Dopo sette anni di regime al-Sisi, l’Egitto sempre più schiavo dell’esercito

Dopo sette anni di regime al-Sisi, l’Egitto sempre più schiavo dell’esercito

I sette anni dal golpe dell’allora generale Abdel Fattah al-Sisi sono stati segnati dalle prime riaperture: l’aeroporto del Cairo giovedì ha visto partire e atterrare 113 voli, interni e internazionali, e cinque musei e otto siti archeologici, tra cui le piramidi di Giza, hanno accolto i turisti.

Eppure l’epidemia di Covid-19 balza in avanti: ieri +1.485 casi, che portano il totale ufficiale a oltre 71mila, e 86 decessi in più che si sommano alle 3mila vittime finora registrate. Il sistema sanitario, lo hanno denunciato medici e infermieri pagando con licenziamenti e detenzioni, è al collasso, vittima di anni di tagli e noncuranza.

DI TUTTO QUESTO le celebrazioni del governo per quella che chiama «la rivoluzione del 30 giugno» non tengono conto. Il riferimento è alle proteste dell’estate 2013 che vide protagonisti gli stessi egiziani che due anni e mezzo prima avevano riempito piazza Tahrir e fatto cadere il trentennale regime di Hosni Mubarak.

Qualche giorno dopo, il 3 luglio, l’allora ministro della Difesa al-Sisi assumeva il potere destituendo il primo presidente democraticamente eletto d’Egitto, Mohammed Morsi. All’epoca si festeggiò, lo fece anche la sinistra egiziana: Morsi e la sua Fratellanza Musulmana avevano tradito la rivoluzione del 2011 con leggi liberticide.

I festeggiamenti durarono poco, un mese dopo il massacro di sostenitori dei Fratelli musulmani in piazza Rabaa svelava i tratti del nuovo regime.

Le celebrazioni mediatiche di questi giorni non tengono conto nemmeno – com’è ovvio – dell’ultimo schiaffo in faccia a Patrick Zaki, lo studente dell’Università di Bologna incarcerato dal 7 febbraio scorso.

Il 28 giugno sarebbe dovuto comparire davanti alla Corte penale per i reati minori perché un giudice decidesse dell’ormai lunghissima detenzione cautelare a cui è sottoposto: «L’udienza doveva essere tenuta davanti a un giudice per la prima volta – riporta la pagina Facebook “Patrick Libero” – La sessione è stata rinviata, ancora una volta, al 12 luglio». Senza avvocati presenti.

Intanto le tv e i giornali, filo-governativi (al-Sisi ha imbavagliato la stampa e messo al bando circa 60 siti di informazione indipendente), celebravano i mega progetti infrastrutturali, dall’allargamento di Suez a New Cairo, e le vittorie sul terrorismo, categoria i cui confini sono stati allargati a dismisura con leggi apposite che puniscono chiunque critichi il regime.

In televisione e in radio scorrono senza soluzione di continuità i messaggi di esaltazione della «gloriosa rivoluzione», mentre i talk show invitano estimatori del regime a incensarne l’operato.

DAL QUADRO SCOMPAIONO le reali «missions accomplished» del più brutale governo che gli egiziani abbiano mai sperimentato: 19 nuove prigioni costruite dal 2013; 60mila prigionieri politici su una popolazione carceraria di 140mila unità con istituiti di pena sovraffollati, tra il 160% e il 300% in più della loro capacità (13 i detenuti morti a giugno per mancanza di cure mediche, secondo il centro Al-Nadim); tre egiziani su dieci sotto la soglia di povertà e altrettanti appena sopra; spese folli per progetti infrastrutturali e armi (ne scrivevamo su queste pagine lo scorso 13 giugno) coperte con i prestiti del Fmi, condizionati a riforme lacrime e sangue che hanno fatto scomparire la classe media; un debito pubblico triplicato, da 112 miliardi di dollari del 2014 agli attuali 321.

Ci si impoverisce, con aumenti di tasse e tagli dei sussidi per i più poveri, mentre l’élite si arricchisce. Un’élite che coincide con la galassia di potere che tiene al suo posto il presidente al-Sisi: l’esercito e i servizi segreti.

Da esponente delle forze armate e privo di un partito proprio, al-Sisi lavora alacremente da sette anni, e con successo, alla creazione di un sistema militare in senso sia politico che economico: l’Egitto è oggi uno Stato al servizio del suo esercito.

SE LA FETTA DI ECONOMIA interna controllata dalle forze armate è costantemente cresciuta – attestandosi, secondo stime, a un 40% di Pil – si moltiplicano gli appalti affidati direttamente alle ditte dell’esercito, senza che un controllo indipendente ne freni l’avanzata a tutela dei privati.

E mentre vedono crescere, grazie allo shopping di armi, la loro potenza di fuoco, i militari godono di un sistema giuridico che permette un controllo sociale pressoché totale, un groviglio di leggi anti-sciopero e anti-dissenso che fa il paio con la tradizionale macchina dello spionaggio interno. E che tiene l’Egitto in prigione.

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto



Related Articles

Intervista a Luis Sepulveda: «Fa rabbia il ritorno a tempi che credevamo superati»

Intervista . «Il problema è che questa esplosione non ha un obiettivo politico definito, non propone un’alternativa»

Yemen, raid sunnita colpisce ospedale Msf: almeno 11 morti e 20 feriti

La gran parte delle vittime sarebbero pazienti ricoverati. Ucciso anche un ingegnere che lavorava per l’associazione umanitaria. Sabato scorso la coalizione guidata dall’Arabia Saudita aveva bombardato una scuola causando la morte di 10 bambini

Vertice Ue-Africa.“Evacuazioni di emergenza” dalla Libia per 3800 persone

Ue-Ua. Vertice di Abidjan: al centro il dramma dei migranti. Ci sarà una task force per i rimpatri. La debolezza della Ue di fronte alle domande della giovinezza africana

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment