Sindacati della scuola oggi in piazza a Roma per correttivi al Decreto sostegni bis

Sindacati della scuola oggi in piazza a Roma per correttivi al Decreto sostegni bis

Loading

L’anno scolastico si è concluso ieri per quasi centomila studenti e sta volgendo al termine per tutti gli altri, ma le proteste dei lavoratori continuano. Oggi dalle 15 alle 18 Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Rua, Snals Confsal e Anief saranno a Roma in piazza Montecitorio e, contemporaneamente, nelle principali città italiane. Obiettivo della mobilitazione è sostenere le richieste di numerosi e significativi correttivi al decreto «sostegni bis», che al momento è in discussione in Parlamento per la conversione in legge.

I sindacati chiedono coerenza tra quanto prevede il Patto per la Scuola al centro del paese, sottoscritto a Palazzo Chigi il 20 maggio scorso con il governo, e quanto è scritto nel testo del decreto. «Il Patto per la Scuola – sostengono le cinque organizzazioni – riconosce l’impegno profuso da tutto il personale durante la pandemia. Ora questo riconoscimento va concretizzato e tradotto in misure e interventi che assicurino stabilità e continuità al lavoro e il regolare avvio dell’anno scolastico il primo settembre con l’ascolto del mondo della scuola».

Le principali richieste sono: lasciare alla contrattazione la materia della mobilità; chiudere definitivamente la questione ex Lsu; prorogare l’organico covid; rispettare l’autonomia scolastica. Tema centrale è quello della stabilizzazione dei precari e delle procedure di assunzione. «Bisogna cambiare profondamente le misure sul reclutamento con l’assunzione dei precari chiamati dalla prima e seconda fascia delle graduatorie delle supplenze, superare i blocchi sulla mobilità del personale ripristinando l’assegnazione provvisoria annuale, rafforzare gli organici del personale docente, educativo e Ata, ridurre il numero di alunni per classe», continuano le organizzazioni che promuovono la mobilitazione.

Le preoccupazioni principali riguardano quello che accadrà nelle aule da settembre, con l’apertura dell’anno scolastico 2021/2022. «Inizieremo con 112 mila posti vacanti per le immissioni nei ruoli e altrettanti per le supplenze. Si aggiungono i fondi covid restituiti al Mef per quasi 800 milioni che non sono stati riassegnati alle scuole. Le scuole quindi non avranno i fondi per l’organico Covid l’anno prossimo, si torna ai numeri pre-pandemia. I fondi ci saranno solo fino al 31 dicembre», ha detto ieri la segretaria generale della Cisl Scuola Maddalena Gissi.

* Fonte: il manifesto



Related Articles

Giustizia, il Parlamento sfida il governo

Loading

Palazzo Madama pronto a votare norme su corruzione e responsabilità dei magistrati, mentre il governo oggi esamina solo le “linee guida” del pacchetto Orlando. L’esecutivo, diviso sul falso in bilancio, rischia il “sorpasso”

“Quella sostanza non è il demonio ci aiuterà a alleviare le sofferenze

Loading

Il ministro della Salute Livia Turco: tossicodipendenze, nuove norme non arcigne e repressive (La Repubblica, 21 ottobre 2006, Pagina 28

Galere d’Italia: Ritorna il sovraffollamento, diminuiscono i reati

Loading

L’Osservatorio Antigone, che monitora i diritti e le garanzie nel sistema penale pubblica la fotografia annuale degli istituti di pena italiani. Alti e bassi di un mondo in cui oggi sono detenute quasi 54mila persone, con una media di 90 reclusi ogni 100mila abitanti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment