Global Witness. Assassinati in America latina oltre 164 difensori dell’ambiente

Global Witness. Assassinati in America latina oltre 164 difensori dell’ambiente

Sono stati almeno 164 i difensori dell’ambiente assassinati nel mondo nel 2018, secondo l’ultimo rapporto dell’osservatorio Global Witness, diffuso ieri. E più della metà in America latina, benché sul primo gradino del podio per numero di attivisti uccisi figurino le Filippine, con 30, seguite dalla Colombia con 24 e dall’India con 23.

Ma il dato più impressionante è sicuramente quello del Guatemala, passato dai 3 del 2017 ai 16 dell’anno successivo: un triste balzo in avanti che, in rapporto alla popolazione, rende il Paese centroamericano il più pericoloso al mondo per gli ecologisti. E nulla indica che la situazione sia migliorata nel corso del 2019.

Non a caso, giovedì, è stato assassinato il leader comunitario del Codeca (Comité de Desarrollo Campesino de Guatemala) Jorge Juc Cucul, 77 anni, nel dipartimento di Izabal, da sempre impegnato in difesa della terra e del territorio. E, prima di lui, erano stati uccisi già altri 7 attivisti del Codeca, due dei quali appena il 5 luglio: Isidro Pérez y Pérez di 85 anni e Melesio Ramírez di 70.

* Fonte: Claudia Fanti, IL MANIFESTO



Related Articles

L’Onu: in Italia ormai è “femminicidio”

 LE NOSTRE INCHIESTE L'Onu: in Italia ormai è femminicidio Foto Olycom

Rashida Manjoo, responsabile per la violenza contro le donne, usa un termine nato per descrivere gli eccidi in Messico. Ogni tre giorni in Italia una donna viene uccisa per mano del proprio partner

Istat: servizi ai senza dimora, prevale l’impegno delle organizzazioni private

L’Istituto presenta i primi dati dell’indagine realizzata per la prima volta in Italia. 31 i comuni interessati sui 158 in programma. Mancano ancora città  come Roma, Milano e Napoli. Su 115 realtà  che forniscono servizi, il 79% sono private

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment