Studenti in movimento, occupazioni per il diritto alla salute

Studenti in movimento, occupazioni per il diritto alla salute

Loading

Per il benessere psichico, contro la meritocrazia e la competizione «Vogliamo una scuola libera, lo studio non è una prestazione»

 

Contro la meritocrazia e per il diritto alla salute mentale. Si sta allargando la mobilitazione degli studenti. Martedì scorso hanno occupato il Liceo Manzoni di Milano dopo i risultati di un sondaggio sul benessere psichico. A seguire, si sono unite alla lotta diverse scuole di Bologna: il liceo artistico Arcangeli, il liceo Laura Bassi, l’Istituto Pacinotti, il Rubbiani, il Copernico, il Sabin, il Minghetti, oltre al Liceo Da Vinci di Casalecchio.

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

«Merito, depressione, suicidi: ora l’università va cambiata»

SECONDO L’INDAGINE promossa dal collettivo «Manzoni antagonista», 7 studenti su 10 soffrono spesso di crolli emotivi dovuti alla scuola. Il 16% del campione denuncia invece di averli sempre, la metà degli studenti sente che la propria salute mentale è influenzata proprio dalla spinta ossessiva a raggiungere l’eccellenza, classificando gli studenti solo in base ai voti. «È solo un campione di una realtà estesa nel sistema scolastico italiano – dicono gli esponenti del collettivo «Manzoni Antagonista» – C’è l’idea di fondare la scuola su concetti come il merito e la competitività, alimentando un continuo stato di pressione che trasforma lo studio da una forma di accrescimento personale ad un’interminabile prestazione delle proprie nozioni volta a dimostrare di essere, per l’appunto, meritevoli». «Auspichiamo che questa analisi non resti fine a se stessa ma che possa essere il principio di un cambiamento».

LA DIRIGENTE SCOLASTICA Maria Rossi ha annunciato un collegio docenti per discutere con i professori dei dati emersi dal sondaggio: «Ci accorgiamo che gli studenti fanno più fatica ad affrontare lo studio rispetto a quanto avveniva in passato. Anche la psicologa ci ha segnalato un aumento delle situazioni di stress e degli attacchi di panico, non in maniera vertiginosa, ma comunque importante».

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

«La politica è sorda, mobilitiamoci contro il sistema meritocentrico»

LE ESIGENZE degli studenti milanesi sono le stesse di quelli di Bologna. «Vogliamo una scuola libera, individualizzata, senza ansie» hanno scritto nel loro «Manifesto». È un documento in cui fanno riferimento all’aggressione da parte di militanti neofascisti contro i giovani del liceo Michelangiolo di Firenze, inserendo l’antifascismo come una delle motivazioni principali della lotta. «La nostra è una liberazione», scrivono. Il sindaco di Bologna Matteo Lepore ha invitato nei giorni scorsi gli studenti a partecipare all’istruttoria pubblica del Comune. «Ci saranno diverse giornate – ha spiegato Lepore – di fatto un microfono aperto in Consiglio comunale per portare le istanze delle nuove generazioni, è giusto che facciano sentire la loro voce».

LA REDAZIONE CONSIGLIA:

L’assoggettamento del «capitale umano»

LA VOCE DEGLI STUDENTI è arrivata al Ministero dell’istruzione «e del merito» martedì scorso quando è stato convocato finalmente il «Fast Forum» delle associazioni studentesche più rappresentative. Tra queste l’Unione degli Studenti che ha consegnato al ministro Valditara la sua proposta sull’alternanza scuola-lavoro, oggi chiamato con l’acronimo «Pcto» (Percorsi per le competenze trasversali). Nel testo si parla di orientamento, rappresentanza e «benessere psicologico». «La salute degli studenti è sempre più preoccupante e la necessità nelle scuole di strutture di supporto è sempre più sentita dalla comunità studentesca. Lo stress legato alla competizione non si può ignorare» sostiene Alice Beccari (Uds). «Siamo delusi – sostiene Bianca Chiesa, coordinatrice Uds – Valditara non ha dato nessuna risposta pratica su diritto allo studio e rappresentanza». «Il ministro ha definito ideologica la nostra posizione sul merito. Di ideologico c’è solo la volontà di non discutere di quanto sia privo di risorse il diritto allo studio. Il merito è solo un principio di legittimazione delle disuguaglianze tra gli studenti – ha detto Paolo Notarnicola (coordinatore della Rete degli studenti medi) –  in opposizione alla competitività chiediamo di garantire il diritto al benessere psicologico. La scuola ha il dovere di intervenire».

* Fonte/autore: Luciana Cimino, il manifesto



Related Articles

Contro la tortura un passo positivo

Loading

Anche più in là  di quella che nel calcio si chiama «zona Cesarini», la commissione giustizia del senato ha unanimemente approvato un testo per l’introduzione del reato di tortura nel nostro codice penale e lo ha trasmesso all’aula per la discussione.

Migranti. Nascosto nel carrello di un aereo bambino muore assiderato

Loading

Ieri mattina alle 6.40 il corpo senza vita di un ragazzino di una decina di anni è stato trovato nel carrello di atterraggio di un aereo Air France, arrivato poco prima da Abidjan

Pandemia. “Armiamoci e partite”: lavoro coatto come al fronte, senza tutele

Loading

Sono bastati pochi giorni di confinamento per tornare a separare, come il grano dal loglio, essenziale e superfluo: la composizione sociale messa al lavoro sul necessario e quella posizionata sull’inutile, con la seconda confinata a casa e la prima sottoposta a una mobilitazione totale simile a quella bellica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment