Razzismo. «Maledetta ladra», Salvini scatena il linciaggio social contro una donna rom

Razzismo. «Maledetta ladra», Salvini scatena il linciaggio social contro una donna rom

Loading

A scatenare la feccia dei social non avrebbe potuto esserci soggetto migliore: una donna rom incinta e madre di 15 figli arrestata a Roma dai carabinieri mentre a bordo di un autobus tentava di derubare una turista cinese del suo portafogli. E come se non bastasse anche recidiva, visto che «madame furto», come è stata ribattezzata la donna di 38 anni con origine bosniache, ha all’attivo più di 50 furti e 43 condanne collezionate negli anni.

Quello che sorprende (ma solo fino a un certo punto) è che a dare il via alla marea di insulti e volgarità che in un attimo ha sommerso la donna non è stato Napalm51, l’hater per eccellenza del web inventato da Maurizio Crozza, bensì Matteo Salvini. «Questa maledetta ladra in carcere per trent’anni, messa in condizione di non avere più figli, e i suoi poveri bimbi dai in adozione a famiglie perbene. Punto», ha scritto il ministro degli Interni a commento su Facebook a un articolo che dava conto dell’arresto della donna. Parole che per molti rappresentano il via libera per un linciaggio virtuale. A scatenarsi dietro il leghista sono in più di tremila, la maggior parte dei quali infuriati e lasciati liberi di sfogarsi dai gestori della pagina. I più gentili propongono di mettere la donna «su un barcone in mezzo all’Oceano per meditare… con biglietto di sola andata», ma sono pochi. I più preferiscono passare direttamente alle vie di fatto, chi proponendo di sterilizzare la donna «come facciamo con gli animali», chi di chiuderle «le tube» e chi, invece, preferirebbe renderla «invalida», magari con «una martellata sulle mani e una in faccia». Per finire con chi chiede invece di mettere fine alla carriera della scippatrice con «una pallottola in fronte».

Ma c’è anche chi prova a contrastare l’ondata di volgarità e minacce. Come quelli che ricordano a Salvini come, mentre se la prende con i rom, non ha mai detto dove sono finiti i 49 milioni di contributi elettorali truffati dalla Lega. «Pensa a quanti politici rubano da anni, la gamma delle ruberie come ben sai è molto vasta, non sono incinti e sono ancora in giro», scrive ad esempio Algio. «Propongo di concederle 80 anni per permetterle di restituire il bottino», intervenire invece Chiara G. ricordando le facilitazioni ottenute dal Carroccio sempre a proposito dei famosi 49 milioni. E Francesco B. : «A buttare fango sei molto bravo, guarda in casa tua, c’è peggio». «Ho letto bene? Stiamo davvero parlando di sterilizzazione obbligatoria? Che Paese siamo diventati», si chiede Marco I.

A dir poco stupito per le espressioni utilizzate da Salvini è Santino Spinelli, musicista e docente universitario rom. «Il linguaggio adottato dal ministro è può confacente a un regime dittatoriale che a un sistema democratico dove vige lo stato di diritto», dice. «E’ terribile ascoltare queste parole, poiché la sterilizzazione veniva praticata dai nazisti. Un conto è punire chi commette un reato secondo il codice penale, ben altro conto è aggiungere un surplus di pena solo perché si tratta di una persona rom. Quindici anni fa – conclude Spinelli – queste dichiarazioni avrebbero comportato la rimozione immediata dall’incarico. Oggi si sta creando un clima pericolosissimo e questa deriva va fermata in tempo. Perché le istituzioni nazionali e internazionali non intervengono? Il silenzio è convivenza». Duri anche i commenti che arrivano dal Pd: «La giustizia non è barbarie», afferma il deputato Emanuele Fiano. «Condannare, applicare le pene senza sconti, prevenire e reprimere il crimine non possono voler dire, in democrazia. oltrepassare il limite della civiltà, come fa Salvini prevedendo la sterilizzazione di questa persona».

* Fonte: Marina Della Croce, IL MANIFESTO



Related Articles

Morte di Ivan, il bracciante di 20 anni che viveva nel «Ghetto dei Bulgari»

Loading

Schavitù e sfruttamento in Puglia. È morto carbonizzato a soli 20 anni nel tristemente famoso «Ghetto dei Bulgari»

La valanga di no al governissimo

Loading

La trincea di Pier Luigi Bersani rimane quella del «mai un governo con Silvio Berlusconi».
E i simbolici sacchetti di sabbia ammassati per puntellarla sono i veti arrivati nei giorni scorsi per email da circa un milione di elettori delle primarie del Pd, decisi a impedire che la sinistra interpreti il risultato elettorale cercando un compromesso col centrodestra.

La corsa ad abbracciare Nick E riappare l’«asse del Nord»

Loading

«Finiremo tutti in galera!». L’atmosfera nel Pdl era da vigilia del Terrore. 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment