I nove passi per ripudiare il debito pubblico

I nove passi per ripudiare il debito pubblico

Loading

La rine­go­zia­zione radi­cale dei debiti pub­blici dei paesi dell’eurozona in dif­fi­coltà, inclusa da tempo nel pro­gramma di Syriza e con­di­visa dall’Altra Europa, pre­senta risvolti com­plessi e deli­cati che vanno affron­tati anche in sede tec­nica: per pre­ve­derne le con­se­guenze macroe­co­no­mi­che più dirom­penti e cer­care di pre­ve­nirle; ma soprat­tutto per pro­teg­gere i pic­coli risparmiatori.

Nell’affrontare que­sti pro­blemi occorre met­tere però al primo posto la «poli­tica» e non l’«economia», le scelte che pos­sono orien­tare il con­flitto sociale e non l’idea che il sistema possa con­ti­nuare o addi­rit­tura ripren­dere a fun­zio­nare come sempre.

Siamo di fonte o alla vigi­lia di una grande rot­tura: «L’Europa è a un bivio», come recita l’incipit dell’appello da cui è nata la lista L’Altra Europa con Tsi­pras. Per que­sto, prima di entrare negli ine­lu­di­bili aspetti tec­nici è oppor­tuno fis­sare alcuni punti di carat­tere generale.

1. I debiti pub­blici di alcuni paesi dell’eurozona, tra cui Gre­cia e Ita­lia, ma non solo, sono inso­ste­ni­bili. Quale che sia lo spread, gli inte­ressi da pagare sono tali che divo­rano le risorse senza con­sen­tire, non solo una «cre­scita» dura­tura, ma nem­meno il livello di atti­vità eco­no­mica rag­giunto in pas­sato. Per non par­lare della resti­tu­zione di una parte con­si­stente del debito, come pre­vi­sto dal fiscal com­pact, di cui non a caso nes­suno parla più — in realtà gli eco­no­mi­sti ne hanno sem­pre par­lato il meno pos­si­bile e nes­suno ha ancora esi­bito un cal­colo atten­di­bile sul tasso (astro­no­mico) di cre­scita neces­sa­rio per rispet­tarlo: cioè per ripor­tare in 20 anni il debito al 60 % del Pil.

2. La crisi greca non fa che por­tare alla luce que­sto dato. L’intervento della Tro­jka (Bce, Fmi e Com­mis­sione euro­pea) ha già com­por­tato — biso­gna ricor­darlo a chi si lascia spa­ven­tare dalle parole — ben due default, per quanto «pilo­tati»; ma giunto al suo ter­mine pro­gram­mato, era chiaro, sia al governo greco che alla Tro­jka, che nes­sun pro­blema era stato risolto; e nem­meno affron­tato seria­mente. Il pre­sunto ritorno della Gre­cia a una cre­scita, peral­tro irri­so­ria, è solo — come ha dimo­strato l’economista greco Jan­nis Milios sul mani­fe­sto del 30.12 — l’effetto di un’illusione contabile.

Il pre­mier greco Sama­ras ha così cer­cato di aggi­rare la resa dei conti con una mossa poli­tica, anti­ci­pando le ele­zioni e spe­rando di pren­dere in con­tro­piede Syriza, soprat­tutto per non rispon­dere – e per per­met­tere alla Tro­jka di non rispon­dere – di que­sto fallimento.

3. A livello macroe­co­no­mico i pro­blemi che si tro­verà di fronte Syriza, se andrà al governo, sono gli stessi che si sarebbe tro­vato di fronte Sama­ras a feb­braio. L’insostenibilità del debito greco sarebbe comun­que emersa, con gli stessi effetti dirom­penti che tutti si aspet­tano da un governo Tsi­pras; effetti che non deri­vano tanto dalle dimen­sioni del debito greco, com­ples­si­va­mente ridotte rispetto al Pil dell’eurozona, ma dal fatto di met­tere in evi­denza l’insostenibilità di tanti altri debiti, a par­tire da quello ita­liano, assai più consistenti.

Ora la pro­ba­bile vit­to­ria di Syriza obbliga tutti i gio­ca­tori di que­sta par­tita a sco­prire le loro carte.

4. Carte che però non ci sono. Debiti e poli­ti­che di auste­rity sono gestiti da un per­so­nale che, in tutte le sue arti­co­la­zioni — finan­zia­rie, ammi­ni­stra­tive e poli­ti­che (par­titi, sin­da­cati e asso­cia­zioni impren­di­to­riali) — non ha la cul­tura per ela­bo­rare delle alter­na­tive (un «piano B») al disa­stro pro­vo­cato dalla strada imboc­cata: «Non c’è alter­na­tiva», diceva la That­cher. Junc­ker e il suo piano da 300 miliardi fan­ta­sma ne sono la mani­fe­sta­zione più evidente.

Le misure di soste­gno atti­vate, com­prese quelle pre­an­nun­ciate da Dra­ghi, non fanno che libe­rare le ban­che fran­cesi, tede­sche e inglesi dai cre­diti inca­gliati, tra­sfe­ren­done l’onere sia sulle ban­che dei paesi più a rischio (che hanno usato i fondi della Bce per rile­vare una parte del debito dete­nuto all’estero), sia diret­ta­mente, su Bce e fondo salvastati.

Manca qual­siasi idea seria su come soste­nere occu­pa­zione (che non dipende certo dalle cosid­dette «riforme», cioè dalla pre­ca­riz­za­zione del lavoro) e inve­sti­menti (soste­ni­bili solo se desti­nati alla con­ver­sione eco­lo­gica — cosa che richiede una forte ini­zia­tiva a livello locale — e non, come si pensa di fare, a Grandi Opere, che disper­dono risorse, deva­stano ter­ri­tori, oppri­mono le popo­la­zioni e pro­du­cono mafia e corruzione).

5. In que­ste con­di­zioni la defla­gra­zione dell’euro – anche a pre­scin­dere dalle que­stioni più gravi che pre­mono ai con­fini della «for­tezza Europa» — bel­li­ge­ranze senza più fron­tiere, crisi ambien­tale, ritorno alla guerra fredda e milioni di pro­fu­ghi — è solo que­stione di tempo. Ma le sue con­se­guenze sareb­bero cer­ta­mente più gravi di alcuni default pilo­tati, come quelli che potreb­bero venir decisi nella con­fe­renza sul debito pro­po­sta da Syriza. È poi inu­tile ripe­tere che l’«uscita dall’euro» pre­di­cata da Grillo, Sal­vini, Marine Le Pen e Alter­na­tive für Deu­tschland non è una solu­zione: pro­vo­che­rebbe, a catena, altret­tanto scon­quasso nei sin­goli stati e una corsa gene­ra­liz­zata alle sva­lu­ta­zioni com­pe­ti­tive da cui lavo­ra­tori e fami­glie rica­ve­reb­bero solo bastonate.

Diverso è il caso dell’eventuale intro­du­zione di monete alter­na­tive locali non con­ver­ti­bili, o dei cer­ti­fi­cati di cre­dito fiscale pro­po­sti da Ruf­folo e Sylos Labini, per soste­nere la domanda: potreb­bero far fronte alle esi­genze più impellenti.

6. La pro­po­sta di Syriza ha comun­que il duplice merito di met­tere all’ordine del giorno il pro­blema della soste­ni­bi­lità dell’euro nei suoi ter­mini reali e di pro­spet­tare una via per affron­tarlo. Natu­ral­mente, per andare a buon fine, dovrà tro­vare ade­guato soste­gno sia dalle forze poli­ti­che — innan­zi­tutto da quelle della Gue che ne hanno con­di­viso il pro­gramma, a par­tire dalla tede­sca Die Linke, il cui ruolo è per que­sto stra­te­gico – sia dalle forze sociali che si stanno mobi­li­tando con­tro l’austerità.

7. L’obiettivo di una ristrut­tu­ra­zione del debito pub­blico ita­liano va inse­rito e soste­nuto in que­sto con­te­sto. È com­pito delle forze che lo con­di­vi­dono tra­durlo in misure pra­ti­ca­bili e ren­derlo com­pren­si­bile e accet­ta­bile distin­guendo la difesa del pic­colo rispar­mio dal disarmo delle isti­tu­zioni finan­zia­rie nazio­nali ed estere respon­sa­bili delle atti­vità spe­cu­la­tive che hanno messo alle corde molti Stati.

Non è cosa facile: anche se il valore dei titoli di stato in mano ai rispar­mia­tori ita­liani è ridotto (non supera i 200 miliardi), molte altre forme di rispar­mio – fondi, assi­cu­ra­zioni e pre­vi­denza inte­gra­tiva – dipen­dono da inve­sti­menti in que­sti titoli. Per que­sto occorre esi­gere la sepa­ra­zione delle fun­zioni, non solo tra ban­che com­mer­ciali e ban­che di inve­sti­mento, ma anche tra l’allocazione del debito pub­blico su varie forme di rispar­mio minuto e le ope­ra­zioni spe­cu­la­tive fatte in pro­prio da fondi e ban­che d’affari.

8. Tutto ciò rende urgente un con­fronto sulle solu­zioni per ridurre e ren­dere accat­ta­bile il ridi­men­sio­na­mento for­zoso dei debiti pubblici.

La più sem­plice, più volte pro­spet­tata, è la mutua­liz­za­zione della parte dei debiti degli Stati mem­bri che eccede il 60 per cento dei rispet­tivi Pil, finan­zian­dola con un piano plu­rien­nale di crea­zione di nuova moneta (quan­ti­ta­tive easing) o con l’emissione di euro­bond da parte della Bce. Ciò ripor­te­rebbe gli inte­ressi a un livello soste­ni­bile, anche se con la seconda solu­zione si lasce­rebbe comun­que tutto il debito pub­blico in mano alla finanza pri­vata, per­pe­tuando la scelta di fondo — il «divor­zio» tra banca cen­trale e auto­rità poli­tica — che ci ha por­tato in que­sto caos. Ma con­tro quelle solu­zioni è stato già eretto un muro di no.
Se la prova di forza di un governo greco gui­dato da Syriza non riu­scirà ad abbat­terlo, si dovranno cer­care altre solu­zioni; che vanno comun­que tutte in dire­zione di una rifon­da­zione dell’Unione Euro­pea su basi mutua­li­sti­che e solidali.

9. Per aprire la discus­sione sulla rine­go­zia­zione dei debiti e su que­sti temi ser­vi­rebbe un gruppo di lavoro che sca­val­chi le divi­sioni tra le diverse com­po­nenti delle forze che si oppon­gono alle poli­ti­che di auste­rità. Sarebbe un primo esem­pio di una ini­zia­tiva uni­ta­ria, costruita su temi con­creti, ma di por­tata strategica.



Related Articles

L’ex operaio che sfidò Marchionne (dicendo cose di sinistra)

Loading

Uno sconosciuto esce dalla sede di Confindustria a Roma e si trova davanti le luci e le telecamere delle tv. Sera del 10 giugno 2010, è appena finito il vertice della Fiat con le organizzazioni sindacali che hanno appena deciso di firmare l’accordo per Pomigliano. Tranne la Fiom.

Volkswagen accelera sulle vendite entro l’anno sorpasso su Toyota

Loading

Le aziende del trasporto si fermano per la prima di 5 giornate. Paralisi al porto di Genova.Previsti 8,1 milioni di auto. Ma c’è il faro di Moody’s  Tir a motori spenti, sciopero al via il governo: la protesta è illegittima.  L’agenzia di rating teme la rottura con Suzuki: “Problema per la crescita in Asia” 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment