidi in 18 città organizzati dalle comunità palestinesi d’Italia. A Roma tantissimi giovani, i partiti della sinistra, la comunità curda, ebrei italiani, l’Anpi

IL PAESE DEGLI UMILIATI

Loading

 TRAGEDIE come quelle di Civitanova Marche aprono improvvisi squarci su vite umiliate, dove la fatica della vita quotidiana, la difficoltà  a fare fronte a bisogni minimi, fa perdere poco a poco la speranza.

Unicredit, Profumo a processo per frode fiscale

Loading

Accolta la richiesta della procura. Il banchiere: “Sempre corretto, fiducia nei giudici”   Il presidente Mps a giudizio con altri 19 per il caso Brontos: “Pagate meno tasse per 254 milioni” 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment