Mobilitazione per la Palestina: giovedì in 5mila a Milano, oggi la manifestazione a Roma

Mobilitazione per la Palestina: giovedì in 5mila a Milano, oggi la manifestazione a Roma

Erano in 5mila giovedì a Milano, al presidio organizzato dai Giovani Palestinesi d’Italia e dal Gaza FreeStyle. Seconde e terze generazioni, italiani accanto ad altri italiani, giovani, meno giovani, movimenti del territorio, centri sociali.

C’è anche il rapper Ghali e ci sono anziani e giovani palestinesi che raccontano la loro storia, la loro duplice identità, la loro diaspora. E c’è la polizia che blocca un tentativo di corteo.

Hanno manifestato, come sta accadendo in Italia ovunque in questi giorni, da Palermo a Cagliari, contro l’offensiva militare israeliana a Gaza, gli sgomberi a Sheikh Jarrah, le violenze in Cisgiordania e le città miste in Israele. Tante persone in tutto il paese in direzione contraria a quella della politica dei partiti, questi giorni quanto mai unita intorno alla narrativa israeliana.

«Israele non esiste in solitaria», dice una ragazza dal palco, appellandosi all’Europa e ai media italiani, ritenuti responsabili di un silenzio imbarazzante e in molti casi in una narrazione a senso unico. Milano tornerà in piazza domani insieme a Modena e Catania.

Oggi invece tocca a Roma (alle 16 a piazza Esquilino, con un presidio organizzato dalla Comunità palestinese di Roma e del Lazio e da Assopace), a Napoli, Savona, Bologna, Pisa, Firenze, Empoli, Vicenza, Brescia, Livorno, Parma, Pavia, Trento, Torino, Salerno. Una mobilitazione fisica che si aggiunge a quella virtuale, sui social, dove ieri a emergere con potenza è stata la protesta di giovani ebrei italiani.

Si sono fotografati con un cartello in mano e la scritta #NotInOurNames, non massacri e occupazioni militari nel nostro nome. «Ci uniamo – scrivono – ai compagni e alle compagne attivisti in Israele e Palestina e al resto delle comunità ebraiche nella diaspora che stanno facendo lo stesso».

* Fonte: Chiara Cruciati, il manifesto



Related Articles

Arabia Saudita Il re grazia la pasionaria del volante: niente frustate

RIAD – Il re Abdullah dà  un altro segnale che la condizione delle donne in Arabia Saudita potrebbe migliorare. Ieri il monarca assoluto ha graziato Sheima Jastaniah, una delle attiviste della campagna “Women 2 drive” – donne che si battono per il diritto di guida e che in passato sono state graziate soltanto dopo aver chiesto scusa – condannata a dieci frustate.

Rifugiati, quando l’accoglienza funziona

  L’importanza della formazione – Foto: adnkronos.com

Il conto alla rovescia si fa sentire. A fine dicembre sono in 18 mila a concludere l’accoglienza e un’inquietudine palpabile attraversa comunità  alloggio, cooperative sociali, uffici di enti locali e albergatori. Mettere fine all’emergenza umanitaria significa innanzitutto fermare il trasferimento di fondi dal governo agli enti locali e ai così detti “soggetti attuatori”, incaricati del coordinamento degli interventi di accoglienza, realizzati poi da comuni, privato sociale, strutture residenziali. 

Migranti. Archiviata l’inchiesta Zuccaro contro la ONG Open Arms

Catania. Il gip accoglie la richiesta della Procura, non ci sono prove contro il comandante Marc Reig Creus e il capo missione Ana Isabel Montes Mier della nave della ong spagnola

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment