Respingimenti illegali: Italia, Malta e Libia denunciate alle Nazioni Unite

L’Associazione per gli Studi giuridici sull’immigrazione e il Cairo institute for Human rights studies hanno presentato una denuncia contro Italia, Malta e Libia presso il Comitato per i diritti umani dell’Onu. La denuncia è stata depositata per conto di due migranti il cui diritto di fuggire dalla Libia è stato violato dall’intercettazione e dal respingimento effettuati dalla cosiddetta Guardia costiera libica sotto la responsabilità delle autorità italiane e maltesi. Una pratica ormai diffusa che si sta ripetendo anche in queste settimane. A sostegno della causa si sono schierate le ong Alarm phone, Sea Watch e Mediterranea saving humans.

I fatti risalgono al 18 ottobre 2019, quando un barcone in difficoltà, che trasportava circa 50 persone, ha contattato Alarm phone. Erano in zona Sar maltese ma vicini a Lampedusa. I volontari hanno informato via mail il Centro di coordinamento maltese: «Abbiamo cercato di chiamare le autorità maltesi per tutto il pomeriggio – raccontano nella denuncia -. Quando siamo riusciti a contattare il Centro di coordinamento alle 21.30, sette ore dopo la prima chiamata di soccorso, ci hanno informato che i libici aveva intercettato la barca. Più tardi divenne chiaro che le autorità maltesi stavano monitorando la barca dall’aria senza effettuare il salvataggio».

I naufraghi sono stati trasportati al centro di detenzione di Triq al Sikka, dove numerosi rapporti delle agenzie Onu hanno documentato le ripetute e gravi violazioni dei diritti umani.

* Fonte: Adriana Pollice, il manifesto



Related Articles

Giustizia penale internazionale: una strada irta di difficoltà . E non solo per l’Italia

  L’aula vuota della CPI – Foto:unipd-centrodirittiumani.it

Nei giorni scorsi il Parlamento italiano ha finalmente approvato il disegno di legge di adeguamento della disciplina interna allo Statuto di Roma, che istituiva la Corte Penale Internazionale (CPI). La legge, già  licenziata il 19 settembre 2012 al Senato, con l’approvazione definitiva della Camera lo scorso 4 dicembre a maggioranza bipartisan, ha completato l’iterlegislativo permettendo l’effettiva cooperazione del Paese con il Tribunale, la prima e l’unica giurisdizione penale internazionale a carattere permanente e potenzialmente universale.

Gli Invisibili in marcia a Rom per diritti, reddito e permesso umanitario

Senza confini. 25 mila migranti da tutta Italia: «Senza documenti siamo condannati alla schiavitù»

James Holmes, in tribunale davanti ai parenti delle vittime

Capelli rosso arancio dritti sulla testa, lo sguardo perso nel vuoto: così è apparso in pubblico per la prima volta, dopo la sparatoria nel multiplex Century 16 di Aurora, periferia di Denver, James Holmes, lo studente di 24 anni accusato di avere ucciso 12 persone, e di averne ferite 58, nel corso della prima di The Dark Knight Rises, il nuovo capitolo della trilogia ispirata a Batman.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment