Pace in Colombia. Un appello di deputati italiani contro le uccisioni di membri FARC-EP

Pace in Colombia. Un appello di deputati italiani contro le uccisioni di membri FARC-EP

Loading

Condanniamo  senza riserve i recenti omicidi di membri delle FARC e dei loro familiari in Colombia. Ci allarma il fatto che nel mezzo della implementazione dell’accordo di pace tra il governo e le FARC due membri della guerriglia e 6 loro familiari siano stati assassinati nelle ultime settimane.
Luis Alberto Ortiz è stato assassinato il 16 aprile, soltanto due settimane dopo essere stato rilasciato dal carcere secondo i termini della Legge di Amnistia; il membro della milizia José Huber Yatacúe è stato assassinato il 25 aprile nei pressi della sua abitazione, rivelando la insicurezza in cui si trovano i membri della FARC – EP che non stanno vivendo nelle Zone Temporanee.

Condanniamo inoltre il fatto che anche i familiari delle FARC sono obiettivi e vengono colpiti nel modo più orribile. Nell’ultimo mese, 6 familiari sono stati torturati e assassinati, tra loro una ragazza di 14 anni.

Facciamo appello al governo colombiano e gli organismi internazionali che stanno monitorando l’accordo di pace ad investigare urgentemente e impedire qualunque ritardo nella implementazione degli accordi. Ancora una volta ribadiamo il nostro appoggio al Processo di Pace della Colombia e al popolo colombiano che sta lavorando per raggiungere una pace duratura.

Facciamo inoltre appello al governo colombiano affinché metta in moto da subito le misure di protezione concordate nell’Accordo Finale di Pace, in particolare la Unità per lo smantellamento delle organizzazioni criminali e dei successori dei gruppi paramilitari che sono i responsabili degli attacchi di queste ultime settimane contro difensori dei diritti umani, leaders sociali e quanti stanno lavorando per la implementazione degli accordi di pace. Rapporti recenti indicano che almeno 42 leaders comunitari e attivisti sono stati assassinati nei primi quattro mesi del 2017.

On.le Giovanna Martelli – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti – Gruppo Interparlamentare Italia-Colombia
On.le Erasmo Palazzotto – Sinistra Italiana – Vice Presidente Commissione Esteri Camera dei Deputati
On.le Michele Piras – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti – Commissione Esteri Camera dei Deputati
On.le Arturo Scotto – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti
On.le Umberto D’Ottavio – Partito Democratico – Gruppo Interparlamentare Italia-Colombia
On.le Arcangelo Sannicandro  – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti
On.le Donatella Duranti  – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti
On.le Franco Bordo  – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti
On.le Filiberto Zaratti  – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti
On.le Gianni Melilla – Gruppo Art. 1 – Democratici e Progressisti
On.le Lara Ricciatti – Gruppo Art.1 – Democratici e Progressisti
On. le Marisa Nicchi – Art.1 Democratici e Progressisti
On. le Florian Kronbichler – Art.1 Democratici e Progressisti
On. le Giorgio Airaudo- Sinistra Italiana



Related Articles

Arrivano gli F-22 in Corea del Sud

Loading

Arrivano gli F-22 in Corea del Sud

Li hanno mandati gli Stati Uniti, sono tra le loro armi più costose e avanzate: è una dimostrazione di superiorità  militare, scrive il Wall Street Journal, e si spera che basti

Colombia, una parte delle FARC annuncia: «Siamo costretti a riprendere le armi»

Loading

Colombia. Si spacca ufficialmente il partito erede della guerriglia. «Accordi di pace traditi dallo Stato». L’annuncio dato dall’ex numero 2 Ivan Márquez, che fu protagonista dei negoziati

IL VIZIO COLONIALE

Loading

Visto che i preparativi del già  previsto intervento collettivo in Mali si dilungavano e col passare del tempo aumentavano le riserve degli Stati Uniti da una parte e dall’altra dell’Algeria, la Francia ha deciso di rompere gli indugi. Il fatto compiuto significa anteporre la guerra alla ricerca di una soluzione politica e nello stesso tempo cambiare le modalità  dell’operazione. Sembrava scontato che Francia e Stati Uniti si sarebbero limitati a funzioni di addestramento, appoggio logistico e comunicazioni in un’operazione condotta per il resto da soldati africani a fianco o al posto dell’evanescente esercito maliano.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment