Sindacati della scuola oggi in piazza a Roma per correttivi al Decreto sostegni bis

Sindacati della scuola oggi in piazza a Roma per correttivi al Decreto sostegni bis

L’anno scolastico si è concluso ieri per quasi centomila studenti e sta volgendo al termine per tutti gli altri, ma le proteste dei lavoratori continuano. Oggi dalle 15 alle 18 Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Rua, Snals Confsal e Anief saranno a Roma in piazza Montecitorio e, contemporaneamente, nelle principali città italiane. Obiettivo della mobilitazione è sostenere le richieste di numerosi e significativi correttivi al decreto «sostegni bis», che al momento è in discussione in Parlamento per la conversione in legge.

I sindacati chiedono coerenza tra quanto prevede il Patto per la Scuola al centro del paese, sottoscritto a Palazzo Chigi il 20 maggio scorso con il governo, e quanto è scritto nel testo del decreto. «Il Patto per la Scuola – sostengono le cinque organizzazioni – riconosce l’impegno profuso da tutto il personale durante la pandemia. Ora questo riconoscimento va concretizzato e tradotto in misure e interventi che assicurino stabilità e continuità al lavoro e il regolare avvio dell’anno scolastico il primo settembre con l’ascolto del mondo della scuola».

Le principali richieste sono: lasciare alla contrattazione la materia della mobilità; chiudere definitivamente la questione ex Lsu; prorogare l’organico covid; rispettare l’autonomia scolastica. Tema centrale è quello della stabilizzazione dei precari e delle procedure di assunzione. «Bisogna cambiare profondamente le misure sul reclutamento con l’assunzione dei precari chiamati dalla prima e seconda fascia delle graduatorie delle supplenze, superare i blocchi sulla mobilità del personale ripristinando l’assegnazione provvisoria annuale, rafforzare gli organici del personale docente, educativo e Ata, ridurre il numero di alunni per classe», continuano le organizzazioni che promuovono la mobilitazione.

Le preoccupazioni principali riguardano quello che accadrà nelle aule da settembre, con l’apertura dell’anno scolastico 2021/2022. «Inizieremo con 112 mila posti vacanti per le immissioni nei ruoli e altrettanti per le supplenze. Si aggiungono i fondi covid restituiti al Mef per quasi 800 milioni che non sono stati riassegnati alle scuole. Le scuole quindi non avranno i fondi per l’organico Covid l’anno prossimo, si torna ai numeri pre-pandemia. I fondi ci saranno solo fino al 31 dicembre», ha detto ieri la segretaria generale della Cisl Scuola Maddalena Gissi.

* Fonte: il manifesto



Related Articles

No al ddl Pillon. Da Bolzano a Lecce la protesta femminista nelle piazze

Diritti. La piazza romana preceduta dal flash mob di Non Una di Meno in Campidoglio. «Ci volete ancelle ci avrete ribelli» come nella celebre serie tv in cui le donne ridotte a macchine da riproduzione si alleano nella rivolta

Applausi ai poliziotti, l’ira del governo

Una standing ovation per i poliziotti condannati in via definitiva dalla Cassazione a 3 anni e 6 mesi (3 dei quali coperti da indulto) per la morte dell’allora diciottenne Federico Aldrovandi

Orban vieta di parlare di Lgbtq nelle scuole, l’altra Ungheria si mobilita

Europa. Approvata la legge “per scoraggiare l’omosessualità tra i minori” con 159 sì e un solo voto contrario. La crociata del governo continua, ma piazze e social sono già pronti a dare battaglia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment