Migranti: «Libia non sicura», il GIP dissequestra la nave Open Arms

Migranti: «Libia non sicura», il GIP dissequestra la nave Open Arms

Loading

A prescindere dall’esistenza o meno di una zona Sar (ricerca e salvataggio) attribuibile a Tripoli, la Libia non può essere considerata un porto sicuro per i migranti viste le condizioni in cui vengono trattenuti. Inoltre non si ha nessuna certezza che Malta avrebbe acconsentito allo sbarco dei migranti tratti in salvo il 15 marzo scorso dalla nave Open Arms.

Sono le due motivazioni principali che hanno portato il gip di Ragusa Giovanni Giampiccolo a rigettare ieri la richiesta di sequestro della nave della ong spagnola ferma nel porto di Pozzallo dal 18 marzo scorso su ordine della procura distrettuale di Catania, sequestro in seguito mantenuto dal gip della città etnea che ha però fatto cadere l’accusa di associazione a delinquere contestata al capitano della nave Marc Reig Creus, alla capo missione Ana Isabel Montes Mier e al coordinatore generale della ong Gerard Canals. I tre restano comunque indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. E infatti l’avvocato Alessandro Gamberini, uno dei legali che assiste l’ong, si dice soddisfatto della decisone del gip ma, spiega, «abbiamo vinto una battaglia, credo che la guerra legale non finisca qui ma continuerà e sarà lunga».

Una guerra che sembra riguardare più in generale l’attività delle ong impegnate nel salvataggio dei migranti nelle acque antistanti la Libia. L’avventura giudiziaria della Open Arms comincia il 15 marzo, quando alla nave arriva dalla sala operativa della Guardia costiera a Roma un allarme riguardante tre gommoni carichi di migranti. Le imbarcazioni si trovano in acque internazionali ma l’intervento di una motovedetta libica, alla quale Roma attribuisce per la prima volta il coordinamento dei soccorsi, fa salire la tensione. I militari minacciano infatti con le armi gli attivisti della ong per farsi consegnare i migranti già tratti in salvo. La situazione si sblocca solo quando la motovedetta retrocede dalle sue intenzioni e si allontana.

Proprio la decisione di non consegnare uomini, donne e bambini ai libici viene contestata dalla procura distrettuale di Catania, convinta che la ong spagnola abbia fatto in modo di portare i migranti in Italia a tutti i costi. Accusa che i difensori della Opens Arms contestano, convinti che consegnare i migranti ai libici sarebbe equivalso a condannarli a subire maltrattamenti e torture. Una tesi condivisa dal gip di Ragusa Giampiccolo: le operazioni di soccorso, è scritto nel decreto, «non si esauriscono nel mero recupero in mare dei migranti, ma devono completarsi e concludersi con lo sbarco in un luogo sicuro» come previsto dalla Convenzione di Amburgo del 1979. Condizione fondamentale che non corrisponde però al paese nordafricano. Le informazioni disponibili, argomenta infatti il gip nelle 16 pagine del decreto – «indicano ancora la Libia come luogo in cui avvengono gravi violazioni dei diritti umani (con persone trattenute in strutture di detenzione in condizioni di sovraffollamento, senza accesso a cure mediche e ad un’adeguata alimentazione e sottoposte a maltrattamenti, stupri e lavori forzati)».

Il dissequestro della nave spagnola è vista come una vittoria. «Il ritorno in mare di Proactiva sarà fondamentale per salvare vite nel Mediterraneo centrale, è stato ad esempio il commento di Sos Mediterranee. Soddisfazione anche da parte di Emma Bonino. Sulla vicenda della ong il segretario dei Radicali italiani Riccardo Magi ha presentato un’interrogazione parlamentare. Ora la senatrice di +Europa si dice convinta che la decisione del gip di Ragusa rappresenti «un tassello molto importante nel percorso di assoluzione delle ong dopo quella che è stata una vera e propria campagna di attacchi forsennati».

FONTE: Leo Lancari, IL MANIFESTO



Related Articles

Pakistan: la parità  di genere entra nei media

Loading

Pakistan donne

E’ necessario che giornalisti e operatori dei mezzi di comunicazione agiscano affinché la donna sia percepita come un individuo con diritti e non più come un oggetto di proprietà . A pensarlo sono gli uomini della Campagna del Fiocco Bianco del Pakistan (White Ribbon Campaign), che in occasione della Giornata internazionale delle Donne, hanno lanciato, insieme all’Ong locale Women’s Empowerment Group, un codice etico per rendere carta stampata, televisioni, radio e testate on-line più sensibili alle tematiche di genere. Il gruppo pakistano del Fiocco Bianco è nato nel 2006 e fa parte della più grande rete internazionale al maschile per la lotta contro la violenza sulle donne.

Migranti. Il Tar del Lazio contro Salvini: «Open Arms entri in Italia»

Loading

L’ong catalana, dopo 13 giorni, va a Lampedusa. Il Viminale ricorre al Consiglio di stato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment