Bloomberg: I miliardari del mondo sono diventati più ricchi del 23% nel 2017

Bloomberg: I miliardari del mondo sono diventati più ricchi del 23% nel 2017

Loading

I Paperoni mondiali si arricchiscono: nel 2017 la loro fortuna è aumentata del 23%. Complessivamente i 500 uomini più ricchi al mondo hanno 5.300 miliardi di dollari, ovvero 1.000 miliardi di dollari in più rispetto allo scorso anno.

L’uomo più ricco al mondo è dunque il fondatore di Amazon, Jeff Bezos. Il secondo più ricco è Bill Gates, con 91,3 miliardi, il terzo è Warren Buffett con 85 miliardi, il quarto il fondatore di Zara, Amancio Ortega, con 75,5 miliardi e il quinto è Mark Zuckerberg con 72,6 miliardi. La tecnologia occupa così tre delle cinque pirme posizioni.

Il primo italiano della lista è Giovanni Ferrero, alla posizione 33, con 24,2 miliardi, seguito da Leonardo del Vecchio, fondatore di Luxottica, in posizione numero 37 con 22,5 miliardi. Il terzo italiano nella classifica è Paolo Rocca(Techint) con 9,15 miliardi, seguito da Silvio Berlusconi, con 8,5 miliardi, e Giorgio Armani, con 8,16 miliardi.

Scorrendo la lista, si trovano 38 miliardari cinesi (hanno aggiunto in totale 177 miliardi, il 65% in più rispetto al 2016 e l’aumento maggiore tra i «paperoni» dei 49 Paesi in classifica) e ci sono 27 russi, che hanno aggiunto 29 miliardi a 275 miliardi. A far la parte del leone sono però gli americani: in lista ci sono 159 miliardari, che hanno visto salire il proprio patrimonio del 18%, ovvero di 315 miliardi, a un totale di 2.000 miliardi.

58 miliardari hanno visto calare il proprio patrimonio, perdendo in totale 46 miliardi: tra questi ci sono il magnate francese delle telecomunicazioni Patrick Drahi (-39% a 6,3 miliardi) e il principe saudita Alwaleed Bin Talal (-1,9 miliardi a 17,8 miliardi) a causa dello scandalo corruzione che ha travolto il principe ereditario Mohammed bin Salman.

Fonte: La Stampa



Related Articles

Taranto, il decreto sbagliato e la proprietà  dell’acciaio che deve cambiare

Loading

Il recente decreto legge del governo sull’Ilva è inadeguato alla gravità  della crisi di Taranto (…). Sul piano giuridico cancella le decisioni della giustizia, colpendo alla base il sistema giuridico del paese e crendo un pericoloso precedente che configura una sorta di “diritto speciale” per l’Ilva (…). Inoltre, il decreto legge lascia nelle mani dei proprietari le decisioni in merito alla gestione dell’azienda (…).

Italiani i primi ad andare in pensione

Loading

Tedeschi verso l´età minima di 67 anni, da noi si può andare a 57: record Ue (la Repubblica, LUNEDÌ, 12

Si apre la partita del vertice tensione Alierta-Bernabè

Loading

 Il test del piano industriale

Quelle ipotesi su Sarmi e Caio. Le regole per il board. «Lo spagnolo è una delle poche lingue che non parlo».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment