Alessandro Genovesi: «In piazza per lavoro e ambiente, contro la giungla d’appalto»

Alessandro Genovesi: «In piazza per lavoro e ambiente, contro la giungla d’appalto»

Loading

Genovesi: «Dal fisco alle politiche industriali, dal welfare ai diritti civili, le nostre proposte sono alternative a quelle di Meloni»

 

Alessandro Genovesi, segretario generale Fillea Cgil, questa mattina gli edili di Fillea Cgil e Feneal Uil scendono in cinque piazze di periferia di Roma, Torino, Napoli, Palermo e Cagliari per «Fai la cosa buona» con alleanze e modalità inedite: con voi inquilini e ambientalisti per una battaglia che mette assieme lavoro e ambiente. Come ci siete riusciti?
Partendo da una convinzione: il futuro del settore o è zero consumo suolo e rigenerazione, efficienza energetica e meno sprechi, città e periferie più vivibili o non sarà. E per riqualificare le città serve lavoro sicuro e ben pagato con imprese che non risparmiano su caschetti o diritti.

Nella piattaforma della manifestazione già parlavate di difesa del Codice degli appalti ma martedì il governo Meloni lo ha completamente stravolto: come cambia la vostra mobilitazione?
La nostra mobilitazione è a sostegno delle proposte di Cgil, Cisl e Uil per un Codice degli Appalti che semplifichi i passaggi amministrativi, senza però ridurre trasparenza, tutele, legalità. Principi messi ora in discussione dalla possibilità di assegnare appalti senza gara fino a 5 milioni e 380 mila euro (l’80% del totale) con quello che segue: meno trasparenza, più infiltrazioni. Soprattutto siamo contro la liberalizzazione del subappalto che non accelera un tubo. Oggi è vietato il “subappalto del subappalto” da domani sarà possibile subappaltare all’infinito. Portiamo le porcherie dell’edilizia privata, dove abbiamo il 90% degli infortuni, lavoro nero, salari più bassi e orari massacranti nel settore pubblico. Altro che tecniche e materiali innovativi, altro che usare il Pnrr per migliorare imprese e lavoro. Avremmo solo più concorrenza sleale e ribassi.

Noi con più contrattazione di anticipo, vertenze con le stazioni appaltanti, mobilitazioni e presidio proveremo comunque ad impedire questa giungla. E se qualcuno dice che lo chiede l’Europa non ricorda che uno Stato può chiedere, per evitare infiltrazioni o per tutelare la sicurezza sul lavoro, di non applicare alcune norme delle direttive. Lo dice l’art. 36 del Trattato sul funzionamento dell’Ue. Il Governo lo sa talmente bene che per i beni culturali (cioè una chiesa o un ponte romano) prevede di non applicare la direttiva. Si legga l’art. 132 del Codice proposto da Giorgia Meloni. Insomma se si può fare perché non si fa?

Il 110% è stato un volano per il settore edile ma anche occasione di corruzione e truffe: il vostro giudizio sui bonus rimane positivo?
Abbiamo sempre detto che gli obiettivi dei vari bonus, compreso il 110%, sono giusti: efficienza energetica, anti sismica, abbattimento delle barriere architettoniche. Il 40% di tutta la Co2 è prodotta da case vecchie così come il 35% degli sprechi energetici. Ma era sbagliato che fossero uguali indipendentemente dal reddito, dal tipo di casa, ecc. Noi chiediamo incentivi solo alle prime case, in classe energetica E, F, G, o nelle zone a maggior rischio sismico, differenziando per reddito e lasciando sconto in fattura e cessione del credito solo ai redditi bassi. Garantendo solo alle ultime fasce di reddito il 100%, anche tramite recuperi in bolletta. Costerebbe molto meno, con ritorni per l’economia e lo Stato. Ora però lasciando solo detrazioni fiscali, gli incentivi saranno utilizzabili sono dai redditi medio alti. Insomma per Meloni efficienza e sicurezza è “roba da ricchi”, che non credo abitino in periferia.

La rigenerazione urbana nel frattempo è diventata un tema centrale a livello europeo con la direttiva sulle abitazioni. Il dibattito nel nostro paese è arretrato?
Assolutamente: in tutta Europa il “green building” è già realtà, crea buona occupazione e ricerca ed innovazione, anche nei materiali. In molti paesi vi è già una programmazione di medio periodo e un mix di strumenti: pubblici e incentivi mirati. Il mondo va in quella direzione, opporsi è stupido e sbagliato. Il governo invece di dire castronerie dovrebbe battersi per ottenere uno specifico fondo europeo e per togliere gli investimenti green dal patto di stabilità.

La manifestazione di oggi segna anche una dolorosa spaccatura sindacale: la Cisl non è in piazza con voi.
La Cisl ha scelto un’altra strada pur condividendo le stesse posizioni. Noi lavoreremo per recuperare l’unità sindacale. Del resto se sui bonus, anche se parziali e insufficienti, stanno arrivando miglioramenti – a partire dal mantenimento della cessione del credito per aree del terremoto, case popolari e barriere architettoniche – questo è frutto delle pressioni che stiamo facendo in piazza, tra la gente.

Dopo l’intervento di Giorgia Meloni al congresso Cgil l’impressione è che la legittimazione reciproca ha portato uno scontro più aperto sul merito delle questioni, a partire dalla riforma fiscale. È così?
Le nostre proposte sono alternative a quelle del governo Meloni: dal fisco alla precarietà, dall’ambiente alle politiche industriali, dal welfare ai diritti civili. Lei parla alla parte peggiore del paese, a chi evade, ai monopolisti, a chi non vuole cambiare, proponendo ricette vecchie che aumentano l’ingiustizia. Noi vogliamo costruire un futuro diverso: diverso da Giorgia e da Tina (There Is No Alternative).

* Fonte/autore: Massimo Franchi, il manifesto

 

 

 

Image by Tom from Pixabay



Related Articles

“Cig, 3,3 miliardi di ore dall’inizio della crisi”

Loading

Cgil: colpito mezzo milione di lavoratori con una perdita di salario di 22mila euro a testa.  Da ottobre 2008 la maggior parte degli interventi fatti con cassa straordinaria e quella in deroga 

La crisi alimenta le diseguaglianze al 10% degli italiani metà  dei patrimoni

Loading

Bankitalia: totalmente in rosso tre famiglie su 100.  In media ogni nucleo ha da parte 140 mila euro, ma cresce il numero degli indebitati e di chi è in bolletta. Cambia il portafoglio: meno risparmi anche se si torna a comprare Bot e la casa resta tra i beni preferiti

Crescita cinese a +7,3% la peggiore dal 1991

Loading

Ridotto il Pil 2014. Ad agosto Pechino ha speso 94 miliardi di dollari per sostenere lo Yuan Le borse europee restano positive aspettando le decisione della Fed Per Piazza Affari +0,70%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment