Le Pen in provincia con mille persone: a Parigi non ero gradita

Le Pen in provincia con mille persone: a Parigi non ero gradita

Loading

 PARIGI La leader del Front National, Marine Le Pen, tra i milioni di persone in marcia a Parigi non c’era. «Quando qualche giorno fa si è cominciato a parlare della grande manifestazione ho detto subito che noi avremmo partecipato, ma non sono stata invitata e non ho l’abitudine di andare dove non sono gradita».
«Escludendo me hanno escluso un elettore su quattro», aveva detto in un’intervista al Corriere della Sera . Gli avversari politici invece la accusano di avere approfittato degli imbarazzi per la sua eventuale presenza, per presentarsi all’opinione pubblica come una vittima e ancora una volta sottolineare la sua differenza con il resto della classe politica.
Così, mentre a Parigi milioni di cittadini sfilavano con i politici di governo e opposizione, e cinquanta capi di Stato e di governo di tutto il mondo, la grande esclusa Marine Le Pen ha manifestato a Beaucaire, nel Gard (Sud della Francia), con un gruppo di sostenitori entusiasti ma poco numerosi (un migliaio di persone). «Grazie di essere qui a difendere i valori della libertà!», ha detto la leader del Front National dal balcone del municipio, dove era appeso uno striscione «Je suis Charlie — Omaggio alle vittime del terrorismo islamico». «Siamo a casa nostra!» le hanno risposto i simpatizzanti, ricorrendo allo slogan classico dei raduni e dei congressi — l’ultimo a Lione a novembre — del Front National.
«Gli eventi di questa settimana devono soprattutto permettere di aprire il dibattito, a partire da domani — ha detto poi Marine Le Pen —. Dobbiamo parlare di quello che è stato fatto, e di quello che non è stato fatto. La politica internazionale condotta dalla Francia è quella giusta? E davvero tutto viene fatto per lottare contro la piaga del terrorismo islamico?». E a proposito della grande manifestazione di Parigi, «è una grande lavatrice, che permette a molti di non rendere conto delle loro azioni».


Related Articles

Gli assassini e le parole della politica

Loading

Per quanto sconvolgente, la strage antisemita di Tolosa, purtroppo, non è impensabile, se si considera l’ondata ultrarazzista, antisemita, antimusulmana, nazionalista, che percorre l’Europa dal Sud all’estremo Nord, dall’Italia ai paesi scandinavi, in alcuni casi riscuotendo anche un certo successo elettorale, in altri operando un deciso passaggio all’atto.

Brasile, animalisti in rivolta: «Non uccidete gli asini selvatici»

Loading

Un milione di capi a rischio: in Cina la loro pelle è l’ingrediente di un farmaco tradizionale

Maroni lancia il reddito di cittadinanza Salvini lo boccia: elemosina di Stato

Loading

 Il governatore sulla scia dei 5 Stelle: in Lombardia lo faremo. E spacca il suo partito

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment