Ue: è scontro sulle quote, no all’est, ma riserve anche a ovest

Ue: è scontro sulle quote, no all’est, ma riserve anche a ovest

Loading

Crisi dei rifugiati. Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia rifiutano la ripartizione, ma propongono un “corridoio ferroviario” da Budapest in Germania, sempre che Berlino dia la garanzia di accettare tutti i rifugiati. A Lussemburgo, l’ovest insiste sulla solidarietà, ma persino in Francia la parola ” quote ” è bandita. Cameron: “accettero’ migliaia di siriani” (ma non quelli che sono già in Europa). Allarme dal Pentagono: “emergenza enorme” che durerà “vent’anni” (ma gli Usa non hanno nessuna intenzione di modificare le leggi sull’immigrazione)

L’Europa resta spac­cata, tra l’est ostile alle quote e l’ovest che le pro­pone, ma dove comun­que ogni paese pone poi delle con­di­zioni par­ti­co­lari. Ieri, due riu­nioni nella Ue, hanno dato risul­tati con­trad­dit­tori. A Lus­sem­burgo, i mini­stri degli Esteri della Ue, sotto la pres­sione del tan­dem franco-tedesco, hanno cer­cato la strada di un’intesa, in vista della riu­nione dei mini­stri degli Interni del 14 set­tem­bre, che dovrebbe essere seguita, a breve, da un Con­si­glio euro­peo dei capi di stato e di governo. Men­tre al castello di Praga ha domi­nato un clima kaf­kiano: Repub­blica ceca, Slo­vac­chia, Unghe­ria e Polo­nia hanno riba­dito il “no” alle quote, ma al tempo stesso si dicono pronti ad aprire un “cor­ri­doio” fer­ro­via­rio verso la Ger­ma­nia per i pro­fu­ghi rag­grup­pati in Unghe­ria, in cam­bio di garan­zie pre­cise che Ber­lino non li respin­gerà. La Gran Bre­ta­gna cam­bia posi­zione, David Came­ron ammette: “oggi posso annun­ciare che accet­te­remo migliaia di rifu­giati siriani in più”. Ma poi Lon­dra, che finora ha accolto 5mila siriani, pre­cisa che si tratta di pro­fu­ghi che hanno tro­vato rifu­gio nei paesi con­fi­nanti della Siria, non di per­sone che sono già sul ter­ri­to­rio euro­peo. La Ser­bia offre soli­da­rietà, il mini­stro degli Interni Nebo­jsa Ste­fa­no­vic si è detto “pronto a discu­tere” di pren­dere parte all’accoglienza: “in quanto paese che auspica di diven­tare mem­bro della Ue, è l’occasione di mostrare che siamo pronti a que­sto com­pito”. Intanto, i numeri si gon­fiano e per­sino il Pen­ta­gono sof­fia sul fuoco dell’allarmismo. Il pre­si­dente della Com­mis­sione, Jean-Claude Junc­ker, che mer­co­ledi’ pre­ci­serà a Stra­sburgo l’ “Agenda della migra­zione”, ha fatto sapere che ormai i numeri su cui lavora Bru­xel­les sono pas­sati da 40mila a 160mila, pre­senti in Ita­lia, Gre­cia e Unghe­ria, da redi­stri­buire tra i paesi mem­bri (l’Onu pre­vede 200mila pro­fu­ghi per l’Europa). Il Pen­ta­gono parla di “enorme emer­genza” e afferma che il feno­meno è desti­nato a durare, almeno per “vent’anni”. Il segre­ta­rio di stato John Kerry, ammette che “gli Usa potreb­bero fare di più per pro­teg­gere que­ste per­sone”, ma da Washing­ton pre­ci­sano che non ci saranno modi­fi­che delle leggi sull’immigrazione, per favo­rire l’arrivo di rifu­giati siriani.

“L’Europa non ha diritto di divi­dersi di fronte a que­sta sfida”, basta con le “recri­mi­na­zioni”, ci vuole “coo­pe­ra­zione”, ha affer­mato il mini­stro tede­sco Frank-Walter Stein­meier a Lus­sem­burgo, rispon­dendo indi­ret­ta­mente alle accuse dell’ungherese Orban, che con­si­dera la Ger­ma­nia “col­pe­vole” di atti­rare migranti. Dalla Gre­cia, il vice-presidente della Com­mis­sione, Frans Tim­mer­mans, ha insi­stito: “l’Europa deve agire insieme e unita”. Per Tim­mer­mans, “viviamo un momento di verità sto­rica in Europa, pos­siamo riu­scire assieme e uniti oppure pos­siamo fal­lire ognuno a modo suo, nel pro­prio paese”. Ha pero’ pre­ci­sato: “l’Europa senza fron­tiere non puo’ soprav­vi­vere ma l’Europa non puo’ nep­pure soprav­vi­vere se cediamo sui valori e sugli obbli­ghi legali”. La Fran­cia non usa il ter­mine “quote”, bat­tez­zate “mec­ca­ni­smi” da Hol­lande, che “non hanno senso” per il mini­stro degli interni, Ber­nard Caze­neuve. Il primo mini­stro, Manuel Valls, ha pre­ci­sato ieri che l’apertura di hotspot (in Ita­lia e in Gre­cia) è una con­di­zione pre­li­mi­nare: “per­ché que­sta spar­ti­zione obbli­ga­to­ria sia accet­tata e pos­si­bile ci vuole una pre-condizione: la messa in atto di quelli che ven­gono chia­mati hotspots, cioè per par­lare più chia­ra­mente, dei cen­tri di acco­glienza”. La Fran­cia potrebbe, in que­sto caso, accet­tare altri 27mila pro­fu­ghi sul suo ter­ri­to­rio, ma già c’è una levata di scudi a destra. Intanto a Parigi pro­se­guono gli sgom­beri di accam­pa­menti ille­gali: ieri è stata la volta dello square Jeis­sant, i 123 migranti sono stati por­tati in cen­tri di acco­glienza. Anne Hidalgo, la sin­daca della capi­tale, chiede un piano per ripar­tire in Fran­cia i migranti che arri­vano a Parigi, “più di 80 al giorno, molti mino­renni isolati”.

A Praga, Unghe­ria, Repub­blica ceca, Slo­vac­chia e Polo­nia affer­mano di non volere le quote obbli­ga­to­rie, per­ché comun­que i rifu­giati “non vogliono restare da noi, ma andare più a ovest”, afferma il mini­stro degli Interno ceco, Milan Cho­va­nec, secondo il quale le quote “non risol­vono niente, non è chiaro come siano cal­co­late né cosa deb­bano fare le auto­rità locali per trat­te­nere i pro­fu­ghi”. L’Ungheria rifiuta “lezioni di morale” dall’ovest e afferma di non fre altro che “appli­care Schen­gen”. La Com­mis­sione cerca di divi­dere il fronte di Vise­grad: già la Polo­nia è meno dra­stica e all’Ungheria, che pure ieri ha varato nuove leggi per aumen­tare i con­trolli di poli­zia sui migranti, ha pro­po­sto di met­tere nel cal­colo della quota di Buda­pest i pro­fu­ghi già pre­senti nel paese (163mila, secondo il mini­stro degli esteri, Peter Szl­jarto). Alla carota si aggiunge il bastone della minac­cia di san­zioni, per chi rifiu­terà le quote obbligatorie.



Related Articles

Il pestaggio del giornalista Origone e la memoria di Genova 2001

Loading

Genova. Centinaia di persone furono picchiate come il cronista di Repubblica per strada senza motivo e spesso anche arrestate

Mubarak, messaggio agli egiziani “Accuse false, non ho fondi neri”

Loading

L’ex presidente sarà  interrogato assieme ai figli dal procuratore generale dello Stato “Nessun membro della mia famiglia ha sfruttato il potere per guadagni illegali”

“Non c’è più coesione sociale e i giovani sono preda delle gang”

Loading

Il politologo David Hine: “Cresce il gap tra ricchi e poveri e il controllo dei genitori sui figli è inesistente”.  “C’è il rischio che una conseguenza della rivolta sia un ritorno alla destra xenofoba” 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment