A Vienna il comune rosso-verde festeggia con la comunità rom

A Vienna il comune rosso-verde festeggia con la comunità rom

VIENNA. Un tale riconoscimento di Vienna ai rom non era finora capitato. Il comune rosso verde, ieri, per la giornata internazionale dei rom, ha esposto sulla facciata del Rathaus (il municipio) la bandiera del popolo più europeo, vista la presenza in tutti i paesi, e più maltrattato. Un atto simbolico in aperto contrasto con la politica ossessiva antimigranti del governo nazionale della coalizione di centro-estrema destra Kurz-Strache ogni giorno inasprita da nuove vessazioni xenofobe del ministro degli interni amico di Salvini Herbert Kickl. Ma la capitale austriaca va in controtendenza con programmi e progetti di integrazione.

Fitto è stato il programma dei festeggiamenti di ieri organizzato dall’associazione «Voices of diversity». Non si trattava solo di ricordare il Porajmos, il genocidio durante il periodo nazista o le discriminazioni e la povertà che caratterizzano la vita quotidiana della maggior parte dei rom nei vari paesi. «Per noi è importante non considerare sempre soltanto i problemi ma anche quella parte della cultura non tanto visibile -ha detto la fondatrice di Voices of diversity Valerie Stojka – ci sono ricercatori, artisti e politici, una nuova generazione di giovani più sicuri e meno ritirati sulla difensiva come forse hanno fatto i vecchi».

La sera nella prestigiosa sede dell’orf RadioKulturhaus (Casa della cultura della radio austriaca orf) si è svolto un dibattito internazionale, conduttore Michael Koehlmeier, uno dei maggiori scrittori austriaci. Tra i partecipanti Michael O’ Flaherty direttore dell’agenzia Ue per i diritti fondamentali (Fra) che ha sede a Vienna, Mirjam Karoly, vicepresidente del consiglio associato rom, che è una rappresentanza rom nelle istituzioni, come garantito alle minoranze autoctone austriache, riconoscimento che i rom e sinti hanno ottenuto nel 1993.

Karoly è politologa con grande esperienza internazionale, ha diretto l’ufficio Osce per le questioni riguardanti i rom e sinti, è stata advisor nelle missioni Osce in Kossovo occupandosi di tutte le minoranze e dei rifugiati, fa parte del Romano Centro Vienna e del centro europeo per i diritti Rom di Budapest. Sul podio anche Romani Rose del Centro di documentazione e cultura dei rom e sinti tedeschi di Heidelberg, Robert Gabris, giovane scultore che ha esposto le sue opere in città da Berlino a New York, Ursula Hemetik, etnomusicologa che si occupa di minoranze all’università di Vienna. Dopo il dibattito il concerto del complesso di Harri Stojka al quale ha assistito, con gioia dei musicisti, il presidente della repubblica Alexander van der Bellen.

* Fonte: Angela Mayr, IL MANIFESTO



Related Articles

Lavoro minorile: una piaga che continua

  Lavorano ancora troppo – Foto: comune-info.net

“La mappa del lavoro minorile nel mondo coincide con quella della fame e della povertà. Per questo il primo passo da compiere per avanzare nella lotta alle peggiori forme di lavoro minorile è quella di coordinare le politiche sulla redistribuzione della ricchezza. Non è un problema di mancanza di risorse, per raggiungere l’obiettivo serve piuttosto la volontà politica di farlo”.

Tunisia, rischio di “invasione” in Italia? “Solo se non ci saranno lavoro e libertà “

L’opinione di Mourad Aissa, tunisino in Italia dal 2001 e oggi direttore di un centro di accoglienza per rifugiati: “La rivolta punta a migliorare sul posto le condizioni sociali: nessun rischio invasione per l’Europa se il paese cambierà  davvero”

Il mestiere delle donne. Vita e lavoro, una conciliazione difficile

Istat. L’11,1% delle donne con almeno un figlio non ha mai lavorato per prendersene cura, un valore superiore alla media europea (3,7%).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment