Mar Rosso. Anche l’Italia nella spedizione militare USA per fermare gli houthi

Mar Rosso. Anche l’Italia nella spedizione militare USA per fermare gli houthi

Loading

Inviata una nave da guerra. Solo l’Iran potrebbe fermare la minaccia in cambio di qualcosa. Ma la diplomazia è al palo

 

Dopo un collegamento video con il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin, il ministro della Difesa Guido Crosetto ha annunciato che il 24 dicembre la Fregata “Virgilio Fasan” dovrebbe attraversare lo stretto di Suez in direzione di Bab el-Mandeb, la «Porta delle lacrime” da cui transitano ogni anno 23mila navi, il 15% del greggio e l’8% del gas del pianeta. La nave da guerra italiana va così ad unirsi alla nuova forza internazionale di protezione marittima per vigilare sulla navigazione nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden.

L’obiettivo è garantire la protezione dei traffici mercantili, in pericolo per gli attacchi degli Houthi che inizialmente volevano «impedire i rifornimenti a Israele finché a Gaza non potranno entrare cibo e medicinali», e ora minacciano qualsiasi paese agisca contro di loro. In seguito agli attacchi, sono aumentati i costi assicurativi e di trasporto: circumnavigando l’Africa si alzano il prezzo del greggio, del gas e delle merci dirette in Europa.
UNA PRECISAZIONE: gli Houthi non sono più “ribelli” bensì i padroni dello Yemen del nord. Per decenni l’ex presidente Ali Abdallah Saleh li aveva lasciati in una situazione di povertà imposta, ovvero senza le infrastrutture indispensabili alla crescita economica e quindi senza strade, scuole e ospedali. Saleh agì in questo modo pensando di poterli manovrare meglio e usarli come contropartita nel gioco con l’Arabia Saudita. Negli Houthi, la strategia di povertà imposta suscitò però sentimenti di esclusione, ingiustizia e ribellione. E, infatti, all’indomani della Primavera yemenita e alla cacciata del presidente Saleh, presero il potere a Sanaa. Di lì a poco, nel marzo 2015, i sauditi bombardarono la capitale yemenita perché non potevano tollerare che una minoranza sciita filoiraniana prendesse il controllo di Bab el-Mandeb.

Se gli Hezbollah obbligano Israele a impegnare diversi battaglioni sul confine settentrionale, gli Houthi si sono inseriti nella guerra tra Israele e palestinesi perché vogliono mostrare agli altri proxy dell’Iran di contare qualcosa. Da Teheran hanno ricevuto sostegno finanziario e know-how militare. Ora, destabilizzando il Mar Rosso ripagano il debito contratto. Ma per la popolazione yemenita le conseguenze potrebbero essere disastrose.
COME GLI HEZBOLLAH libanesi, gli Houthi sono attori indipendenti, con una propria agenda: il loro obiettivo è ottenere una qualche legittimità, in primis da parte della Lega Araba a guida saudita. Ed è a Riad e Abu Dhabi – ovvero alle due potenze regionali che in questi otto anni hanno distrutto lo Yemen, riducendone gli abitanti allo stremo – che arriva un messaggio forte e chiaro: «Siamo in grado di colpire le navi nel Mar Rosso, potremmo colpire anche i vostri giacimenti e le vostre città».

Ora, mandare la nostra Marina militare nel Mar Rosso è rischioso. Non sono infatti da escludere attacchi con droni armati: gli Houthi ne hanno otto diverse tipologie, assemblati in Yemen con la supervisione di ingegneri iraniani. Tra gli scenari peggiori ci potrebbe essere un’operazione degli Houthi per prendere ostaggi. Oppure il coinvolgimento di civili come nel febbraio 2012, quanto due marò imbarcati sulla petroliera italiana Enrica Lexie come nuclei militari di protezione, furono arrestati dalla polizia indiana con l’accusa di aver ucciso due pescatori, innescando una lunga controversia tra Italia e India.
INVIARE LA MARINA MILITARE davanti alle coste yemenite avrebbe avuto senso qualche anno fa, come operazione umanitaria, quando la popolazione era vittima di un blocco aeronavale saudita, che impediva alle organizzazioni umanitarie di recapitare cibo e medicine, anche per contrastare l’epidemia di colera.

Oggi, anziché muovere le navi da guerra, sarebbe opportuno lasciare una possibilità alla diplomazia: in quanto storicamente partner privilegiato di Teheran, l’Italia potrebbe chiedere ai vertici della Repubblica islamica di mediare. È vero che gli Houthi non rispondono agli ordini di Teheran, ma fanno parte dell’Asse della resistenza filo-iraniano e – di fronte a una richiesta di ayatollah e pasdaran – dovrebbero acconsentire e fermare gli attacchi, consapevoli che la partita si gioca su più fronti. E, infatti, in cambio di una richiesta esplicita a Teheran, si dovrebbe dare qualcosa in cambio: la ripresa dei negoziati sul nucleare, il riconoscimento degli Houthi e la fine della guerra in Yemen.

* Fonte/autore: Farian Sabahi, il manifesto

 

 

ph by Peter Fitzgerald, CC BY 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by/3.0>, via Wikimedia Commons



Related Articles

Il rilancio delle imprese e la corsia preferenziale aperta da Francoforte

Loading

La Bce sta puntando a un allargamento imponente delle risorse da far transitare dal sistema del credito al mondo delle imprese e delle famiglie

Australia, quelle sedici ore di terrore Il blitz, gli spari e l’epilogo di sangue

Loading

Morti il sequestratore e due degli ostaggi, quattro feriti. «L’uomo ha agito da solo»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment