Centri di detenzione, l’Italia manderà i migranti in Albania

Centri di detenzione, l’Italia manderà i migranti in Albania

Loading

Prevista la costruzione di due Cpr per gestire tra 36 e 39 mila persone l’anno. L’Ue: «L’Italia rispetti il diritto internazionale»

 

L’Italia si prepara a costruire la sua Ellis Island, un posto dove rinchiudere i migranti, raccogliere ed esaminare le domande di asilo e organizzare gli eventuali rimpatri. Solo che al contrario dell’isola al largo di New York, dove fino alla metà dello scorso secolo veniva radunato chi cercava un futuro in America, questa troverà posto lungo la rotta balcanica, in Albania, lontano dai confini (e probabilmente dai controlli) nazionali.

E’ quanto stabilisce un accordo siglato dalla presidente del consiglio Giorgia Meloni con il premier albanese Edi Rama e che una volta a regime prevede il trasferimento in due Cpr costruiti in Albania di tremila migranti al mese per un costo approssimativo di 36 milioni l’anno. «E’ un accordo di respiro europeo» ha spiegato Meloni al termine dell’incontro di ieri a palazzo Chigi con Rama. «Dimostra che si può collaborare sul fronte della gestione dei flussi. L’Albania darà la possibilità di utilizzare alcune aree del suo territorio all’Italia che potrà allestire i centri». Per il premier albanese l’intesa rappresenta soprattutto un investimento sulla possibilità di accelerare l’ingresso nell’Unione europea. «L’Albania non è uno stato Ue ma è in Europa – ha detto a sua volta Rama – E’ uno Stato europeo e questo non ci impedisce di vedere il mondo come europei». Proprio da Bruxelles arriva però la richiesta a Roma di agire rispettando i diritto comunitari e internazionale: «Siamo a conoscenza dell’accordo operativo tra le autorità italiane e albanesi», ha spiegato un portavoce dell’Ue. «Siamo stati informati di questo accordo ma non abbiamo ancora ricevuto informazioni dettagliate. Comprendiamo che questo accordo operativo dovrà ancora essere tradotto in legge dall’Italia e ulteriormente implementato».

L’intesa sui migranti è nata la scorsa estate, durante la visita di due giorni fatta ad agosto dalla premier in Albania, ma stata resa nota solo una volta messi a punto tutti gli aspetti tecnici. Per Meloni si tratta di un altro tentativo nella sua strategia di raggiungere accordi con paesi terzi nella speranza di mettere un argine agli sbarchi (145.314 fino a ieri), specie dopo gli scarsi risultati ottenuti con il Memorandum siglato con la Tunisia e lo stallo in cui rischia di finire a Bruxelles il patto su immigrazione e asilo. Da questo punto di vista l’Albania, che per di più ha un forte scambio commerciale con l’Italia, offre a palazzo Chigi maggiori garanzie.

Stando a quanto previsto i migranti salvati in mare dalle navi di Guardia di finanza, Guardia costiera e Marina militare (ma non dalle navi delle ong) potranno essere trasportati direttamente in Albania a eccezione di minori, donne incinte e vulnerabili. Due centri verranno costruiti, «entro la primavera del 2024», uno nel porto di Shengjin e l’altro a Gjader, nell’entroterra, in grado di accogliere complessivamente tremila persone al mese. Nel primo si procederà allo sbarco e all’identificazione dei migranti, mentre nel secondo funzionerà come un Cpr. «La giurisdizione all’interno di questi centri sarà italiana», particolarità che, oltre a far valere le leggi italiane, dovrebbe consentire di raccogliere ed esaminare eventuali richieste di asilo. Italiano sarà anche il personale che opererà nelle strutture, mentre alle autorità albanesi spetterà la sorveglianza esterna.

Nei programmi del governo c’è l’intenzione di definire le varie posizioni – asilo o rimpatrio – entro il primo mese dallo sbarco, ma si tratta di un obbiettivo a dir poco ambizioso viste le difficoltà incontrate anche in Italia nell’organizzare i rimpatri. Senza contare che nonostante i tempi di detenzione nei Cpr siano stati allungati dal governo Meloni fino agli attuali 18 mesi, una volta superato questo limite i migranti dovranno essere rilasciati, e di certo non in Albania. Di conseguenza verranno portati in Italia.

L’accordo Italia-Albania viene definito dal Pd un «pericoloso pasticcio»: «Se si è di fronte a richiedenti asilo, appare inimmaginabile compiere con personale italiano e senza esborso di risorse le procedure di verifica delle domande di asilo», commenta Pierfrancesco Majorino. «Non si comprende poi come possano essere gestiti gli eventuali ricorsi». Per il deputato di +Europa Riccardo Magi, invece, il governo starebbe preparando una «Guantanamo italiana, al di fuori di ogni standard internazionale, al di fuori della Ue senza che possa esserci la possibilità d controllare lo stato di detenzione delle persone richiuse in questi centri».

* Fonte/autore: Carlo Lania, il manifesto



Related Articles

Mimmo Lucano: meglio il consiglio comunale che l’europarlamento

Loading

Il sindaco di Riace espulso: «Ho detto no grazie a tutti quelli che mi hanno offerto di fare il capolista per Strasburgo. Fare politica per me è vivere le tensioni sociali. La nostra lista può vincere e la cittadina può rinascere»

Sea Watch. La Garante: «Il fermo dei minorenni sulla nave è senza precedenti»

Loading

Carla Trommino, garante dell’infanzia del comune di Siracusa, ha messo in moto la macchina: «Con la Diciotti fu sufficiente l’intervento del Tribunale per i minori, in questo caso non è bastato»

In Belgio la polizia insegue un furgone e spara, uccisa bimba rifugiata

Loading

Mawda, la bambina di due anni curdo-irachena morta giovedì mattina in Belgio, è stata colpita al volto da una pallottola della polizia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment