Tru­deau comincia bene in Canada: «Stop ai nostri raid aerei»

Tru­deau comincia bene in Canada: «Stop ai nostri raid aerei»

Loading

Se c’era biso­gno di un gesto ecla­tante per con­fer­mare che il Canada ha vol­tato pagina rispetto al lungo domi­nio poli­tico della destra con­ser­va­trice, Justin Tru­deau ha deciso di com­pierlo già prima di aver assunto uffi­cial­mente le sue fun­zioni di capo del governo.

A poche ore dal voto che gli affi­dato le redini del paese, il gio­vane lea­der libe­rale ha preso il tele­fono e ha infor­mato prima Barack Obama, e quindi i pre­mier di Gran Bre­ta­gna, Mes­sico e Ita­lia, che gli aerei dell’aviazione cana­dese non par­te­ci­pe­ranno più ai bom­bar­da­menti in Iraq e in Siria, com­piuti fino ad oggi con­tro le forze del sedi­cente Stato Isla­mico nell’ambito dalla coa­li­zione inter­na­zio­nale a guida statunitense.

Tenendo fede a quello che era stato uno degli impe­gni presi durante la sua cam­pa­gna elet­to­rale, Tru­deau ha spie­gato che d’ora in poi la pre­senza dei mili­tari di Ottawa nella regione medio­rien­tale — che fino ad oggi aveva potuto con­tare su 6 cac­cia F-18, 2 aerei di sor­ve­glianza Aurora, un veli­volo per il rifor­ni­mento in volo, 2 aerei per il tra­sporto delle truppe e 600 uomini impe­gnati nella logi­stica nelle basi aeree del Kuwait — si limi­terà a com­piti uma­ni­tari e di adde­stra­mento delle mili­zie locali, in par­ti­co­lare quelle kurde nel nord dell’Irak. Tru­deau, che non ha però ancora for­nito un calen­da­rio pre­ciso sul ritiro degli aerei da com­bat­ti­mento, ha inol­tre spie­gato di aver avuto con il pre­si­dente degli Usa un col­lo­quio molto franco e diretto: «Gli ho detto che con­ti­nue­remo a essere pre­senti in un modo respon­sa­bile che tenga conto dell’importanza della par­te­ci­pa­zione cana­dese alla lotta con­tro l’Isis. Obama comun­que ha capito gli impe­gni che avevo preso nel corso della cam­pa­gna elet­to­rale sull’arresto di que­sta missione».

Quello sul ritiro delle forze mili­tari impe­gnate in Medio­riente fin dal set­tem­bre dello scorso anno non è però il solo annun­cio con cui il nuovo lea­der del Canada ha voluto pre­sen­tarsi al mondo.

Nel primo giorno del dopo-voto, Tru­deau ha citato la Siria anche a pro­po­sito della sorte riser­vata ai pro­fu­ghi pro­ve­nienti da quel paese. Dopo che l’amministrazione gui­data da Ste­phen Har­per si era mostrata infles­si­bile — la fami­glia del pic­colo Aylan si era vista rifiu­tare la richie­sta di ingresso in Canada, mal­grado potesse con­tare su alcuni parenti che da tempo vi risie­dono e anche per que­sto aveva dovuto affron­tare un viag­gio ter­ri­bile e dall’esito fatale -, ha dichia­rato che intende acco­gliere coloro che scap­pano dalle guerre e in par­ti­co­lare dal con­flitto siriano e faci­li­tare le pra­ti­che per i ricon­giu­gi­menti fami­liari, dimo­strando così che «il nostro paese sa dimo­strarsi acco­gliente e soli­dale verso chi soffre».

Per l’uomo che intende incar­nare con la sua poli­tica una sorta di «sogno cana­dese», dopo i lun­ghi anni di auste­rità e paura che hanno carat­te­riz­zato l’egemonia della destra, le vere prio­rità riguar­dano poi le scelte legate ad un rie­qui­li­brio interno della società. Su que­sto punto, Tru­deau ha in mente un piano di inve­sti­menti desti­nati a miglio­rare la qua­lità dei ser­vizi sociali, esten­dere e ren­dere più effi­cienti i tra­sporti pub­blici e creare migliaia di nuove abi­ta­zioni di edi­li­zia popolare.

Intende inol­tre lavo­rare per il ripri­stino di una poli­tica di sal­va­guar­dia ambien­tale e a favore delle «popo­la­zioni autoc­tone», gli «indiani» cana­desi che recla­mano da tempo inter­venti sociali prima di tutto per coloro che vivono nelle riserve. Infine, ha ripri­sti­nerà un regi­stro pub­blico delle armi da fuoco che il suo pre­de­ces­sore aveva sop­presso e di lega­liz­zare la mari­juana. In una parola, come ha sin­te­tiz­zato Tru­deau, «costruire un nuovo Canada».



Related Articles

Ma da Kissinger a Bush e Giuliani a destra Roma conserva gli amici

Loading

NEW YORK — Che il repubblicano Mitt Romney non nutra particolare trasporto per l’Italia, lo abbiamo già  capito. Per la seconda volta in pochi giorni, il candidato conservatore ha evocato il nostro Paese come esempio negativo. In realtà  non siamo soli nella sua disistima, questa investendo l’Europa in genere, hic sunt leones, abominevole marca del socialismo.

Migranti. Migliaia di nuovi sbarchi nel fine settimana di Pasqua

Loading

In soli tre giorni, al largo del canale di Sicilia, sono stati salvati 8.500 migranti, un terzo di tutti quelli che sono sbarcati sulle nostre coste nei primi tre mesi e mezzo del 2017

Budget Ue, si rinvia a inizio 2013

Loading

Monti: «Ma oggi contiamo di più»«Fatti dei passi avanti. Nel 2005 c’era meno rispetto per l’Italia»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment