De Gennaro chiama a Finmeccanica un uomo della Diaz

De Gennaro chiama a Finmeccanica un uomo della Diaz

Ha finito di scontare la pena nel giugno scorso. E in attesa del reintegro in polizia, ha ottenuto un contratto di consulenza con Finmeccanica per occuparsi del settore della sicurezza. Gilberto Caldarozzi, l’ex capo del Servizio centrale operativo, condannato a tre anni e otto mesi di reclusione nel processo per l’irruzione alla scuola Diaz durante il G8 di Genova del 2001, lavora per la holding specializzata in sistemi di difesa guidata da Mauro Moretti da un paio di settimane. Ha raggiunto l’attuale presidente dell’Ente, Gianni De Gennaro, all’epoca capo della polizia, del quale Caldarozzi era certamente uno dei collaboratori più stretti. Diventato famoso per aver catturato tra gli altri il boss mafioso Bernardo Provenzano, l’alto funzionario è stato riconosciuto colpevole di falso per aver firmato i verbali che attestavano il sequestro delle bottiglie molotov all’interno della Diaz durante il blitz nella notte tra il 20 e il 21 luglio di quattordici anni fa. E per questo, oltre alla condanna, interdetto per cinque anni dai pubblici uffici. Dopo la sentenza definitiva pronunciata dalla Cassazione, i giudici del tribunale del Riesame di Genova gli avevano negato l’affidamento in prova ai servizi sociali. Decisione poi ribadita dalla Suprema Corte. Gli otto mesi di pena (il resto era coperto dall’indulto) li ha scontati agli arresti domiciliari con il permesso di lavorare presso l’ufficio sicurezza di un istituto di credito e svolgere attività di volontariato in un’associazione antiracket. Nessun commento viene dai diretti interessati, l’unica indiscrezione filtrata da Finmeccanica è che si tratta di una consulenza con contratto a tempo determinato. Una limitazione che probabilmente non basterà per evitare le polemiche.



Related Articles

Torna in libertà  il killer nero Pierluigi Concutelli

“Non mi pento di nulla”. Vittorio Occorsio, nipote del giudice assassinato: meritava la morte. L’ex capo di Ordine Nuovo ha passato in cella 32 anni, ora è stato rilasciato per motivi di salute

Il Pdl spinge: subito al voto Bossi: così non può continuare

Giallo su una frase del Senatur. Casini: governo di responsabilità .  Bondi: sotterfugi a danno del Paese Mastella: se Silvio non va subito alle elezioni è fregato 

L’inflazione colpirà  il popolo dei bot

La corsa dei prezzi nei Paesi emergenti segna la fine di un’era. I rendimenti dei titoli di Stato saranno risibili. Da metà  anni ‘90, dopo 20 anni da protagonista, l’inflazione è scomparsa. La “grande moderazione” del periodo non è stata solo appannaggio dei paesi dell’Eurozona, grazie alla moneta unica, e del mondo industrializzato, ma è stato un fenomeno globale: fra i dati sull’inflazione di circa 60 paesi che l’Economist pubblica settimanalmente, si faticava a trovarne due o tre superiori al 4-5%.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment