La Grecia non esce dal cappio della tro­jka

Loading

Mer­co­ledì 11 riprende la «super­vi­sione» della tro­jka sulla Gre­cia, da Bru­xel­les, con l’obiettivo di evi­tare il pre­ci­pi­zio di un Gre­xi­dent, dopo le dichia­ra­zioni di fuoco di Yanis Varou­fa­kis del fine set­ti­mana. L’Eurogruppo, alla riu­nione di ieri, segna un punto, nel brac­cio di ferro che l’oppone ad Atene e avanza una pedina sullo scac­chiere per pie­garne la volontà poli­tica e met­tere all’angolo il pro­getto su cui si è fatta eleg­gere Syriza, cioè intra­pren­dere un’altra rotta in Europa.

Varou­fa­kis è costretto a indie­treg­giare, in dif­fi­coltà per spo­stare il nego­ziato dal piano tecnico-economico a quello poli­tico. Nel fine set­ti­mana, il mini­stro delle finanze aveva ripar­lato dell’ipotesi di nuove ele­zioni e, soprat­tutto, di un refe­ren­dum sul piano di sal­va­tag­gio (che nel 2011 l’Ue aveva impe­dito al socia­li­sta Papan­dreu, facendo cadere il governo).

Varou­fa­kis ha pre­ci­sato che il refe­ren­dum sarà sulle «riforme» e non sul Gre­xit, l’uscita dall’euro. Il pre­si­dente della Com­mis­sione, Jean-Claude Junc­ker, cerca di mediare. Venerdì rice­verà Tsi­pras su richie­sta di quest’ultimo. Il primo mini­stro greco, la vigi­lia, sarà a Parigi per un incon­tro all’Ocse, l’organismo che ha col­la­bo­rato con Atene per pre­pa­rare il piano di riforme.

Ieri, nel giorno del lan­cio del Quan­ti­ta­tive easing della Bce (più di mille miliardi, 60 al mese, per tutti meno che per la Gre­cia), all’Eurogruppo di Bru­xel­les è andato in onda un nuovo epi­so­dio del brac­cio di ferro che oppone i cre­di­tori ad Atene. Sul tavolo c’era la pro­po­sta in 7 punti di Yanis Varou­fa­kis, un piano già respinto dall’Eurogruppo per­ché troppo debole.

Si allon­tana così la spe­ranza di avere in cam­bio il ver­sa­mento, in tempi brevi, dell’ultima tran­che del pro­gramma di sal­va­tag­gio — 7,2 miliardi -, indi­spen­sa­bile per far fronte alle sca­denze dei rim­borsi: dopo i 310 milioni pagati venerdì scorso all’Fmi, ci sono altre rate con l’istituzione di Washing­ton, il 16 e il 20 di que­sto mese, per 1,5 miliardi com­ples­sivi. Per non par­lare della tegola che scade a luglio, con la Bce, che finora, ha affer­mato Tsi­pras, ha messo un «nodo scor­soio» attorno al collo della Gre­cia negando la ria­per­tura del rubi­netto di finan­zia­mento del sistema ban­ca­rio attra­verso l’accettazione di obbli­ga­zioni come garanzia.

Per il governo greco, la mossa di Dra­ghi, che ha anche negato la pos­si­bi­lità di emet­tere debito a breve per riman­dare la sca­denza del rim­borso di titoli ana­lo­ghi (4 miliardi que­sto mese), è stata un modo per impe­dire di appli­care le riforme pro­messe in cam­pa­gna elettorale.

«Abbiamo chie­sto 20 riforme ma ne sono arri­vate solo 7»Il pre­si­dente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem

«Abbiamo chie­sto 20 riforme – ha pre­ci­sato il pre­si­dente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijs­sel­bloem – ma ne sono arri­vate solo 7». La lista non sod­di­sfa Bru­xel­les: com­prende l’istituzione di un con­si­glio indi­pen­dente dal governo sul bud­get; un miglio­ra­mento del metodo di pre­pa­ra­zione del bilan­cio; sol­le­citi migliori per gli arre­trati al fisco; messa in ven­dita delle licenze di gio­chi on line; sem­pli­fi­ca­zione dell’amministrazione; il molto con­tro­verso ingag­gio di volon­tari, anche tra i turi­sti, per denun­ciare gli eva­sori, oltre alla vera pecora nera (al punto 6), cioè misure sociali a favore dei più poveri. Dijs­sel­bloem ha «escluso» che la tran­che di 7,2 miliardi venga ver­sata «que­sto mese».

Così la Gre­cia è tenuta con la corda al collo: «Il con­fronto sulle riforme deve ripar­tire al più pre­sto – ha insi­stito Dijs­sel­bloem – stiamo per­dendo troppo tempo, l’estensione del piano di aiuti è di soli 4 mesi e abbiamo già perso due set­ti­mane» e «la Gre­cia ha urgente biso­gno di soldi, le casse sono quasi vuote» (a gen­naio le entrare fiscali sono ancora dimi­nuite del 17%).

Stessa ver­sione a Ber­lino. Per il sot­to­se­gre­ta­rio alle Finanze, Stef­fen Kam­pe­ter, la «pre­con­di­zione» per ver­sare la tran­che è «la con­clu­sione della discus­sione con la tro­jka » (il governo tede­sco insi­ste sul ter­mine odiato dai greci). Prima ci vuole il «parere posi­tivo» di Bce, Ue e Fmi: «Non è più l’ora di pre­sen­tare pro­getti – afferma Kam­pe­ter – ma di met­tersi al lavoro, le set­ti­mane scorse avreb­bero potuto essere uti­liz­zate meglio».

Angela Mer­kel, da Tokyo, insi­ste sulle «due facce della meda­glia» per man­te­nere la Gre­cia nell’euro: «soli­da­rietà» da un lato e «deter­mi­na­zione a fare le riforme» dall’altro e «se la via è que­sta c’è ancora molta strada da fare».

Junc­ker ieri ha ricor­dato il prezzo dell’austerità pagato dai greci e ha messo in guar­dia gli stati dell’Eurozona: «tutti» devono capire la gra­vità della situa­zione greca, un Gre­xit sarebbe una «per­dita di repu­ta­zione irre­pa­ra­bile» per l’euro. «Dob­biamo fare atten­zione a che la situa­zione non con­ti­nui a dete­rio­rarsi in Gre­cia». Con Atene insi­ste sul fatto che se «il governo vuole spen­dere più soldi deve com­pen­sare con tagli o entrate sup­ple­men­tari». Ma ha aggiunto: «dopo luglio», cioè dopo la data di sca­denza del rim­borso alla Bce, dovremo «riflet­tere sul modo in cui i cre­di­tori inter­na­zio­nali devono com­por­tarsi con i paesi che si tro­vano in una situa­zione eco­no­mica critica».

Tsi­pras nel fine set­ti­mana ha avuto con­tatti anche con Hollande.

Ma la Fran­cia è in dif­fi­coltà: mar­tedì 10 all’Ecofin verrà esa­mi­nata la con­ces­sione di due anni di tempo in più fatta a Parigi dalla Com­mis­sione per il rien­tro nei para­me­tri del 3% di defi­cit (fino al 2017), tra molti malu­mori di alcuni part­ner. A giu­gno, se i conti non miglio­re­ranno, la Fran­cia rischia pesanti san­zioni e pra­ti­ca­mente una messa sotto tutela.

Pier Carlo Padoan ha cri­ti­cato la Ger­ma­nia, per il fatto di «dimen­ti­care di far parte di un sistema com­po­sto da 19 paesi, la Ger­ma­nia non ce la può fare ad andare avanti da sola».



Related Articles

Governo di soli tecnici ad Atene come per Monti?

Loading

Le elezioni in aprile saranno un altro disastro sul disastro, ammoniscono i ministri delle finanze greco Venizelos e dell’istruzione Diamantopoulou

“Vincerà  la Primavera araba i dittatori saranno spazzati via”

Loading

Libia, Medio Oriente, Nord Africa: la ricetta di Barack Obama. Il nostro rapporto con l’Europa è la pietra angolare del nostro impegno e un catalizzatore di azione globale. La nostra cooperazione è centrale per tutto quanto speriamo di fare nel mondo. La richiesta di riforme che viene da quei popoli è legittima, va ascoltata. La violenza contro pacifiche proteste è inaccettabile, deve finire. Mai più leader che usano la forza contro i loro popoli. Sia noi che i Paesi europei abbiamo dovuto fare scelte dure sulla spesa e tagli al bilancio. Cerchiamo tutti il giusto equilibrio tra la necessità  di una forte ripresa e la sostenibilità  fiscale

Tra i volti delusi di Unidos Podemos

Loading

Elezioni spagnole. Le prime reazioni dal quartier generale di Unidos Podemos

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment