Turismo e fast food #fuoriservizio: «Vogliamo il contratto»

Turismo e fast food #fuoriservizio: «Vogliamo il contratto»

Loading

I farmacisti con il camice bianco guidano il corteo, dietro ci sono gli operatori delle pulizie con le scope, e poi arrivano quelli delle mense con tanti piatti di plastica: che lanciano simbolicamente contro la sede della Regione Lombardia. «Vuoti, come le nostre buste paga, visto che le imprese non rinnovano il contratto ormai da tre anni». Così è andata la manifestazione di Milano, ma i lavoratori del turismo, alberghi, fast food, pulizie, farmacie private, terme e multiservizi si sono fermati in tutta Italia, per lo sciopero che dichiarava#Fuoriservizio: sono più di un milione e mezzo di persone.

Le imprese mettono pochi euro sul piatto, e soprattutto a fronte di enormi sacrifici, che dovrebbero caricarsi sulle spalle gli stessi lavoratori: «Chiedono innanzitutto un arretramento sugli appalti, diffusissimi nel settore – spiega Giorgio Ortolani, segretario Filcams Lombardia – Vorrebbero poter riazzerare a ogni cambio il contatore dell’anzianità, gli orari, i livelli. Quella di conservare le vecchie condizioni di lavoro è una delle garanzie chiave per lavoratori già molto esposti, e se viene meno anche questa, la loro condizione sarà insostenibile».

A parte la questione degli appalti, fondamentali ad esempio nelle pulizie, ma anche negli alberghi e nelle mense, più in generale si chiedono tagli nella malattia, negli scatti di anzianità, o nei rol, i permessi individuali: richiesta tipica di multinazionali del fast food come McDonald’s e Autogrill. E intanto dilagano i tirocini e i voucher, dopo gli anni in cui il precariato si era già ben dispiegato con i contratti a termine e gli impieghi interinali.

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs chiedono anche una «responsabilizzazione della committenza pubblica, perché vigili sugli appalti – spiega il segretario Filcams lombardo – Che si rispettino i contratti e che i lavoratori abbiano tutte le tutele: quello che riscontriamo, al contrario, è che una volta assegnata la commessa, il committente se ne disinteressa del tutto».

Lavoro che non sarà certo facilitato dal recente “colpo di mano” del governo sugli appalti: dopo un accordo con i sindacati sulla questione dei subappalti e sull’obbligatorietà della clausola sociale, il governo ha improvvisamente cambiato (in peggio) il testo della nuova legge al momento della pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

I tavoli di settore – le controparti sono varie: tra loro Confesercenti, Confcommercio, Confindustria-Federturismo – sono deserti ormai da un anno, e tutti i contratti sono scaduti nel 2013 (a esclusione delle terme, che non rinnovano dal 2011). Gli stipendi sono già magri di loro: se si considera ad esempio il caso dei lavoratori delle mense o delle pulizie (dovremmo dire meglio: le lavoratrici, visto che la gran parte degli addetti sono donne) spesso non superano i 500-600 euro al mese, al costo di orari spezzati, peripezie e spostamenti di chilometri per poter coprire diversi appalti.

A questo punto i sindacati attendono una convocazione dalle imprese, per tornare al tavolo.



Related Articles

Caro-prezzi, dove si liberalizza crescono un po’ meno

Loading

ROMA — Lo sappiamo da soli pesando il nostro portafoglio: i prezzi nell’ultimo triennio sono assai rincarati. Quelli alimentari, ad esempio, sono aumentati in media del 4%.

Costruzioni, la follia costa 800 milioni l’anno

Loading

Ogni giorno in Italia spariscono 35 ettari di suolo sotto una colata di cemento. In due anni sono stati “bruciati” 250 chilometri quadrati di territorio. Questa calamità non naturale ha un costo per la collettività di circa 800 milioni di euro all’anno. Senza contare i danni irreparabili per l’ecosistema

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment