Fran­cia contro il «Grexit», S&D prende le distanze da Schulz

Fran­cia contro il «Grexit», S&D prende le distanze da Schulz

Crisi della zona euro . Ultimo gesto sprezzante della Ue: la proposta greca al Mes è esaminata dai “tecnici” del Tesoro (ma il presidente Regling vuole il parere di Commissione, Bce e Fmi). La Francia si schiera chiaramente contro il Grexit. Valls: “Indebolire la Grecia è indebolire tutti, la Francia non puo’ abbandonare Atene”. Voci discordanti tra i social-democratici, il gruppo S&D prende chiaramente le distanze da Martin Schulz e Sigmar Gabriel. Oggi le proposte greche dettagliate, domenica scade l’ultimatum, vertice decisivo.
Ale­xis Tsi­pras afferma di fronte all’Europarlamento che il «dibat­tito è poli­tico», ma le isti­tu­zioni gli rispon­dono con­vo­cando un Euro­wor­king Group, una riu­nione dei diret­tori del Tesoro dei paesi dell’Eurozona, per ana­liz­zare la richie­sta pre­sen­tata ieri dalla Gre­cia al Mes (Mec­ca­ni­smo di sta­bi­lità) di un piano su tre anni (senza spe­ci­fi­carne l’entità).

Una nuova rispo­sta sprez­zante, anche se il pre­si­dente del Mes, Klaus Regling, vuole esa­mi­nare con la Com­mis­sione e la Bce le pro­po­ste gre­che, e chiede l’assistenza dell’Fmi, per valu­tare la soste­ni­bi­lità del debito (ancora ieri il segre­ta­rio al Tesoro Usa, Jack Lew lo ha giu­di­cato «inso­ste­ni­bile»). L’Eurogruppo pre­vi­sto ieri è stato annul­lato, forse si riu­nirà sabato, la vigi­lia del ver­tice dei capi di stato e di governo della zona euro, momento dove scade l’ultimatum e che, senza impe­gni pre­cisi da parte di Atene, por­terà ine­vi­ta­bil­mente al Gre­xit. Oggi, o al mas­simo venerdì mat­tina, la Gre­cia pre­sen­terà le nuove «pro­po­ste con­crete di riforme affi­da­bili e giu­ste» al Con­si­glio, ha pre­ci­sato Tsipras.

Qual­cosa si muove. La Fran­cia ha bat­tuto un colpo a favore di Atene. Ieri, Manuel Valls ha orga­niz­zato un dibat­tito all’Assemblea nazio­nale sulla Gre­cia: «la Gre­cia è un alleato, un part­ner che la Fran­cia non può abban­do­nare, inde­bo­lire la Gre­cia signi­fica inde­bo­lire tutti», anche per ragioni geo­po­li­ti­che (migra­zioni, crisi medio­rien­tale, Rus­sia). Il primo mini­stro ha invi­tato «a rifiu­tare l’Europa del risen­ti­mento, della puni­zione, dell’umiliazione» un’Europa del «ripiego su se stessi».

Valls, a dif­fe­renza di Junc­ker, ha capito che i greci al refe­ren­dum non hanno detto no all’Europa e all’euro: «sap­piamo ascol­tare il mes­sag­gio di un popolo che ha subito un’austerità senza pre­ce­denti». Il primo mini­stro ha annun­ciato che ci sarà un voto sull’accordo anche in Fran­cia (come in Ger­ma­nia, Olanda e Fin­lan­dia). La destra, dopo aver messo sotto accusa Hol­lande per la sua «pas­si­vità», ha pra­ti­ca­mente diser­tato l’aula (la destra è in stato con­fu­sio­nale, tre rivali alle future pri­ma­rie per la can­di­da­tura all’Eliseo coprono tutto lo spet­tro delle posi­zioni: Sar­kozy è per un Gre­xit imme­diato, Juppé ha pro­po­sto «un’uscita accom­pa­gnata», men­tre Fil­lon vuole tenere la Gre­cia nell’euro). Mag­giore fles­si­bi­lità anche in Spa­gna. Manuel Rajoy ha giu­di­cato «posi­tivo» il «cam­bia­mento di tono» di Tsipras.

Note discor­danti anche all’interno del gruppo S&D, cioè tra i social­de­mo­cra­tici euro­pei. Il comu­ni­cato del gruppo, dopo il discorso di Tsi­pras, sem­bra una presa di distanza dalle dichia­ra­zioni aggres­sive del pre­si­dente Mar­tin Schulz nei giorni scorsi, seguite dalla dura presa di posi­zione di Sig­mar Gabriel, mini­stro dell’Economia nel governo Mer­kel (aveva pro­po­sto «aiuti uma­ni­tari» per la Gre­cia). «Un urgente appog­gio a un giu­sto accordo per la Gre­cia è neces­sa­rio per sal­vare l’Eurozona», dice il comu­ni­cato, che invita a «mode­rare» i toni, a un pro­getto che tenga conto dell’equilibrio tra soli­da­rietà e respon­sa­bi­lità e si dichiara per­sino a favore di un prestito-ponte (respinto dalle istituzioni).

I paesi dell’Eurozona, a un passo dal bara­tro, comin­ciano a fare i conti sui costi di un Gre­xit, che risulta molto più caro di un nuovo piano di aiuti ad Atene: anche se venisse evi­tato il temuto «con­ta­gio» gra­zie a Mes, Unione ban­ca­ria e acqui­sto di titoli pub­blici da parte della Bce, sareb­bero da met­tere in pas­sivo più di 200 miliardi (142 miliardi pre­stati dal Fesf, il fondo salva-stati, 53 miliardi di pre­stiti bila­te­rali degli stati, 27 miliardi della Bce, oltre a un cen­ti­naio di miliardi del sistema di com­pen­sa­zioni ban­ca­rie Tar­get 2), cosa molto dif­fi­cile da spie­gare agli elet­tori. Nella let­tera al Mes, la Gre­cia si impe­gna a «rispet­tare leggi e regole», sot­to­li­nea i rischi dell’instabilità finan­zia­ria e pro­mette, già «la pros­sima set­ti­mana», inter­venti sulle pen­sioni e sulla riforma fiscale, oltre ad «azioni sup­ple­men­tari per raf­for­zare e moder­niz­zare l’economia». Chri­stian Noyer, gover­na­tore della Ban­que de France, ha ieri evo­cato rischi di «scon­tri» se non verrà ripri­sti­nata la fidu­cia nel sistema ban­ca­rio, in vista della ria­per­tura delle ban­che (che restano chiuse fino a venerdì, dal 29 giugno).



Related Articles

Solo Francesco ferma lo sciopero di Pannella

Dopo la telefonata del Papa il leader radicale Marco Pannella riprende a bere

Muore Grossi, l’imprenditore dei misteri di Santa Giulia

MILANO — Giuseppe Grossi, il re delle bonifiche coinvolto nell’inchiesta sull’area di Santa Giulia a Milano, scende nella tomba con i suoi segreti. L’imprenditore, 64 anni compiuti a febbraio, è morto ieri al Policlinico San Matteo di Pavia per le complicazioni subentrate a un trapianto di cuore a cui si era sottoposto ad agosto. La fortuna accumulata attraverso gli appalti sull’ambiente, i fondi neri trasferiti all’estero, le amicizie con i politici, la passione per i Rolex e le Ferrari: una doppia inchiesta della Procura di Milano è riuscita a scalfire solo in parte il misterioso mondo di Giuseppe Grossi, personaggio che aveva sempre fatto della riservatezza una delle chiavi del suo successo.

“Destinazione Italia” per gli investimenti Fiat

Letta vede Marchionne che conferma gli impegni nel nostro Paese. Nodo statuto lavoratori  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment