Usa, indagini allargate Nel mirino venti modelli di altri cinque produttori

Usa, indagini allargate Nel mirino venti modelli di altri cinque produttori

Loading

ROMA. L’Epa, l’ente di controllo americano che ha smascherato il trucco di Volkswagen, ha deciso di allargare l’indagine. Saranno passati al setaccio i motori diesel di una ventina di modelli di cinque costruttori: Gm, Chrysler, Mercedes, Land Rover e Bmw. Non ci sono al momento contestazioni particolari ma l’allargamento dell’indagine è motivato con la necedssità di fare un’analisi approfondita sulle emissioni. Le autorità americane hanno annunciato l’allargamento dell’indagine con una lettera ai costruttori. I test saranno effettuati su auto usate, in prevalenza prese dalle società di autonoleggio ma anche da privati ai quali l’Epa fornirà vetture sostitutive per il tempo necessario alle analisi, circa un mese. Solo per i modelli che dovessero far nascere particolari sospetti si prevedono richiami.
La mossa della autorità americane avviene nel giorno in cui anche in Europa (Francia, Svizzera e Italia) le autorità si stanno muovendo per individuare eventuali altre frodi. Ieri la Mercedes ha fatto sapere che è “favorevole all’introduzione di nuovi test che siano più vicini alle condizioni standard di utilizzo dei veicoli”, in sostanza i test che compendono anche un ciclo di prova su strada. Mercedes ha detto di collaborare sia con le autorità Usa che con quelle europee.
I tempi della nuova indagine Usa dovrebbero essere relativamente celeri. Gli obiettivi sono due: verificare qual è la distanza, che sempre esiste, tra i consumi su strada e quelli rilevati in laboratorio e capire se altri costruttori oltre alla casa di Wolfsburg hanno barato manomettendo le centraline elettroniche in modo da ridurre le emissioni in occasione dei test. Fino ad oggi tutti i costruttori concorrenti di Volkswagen hanno negato nel modo più deciso di aver mai dopato i controlli come invece ha ammesso di fare la principale casa tedesca. E ieri, proprio da Bruxelles, è arrivata la rassicurazione sul fatto che non risultano altri costruttori implicati nella truffa.
Il caso Volkswagen continua ad agitare i responsabili economici di Berlino. Ieri il presidnte della Bundesbank, Jens Wiedemann, ha detto che lo scandalo “potrebbe avere conseguenza imprevedibili” e che “bisogna correre rapidamente ai ripari per evitare ulteriori danni al Made in Germany”. La casa di Wolfsburg ha cominciato a mettere in rete i numeri di telaio dei motori incriminati. Nella tempesta c’è da segnalare l’iniziativa di Fca che dal 2 al 31 ottobre offre condizioni particolari di permuta a chi consegna un’auto del gruppo Volkswagen per acquistarne una del Lingotto.


Related Articles

Profughi, il muro della Macedonia

Loading

Stop agli afgani in arrivo dalla Grecia, mentre l’Austria invia 450 soldati a presidiare le frontiere In Germania va in fiamme un hotel destinato a ospitare i migranti e i residenti festeggiano

Se pure Keynes è un estremista

Loading

I PRàŒNCIPI che ci governano, il Fondo Monetario, i capi europei che domani si riuniranno per discutere le future spese comuni dell’Unione, dovrebbero fermarsi qualche minuto davanti alla scritta apparsa giorni fa sui muri di Atene: «Non salvateci più!», e meditare sul terribile monito, che suggella un rigetto diffuso e al tempo stesso uno scacco dell’Europa intera. Si fa presto a bollare come populista la rabbia di parte della sinistra, oltre che di certe destre, e a non vedere in essa che arcaismo anti-moderno.

Passera difende l’azienda, non il presidente Orsi

Loading

I sussulti e grida su Finmeccanica hanno fatto perdere un altro 4% al titolo in borsa. Normale dopo l’avviso di garanzia della magistratura napoletana al presidente-amministratore delegato Giuseppe Orsi per corruzione internazionale e riciclaggio, spaventoso dopo il 70% del valore perso nel 2011.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment