In tutta l’India Dalit in rivolta, a Mumbai lo sciopero è totale

In tutta l’India Dalit in rivolta, a Mumbai lo sciopero è totale

Lunedì, in occasione del duecentesimo anniversario della battaglia di Bhima-Koregaon, centinaia di migliaia di dalit si sono recati nell’omonimo villaggio del Maharashtra per ricordare la vittoria dei Mahar, in servizio nelle fila dell’esercito britannico, sulla popolazione bramina dei Peshwas. Durante i festeggiamenti, gruppi di dalit sono stati assaliti da uomini che sventolavano «bandiere zafferano», il colore simbolo dell’ultrainduismo.

L’aggressione ha scatenato proteste dalit in tutto lo stato, con autobus dati alle fiamme e scontri tra i manifestanti e la polizia. Ieri, uno sciopero totale indetto dalla comunità dalit ha paralizzato le ferrovie e alcune delle arterie principali di Mumbai.

Le proteste sono considerate una prova di forza di alcune frange della comunità dalit, tradizionalmente vessata dalle caste alte del sistema hindu.

FONTE: Matteo Miavaldi, IL MANIFESTO


Tags assigned to this article:
DalithinduIndiainduismoproteste dei dalit

Related Articles

Il pugno di Erdogan

Appena un anno fa il Paese era sinonimo di crescita e stabilità. Poi ci furono la rivolta di piazza Taksim e i provvedimenti liberticidi: ora il premier, leader del partito islamico, è accusato di dispotismo

Thalys: Lobbying ad alta velocità

La prima classe del Thalys Bruxelles-Parigi  La prima classe del Thalys Bruxelles-Parigi

Il treno che collega Parigi a Bruxelles è un concentrato delle elite politiche ed economiche che governano l’Ue. Per questo è il posto ideale per chi vuole avvicinare un funzionario o raccogliere informazioni indiscrete.

Nella morsa di Gheddafi Le ultime ore di Bengasi Ribelli in rotta, le truppe lealiste avanzano

BENGASI — La fine sembra avvicinarsi veloce. I giorni, forse solo le ore, prima della battaglia per la capitale della rivoluzione, sono un susseguirsi di delusioni, recriminazioni «contro la comunità  internazionale che non fa nulla per aiutarci» , voci confuse dal fronte sempre più prossimo, mischiate a paura, puro e semplice terrore. Ieri la notizia dell’entrata dei miliziani di Gheddafi nella cittadina di Ajdabiya, solo 150 chilometri a ovest di Bengasi, è stata accolta prima con sincera incredulità , ma poi via via si è fatta strada la consapevolezza dell’inevitabile.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment