Bloc­kupy Francoforte chiama Atene e viceversa

Bloc­kupy Francoforte chiama Atene e viceversa

«First we take Athens, then we take … Let’s meet in Frank­furt 18 March». Dome­nica pome­rig­gio, gra­zie a un’azione a sor­presa, que­sto grande stri­scione cam­peg­giava sul sim­bolo dell’euro a Fran­co­forte, ai piedi della sto­rica sede della Banca Cen­trale Euro­pea. A piaz­zarlo su una delle più note icone della crisi sono stati oltre due­cento tra atti­vi­ste e atti­vi­sti della coa­li­zione Bloc­kupy, che hanno sospeso per mezz’ora i lavori dell’incontro di coor­di­na­mento in corso, a poche cen­ti­naia di metri, nella sede della Dgb.

«Prima pren­diamo Atene, poi … Tutti a Fran­co­forte il 18 marzo» dun­que, che, accom­pa­gnato da una mano di vivace ver­nice rossa a rico­prire la prima delle stelle del fir­ma­mento mone­ta­rio, sin­te­tizza effi­ca­ce­mente il mes­sag­gio lan­ciato da due giorni di discus­sione e orga­niz­za­zione in vista del Day X.

Poco è finora tra­pe­lato sui det­ta­gli logi­stici della ceri­mo­nia d’inaugurazione della nuova Euro­to­wer il pros­simo 18 marzo.

Con ogni pro­ba­bi­lità essi saranno cali­brati sulla valenza poli­tica che le élite euro­pee inten­de­ranno attri­buire all’occasione. Sce­glie­ranno il basso pro­filo, con la pre­senza «tec­nica» dei soli gover­na­tori delle Ban­che nazio­nali, mem­bri del Con­si­glio diret­tivo della Bce? Par­te­ci­pe­ranno solo i ver­tici isti­tu­zio­nali dell’Unione — Com­mis­sione, Con­si­glio e Par­la­mento – a mar­care il carat­tere di pre­sunta «indi­pen­denza» della Banca dalle logi­che intergovernative?

O si trat­terà piut­to­sto del primo vero sum­mit dei capi di stato e di governo, teso a rap­pre­sen­tare, a bene­fi­cio di tele­ca­mere, un’artefatta coe­sione euro­pea all’indomani dei risul­tati delle ele­zioni in Grecia?

A oggi nes­suno può dirlo, pro­prio per­ché molto dipen­derà dalla pre­senza o meno, tra quei capi di governo, di un gio­vane inge­gnere ate­niese, Ale­xis Tsi­pras. Dalla forza del risul­tato elet­to­rale che avrà otte­nuto Syriza, dalle carat­te­ri­sti­che del governo che sarà riu­scito a for­mare, dai primi passi che pro­verà a com­piere. E soprat­tutto dalle dina­mi­che reat­tive che quest’evento avrà messo in movi­mento. Su ogni piano.

Ne è per­fet­ta­mente con­sa­pe­vole la coa­li­zione tede­sca di Bloc­kupy, che vede la cre­scente par­te­ci­pa­zione, lungo un cam­mino che conta ormai più di tre anni, di orga­niz­za­zioni e reti di movi­mento come la Inter­ven­tio­ni­sti­sche Linke e Ums Ganze!; di gruppi fem­mi­ni­sti, asso­cia­zioni attive nella soli­da­rietà inter­na­zio­nale e di realtà come Attac; di strut­ture sin­da­cali di set­tore (come i ser­vizi pub­blici rap­pre­sen­tati daVer.Di.); di un par­tito come Die Linke, ma anche di sezioni ed eletti locali di Pira­tenGrü­nen.

E, non a caso, Bloc­kupy ha preso parola pro­prio dome­nica sulle ele­zioni in Gre­cia del 25 gen­naio: «Una mag­gio­ranza di sini­stra e un nuovo governo che rompe con i dik­tat dell’austerità che ven­gono da Ber­lino e Bru­xel­les sem­bra fat­ti­bile. Per milioni di per­sone che hanno perso il lavoro, l’assistenza sani­ta­ria e il red­dito, que­sto rap­pre­senta un motivo di spe­ranza. E ciò vale non solo in Gre­cia, ma ben oltre».

Ma è anche par­tita la cam­pa­gna, dalla Ger­ma­nia in par­ti­co­lare, di minacce e ricatti nei con­fronti dell’elettorato greco.

La rispo­sta non può che essere il rifiuto di ogni ripie­ga­mento nazio­na­li­sta e il soste­gno incon­di­zio­nato ai «com­pa­gni greci» nella lotta alle poli­ti­che di impo­ve­ri­mento e inde­bi­ta­mento: «Insieme ai movi­menti di tutta Europa difen­de­remo il diritto del popolo a rom­pere con la poli­tica della crisi». Anche per­ché l’ascesa di Syriza stessa non potrebbe essere com­presa senza tener conto dei «mol­te­plici approcci verso l’autorganizzazione del comune oltre il mer­cato e lo stato, senza le lotte sociali di massa con­dotte negli ultimi anni».

Lo ha pun­tual­mente ricor­dato Chri­stos Gio­va­no­pou­los, della rete di espe­rienze auto­ge­stite di mutua­li­smo e coo­pe­ra­zione «Soli­da­rity for All», inter­ve­nendo insieme ad atti­vi­sti pro­ve­nienti da una decina di diversi paesi all’incontro di coor­di­na­mento euro­peo: «La pos­si­bi­lità di sol­le­varsi viene dalle strade, dalla forza e dall’autonomia dei movi­menti e delle reti, dall’iniziativa delle per­sone, che non vogliono essere solo vit­time delle poli­ti­che della crisi, ma vogliono pren­dere la sto­ria nelle loro mani».

Per que­sto l’apertura della pos­si­bi­lità offerta da un’eventuale vit­to­ria elet­to­rale di Syriza non può essere pra­ti­cata nei clas­sici ter­mini di una pur dove­rosa «soli­da­rietà al popolo greco». È invece occa­sione per porre in que­stione, in tutta Europa, la sta­bi­lità del regime dell’austerity con tutto ciò che com­porta in ter­mini di inte­grale pre­ca­riz­za­zione delle vite dei molti.

Il pro­cesso riguarda, sep­pur in diverse pro­por­zioni, ogni paese. Come testi­mo­niato in Ger­ma­nia dalla ver­tenza dei grandi cen­tri di stoc­cag­gio e distri­bu­zione delle merci di Ama­zon, là dove le lotte per la con­qui­sta di diritti con­trat­tuali minimi si sono pro­fi­cua­mente intrec­ciate, nelle scorse set­ti­mane, con il per­corso di Bloc­kupy: pre­sto per dire se, come pro­po­sto da diversi gruppi di lavo­ra­tori del colosso dell’e-commerce, i magaz­zini scio­pe­re­ranno il 18 marzo. In ogni caso il dibat­tito sulla pos­si­bile tra­du­zione su scala trans­na­zio­nale della potente sug­ge­stione dello «scio­pero sociale» attra­versa e inter­roga tutta la coalizione.

Così come è dal fronte sin­da­cale che pro­viene una delle novità più signi­fi­ca­tive in vista della «gior­nata d’azione» del 18, con l’adesione per la prima volta della stessa orga­niz­za­zione con­fe­de­rale Dgb e dei metal­mec­ca­nici della Ig Metall nella regione dell’Assia.

Ade­sione che dev’essere intesa come attiva par­te­ci­pa­zione all’intera gior­nata, con la con­di­vi­sione dell’ampio con­senso, rag­giunto dal coor­di­na­mento nello scorso fine set­ti­mana, intorno a forme e moda­lità delle ini­zia­tive: dai bloc­chi annun­ciati fin dalle prime ore del mat­tino, fina­liz­zati a impe­dire la tran­quilla cele­bra­zione del potere finan­zia­rio rap­pre­sen­tato dalla nuova torre di vetro, cemento e acciaio e a scon­vol­gere l’ordinaria cir­co­la­zione di merci e per­sone nella city delle prin­ci­pali isti­tu­zioni eco­no­mi­che, pub­bli­che e pri­vate, d’Europa, fino alla grande mani­fe­sta­zione del pomeriggio.

Obiet­tivo di tutte le com­po­nenti di Bloc­kupy è la com­bi­na­zione di atti effi­caci di «disob­be­dienza civile» con la capa­cità di comu­ni­care e di coin­vol­gere la metro­poli a tre­cen­to­ses­santa gradi.

Il supe­ra­mento delle tra­di­zio­nali, e ormai limi­tanti divi­sioni tra movi­menti sociali, par­titi e sin­da­cati viene visto, da molti nel dibat­tito di Bloc­kupy, come un’urgente neces­sità per avviare quel pro­cesso poli­tico trans­na­zio­nale, capace di «cogliere l’occasione» nella fine­stra che si apre per il cam­bia­mento in Europa. In que­sto senso s’inserisce, ad esem­pio per l’Italia, a fianco del pro­ta­go­ni­smo di diverse reti di movi­mento e cen­tri sociali, l’annunciata par­te­ci­pa­zione al 18 marzo sia della Lista Tsi­pras sia di Sel, che ha uffi­cial­mente ade­rito e ne discu­terà anche nel work­shop dedi­cato alle que­stioni euro­pee di Human Factor.

La mobi­li­ta­zione di Fran­co­forte potrebbe così costi­tuire un primo banco di prova per la volontà di molti a con­ver­gere verso quell’«anticipazione della pri­ma­vera», di cui tutta Europa ha dram­ma­ti­ca­mente bisogno.



Related Articles

“Sulla Tav andremo avanti lo Stato tutela chi protesta ma non tolleriamo violenze”

Monti: non possiamo staccare l’Italia dall’Europa Il governo   Il commissario Virano: minoranza ristretta cerca lo scontro per ragioni che vanno oltreCon la Tav si dimezzano i tempi di percorrenza: ad esempio da Parigi a Milano si passa da sette a quattro oreIl governo ha analizzato la situazione senza sentirsi legato agli impegni presi dai governi precedenti 

I figli della crisi, la forza trasversale di Podemos

Spagna. Giovani, anziani e occupanti di case, Si chiude in periferia la campagna di Iglesias

Rajoy perde il primo test elettorale

MADRID – Smentiti tutti i sondaggi: il Partido Popular (Pp) vive la prima battuta d’arresto dopo un anno di travolgenti successi elettorali. Le inchieste d’opinione pronosticavano da mesi un trionfo storico della destra in Andalusia che, alla fine, non c’è stato: il Pp non riesce a conquistare la maggioranza assoluta nel parlamento della più popolosa Comunità  autonoma della Spagna.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment