Human Rights Watch: i coloni sfruttano i bambini palestinesi

Human Rights Watch: i coloni sfruttano i bambini palestinesi

Uno degli aspetti meno dibat­tuti dell’occupazione israe­liana della Cisgior­da­nia è lo sfrut­ta­mento della mano­do­pera pale­sti­nese, soprat­tutto mino­rile. Un rap­porto inti­to­lato «Maturi per l’abuso: il lavoro mino­rile pale­sti­nese negli inse­dia­menti agri­coli israe­liani in Cisgior­da­nia», pub­bli­cato dalla ong Human Rights Watch (Hrw), rivela che le colo­nie, prin­ci­pal­mente quelle della Valle del Gior­dano, impie­gano bam­bini pale­sti­nesi anche di 11 anni (vio­lendo la legge inter­na­zio­nale che sta­bi­li­sce come età minima 15 anni) pagan­doli poco e in con­di­zioni di lavoro defi­nite «pericolose».

Negli inse­dia­menti israe­liani i bam­bini pale­sti­nesi lavo­re­reb­bero a tem­pe­ra­ture altis­sime tra­spor­tando cari­chi pesanti e sareb­bero espo­sti agli effetti dan­nosi dei pesti­cidi. Secondo il rap­porto, i bam­bini lasciano la scuola per rac­co­gliere, pulire e con­fe­zio­nare gli aspa­ragi, i pomo­dori, le melan­zane, i pepe­ron­cini dolci, le cipolle e i dat­teri. In alcuni casi, sono i bam­bini stessi a prov­ve­dere alle spese medi­che cau­sate dalle con­di­zioni di lavoro dure e peri­co­lose a cui sono sog­getti. L’area della Valle del Gior­dano è la zona in cui si tro­vano i mag­giori inse­dia­menti agri­coli israe­liani e cor­ri­sponde a circa il 30% della Cisgiordania.

I 38 bam­bini inter­vi­stati sosten­gono di per­ce­pire 10 she­kel all’ora (2.70 dol­lari) o 70 she­kel (19 dol­lari) al giorno. In Israele e nelle colo­nie la paga media nel 2012 (l’ultimo dato al momento dispo­ni­bile) era di 407 she­kel (110 dol­lari) al giorno. Usa parole dure Sarah Leah Whi­tson, diret­trice per il Medio Oriente e il Nord Africa di Hrw. «Le colo­nie israe­liane fanno pro­fitto abu­sando dei diritti dei bam­bini pale­sti­nesi i quali, pro­ve­nendo da comu­nità impo­ve­rite dalla discri­mi­na­zione di Israele e dalle poli­ti­che in vigore nelle colo­nie, abban­do­nano la scuola e ini­ziano lavori peri­co­losi per­ché pen­sano di non avere alter­na­tive. Di fronte a tutto que­sto, Israele chiude gli occhi».

Ad essere col­pe­voli dello sfrut­ta­mento dei gio­va­nis­simi, sot­to­li­nea l’ong, sono però anche gli inter­me­diari pale­sti­nesi (wasiit in arabo) il cui com­pito è quello di tro­vare mano­do­pera a basso prezzo per i padroni israe­liani. David Elha­yani, a capo del Con­si­glio regio­nale della Valle del Gior­dano, ha defi­nito «diso­ne­sti» i dati for­niti da Hrw. Secondo Elha­yani, il Con­si­glio impiega 6.000 pale­sti­nesi ogni giorno, ma non minori.

«È una bugia orri­bile – ha dichia­rato –non c’è alcuna giu­sti­fi­ca­zione né morale, né legale e né finan­zia­ria per impie­gare dei bam­bini». Ma se sono dif­fi­cili le con­di­zioni di vita in Cisgior­da­nia, restano dram­ma­ti­che quelle nella Stri­scia di Gaza. Sei mesi dopo che i paesi dona­tori ave­vano pro­messo di desti­nare 5,4 miliardi di dol­lari per il pic­colo lembo di terra pale­sti­nese deva­stato la scorsa estate dai 50 giorni dell’ ope­ra­zione mili­tare israe­liana «Mar­gine pro­tet­tivo», la rico­stru­zione con­ti­nua a pro­ce­dere molto len­ta­mente e il denaro resta bloc­cato. Lo hanno denun­ciato ieri 45 asso­cia­zioni e ong dell’Aida (Asso­cia­tion of Inter­na­tio­nal Deve­lo­p­ment Agencies).

«Se non cam­biamo corso ora e affron­tiamo le que­stioni chiave, la situa­zione a Gaza con­ti­nuerà a peg­gio­rare. Senza una sta­bi­lità eco­no­mica, sociale e poli­tica, un ritorno ad un con­flitto sarà ine­vi­ta­bile» ha detto la coa­li­zione tra cui spic­cano i nomi di Care Inter­na­tio­nal, Oxfam, Save the Chil­dren. «Solo il 26,8% del denaro è stato rila­sciato, la rico­stru­zione è a mala pena comin­ciata e le per­sone a Gaza con­ti­nuano a vivere in pes­sime con­di­zioni» ha aggiunto Aida.

Secondo il suo rap­porto, la guerra ha distrutto 12.400 case e ne ha dan­neg­giato 160.000 lasciando senza un tetto 100.000 pale­sti­nesi. Il docu­mento cri­tica entrambe le parti del con­flitto rite­nen­dole legal­mente respon­sa­bili per la situa­zione che si è venuta a creare. «La comu­nità inter­na­zio­nale — si legge nel testo — deve chie­dere una fine delle vio­la­zioni della legge inter­na­zio­nale e con­si­de­rare respon­sa­bili tutte le parti. Deve, inol­tre, fare in modo che ciò non si ripeta più».



Related Articles

Quella baraccopoli in riva al mare

 Sulla spiaggia di Schiavonea si accampano i migranti che raccolgono clementine Raccoglitori di agrumi per 25 euro al giorno, di notte dormono in tende improvvisate lungo lo Ionio, vicino al porto di Corigliano

Se salta Schengen un danno di oltre 100 miliardi l’anno

Bruxelles. Cosa accadrebbe con il ripristino generale delle frontiere all’interno dell’Ue. Dalla commissione l’allarme agli stati per accettare il ricollocamento dei profughi

Siria, l’allarme di Amnesty aumentano torture e morti

Siria, l'allarme di Amnesty aumentano torture e morti Graffiti pro Assad a Homs

Prima della rivolta solo pochi individui morivano in carcere in Siria ogni anno. Dall’inizio della rivolta sono diventate decine. E ci sono le prove di violenze e abusi: “Nei video si vedono bruciature, segni di frustate e colpi violenti”. Nuovi raid dell’esercito ad Hama.

1 comment

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment