Chiapas. L’Ezln rilancia, l’autogestione zapatista contagia il sud

Chiapas. L’Ezln rilancia, l’autogestione zapatista contagia il sud

Loading

Sette nuovi caracoles e quattro nuovi municipi autonomi zapatisti sono nati il 17 agosto. L’annuncio viene direttamente dall’Ezln che torna a parlare dopo mesi di silenzio seguiti ai festeggiamenti per i 25 anni dell’insurrezione (quando gridarono al mondo di essere tornati soli come soli erano il primo gennaio 1994) e dopo la serrata dei territori in resistenza con una sorta di «allerta rossa» causata dalla crescente militarizzazione disposta dal governo locale, statale e federale e dalla minaccia di grandi opere come il Tren Maya.

Il rilancio fa parte della storia zapatista: dopo il 9 febbraio 1995, quando il presidente Zedillo, nonostante fossero in corso dialoghi di pace cercò di catturare la comandacia dell’Ezln e distrusse l’Aguascalientes di Guadalupe Tepeyac, gli zapatisti e le zapatiste risposero costruendo cinque nuovi Aguascalientes, che poi nel 2003 si sono trasformati in quelli che fino a pochi giorni fa erano i cinque caracoles.

Per l’antropologo ed editorialista della Jornada Gilberto Lopez y Rivas «si dimostra che lo zapatismo gode di buona salute ed è in una fase vivificante, piena di entusiasmo per l’allargamento della sua area di influenza e per i risultati raggiunti nella pratica dell’autogoverno.

Di fatto questa è una vittoria per l’Ezln oltre che una notizia che ha regalato grande gioia a tutte e tutti coloro che solidarizzano con il movimento rivoluzionario e lavorando spalla a spalla con il Congresso Nazionale Indigeno».

Per la prima volta si dichiarano zapatiste realtà che si trovano a sud di San Cristobal de Las Casas, come Ametenango del Valle, Chicomuselo e Motozintla. Anche nella vecchia capitale dello Stato un pezzo di città, l’area del Cideci, diventa zona di controllo e influenza dell’Ezln.

Questo annuncio «ha un significato storico» secondo Lopez y Rivas perché «risponde a tutte le politiche di contro-insurgenza, attive o passive, messe in campo da tutti i differenti governi dal 1994 ad oggi. Gli zapatisti hanno saputo resistere e quindi non restando mai passivi hanno rafforzato permanentemente il processo organizzativo e intensificato continuativamente il percorso di costruzione del soggetto autonomo, ovvero lo sviluppo dell’autogoverno delle/nelle comunità. Così oggi ci sono decine di migliaia di giovani e giovani coscienti, preparati politicamente e con carichi di responsabilità» che fanno crescere l’organizzazione.

* Fonte: Andrea Cegna,  IL MANIFESTO

 

photo: Adam Jones from Kelowna, BC, Canada [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)]



Related Articles

Amnesty International : “Un errore quell’accordo la Turchia non rispetta le leggi sui diritti umani”

Loading

Il direttore di Amnesty International per l’Europa John Dalhuisen: “Serve la solidarietà obbligatoria”

I due marò restano in India, ma liberi negata la giurisdizione al Kerala

Loading

La Corte suprema passa il caso a un tribunale speciale a New Delhi. Ottimismo della difesa

Londra, la fronda dei Tory in difesa dei privilegi dei Lord Cameron rischia il primo ko

Loading

Oggi possibile sconfitta in Parlamento per il governo   In 70 hanno firmato una lettera contro la riforma che cancellerebbe la tradizione

 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment