Biennale di Venezia. L’arte israeliana chiude e chiede: «Cessate il fuoco e ostaggi liberi»

Biennale di Venezia. L’arte israeliana chiude e chiede: «Cessate il fuoco e ostaggi liberi»

Loading

Alla Biennale di Venezia chiude il padiglione di Israele: «Il padiglione resterà chiuso finché non ci sarà un cessate il fuoco e tutti gli ostaggi saranno rilasciati»

 

SULL’ESTERNO, un avviso semplice e potente, divenuto il protagonista indiscusso dei media di mezzo mondo sbarcati in Laguna per l’opening: «Il padiglione resterà chiuso finché non ci sarà un cessate il fuoco e tutti gli ostaggi saranno rilasciati». Hanno anche affermato che il governo israeliano (fra i finanziatori di una parte del padiglione nazionale) non era al corrente del loro gesto di protesta.

Il suo malessere e il desiderio di mandare un messaggio forte, Ruth Patir l’ha affidato anche ai social: «Sento che il tempo dell’arte è perduto e ho bisogno di credere che tornerà. Siamo diventati una notizia. Odio il boicottaggio culturale, sono anche una educatrice, ma dal momento che non credo ci siano risposte corrette e io ho solo questo spazio a disposizione preferisco far vibrare la mia voce per coloro che sostengo, per il cessate il fuoco e riportare le persone a casa, ora. Non ce la facciamo più».

IL PADIGLIONE DI ISRAELE era già stato investito dalle polemiche qualche mese fa: associazioni pro-Palestina e un gran numero di intellettuali «trasversali» avevano lanciato un appello per il suo boicottaggio ed esclusione («Niente padiglione del genocidio alla Biennale di Venezia» riportava il documento, «l’arte non può trascendere la realtà. No death in Venice, no business as usual»), ma l’istituzione aveva risposto che la partecipazione di qualsiasi paese riconosciuto dall’Italia sarebbe rimasta una libera scelta.

PER ADRIANO PEDROSA, curatore della mostra «identitaria» di questa edizione e alfiere del sud globale del mondo con il suo slogan-guida Stranieri ovunque, la decisione dell’artista e del suo team è coraggiosa e saggia. «È davvero arduo presentare un’opera in questo particolare contesto» (i padiglioni sono comunque indipendenti dalla rassegna principale). Pedrosa ha anche fatto sapere che Khaled Jarrar, artista palestinese residente a New York e invitato a esporre, non è riuscito ad arrivare a causa delle peripezie per ottenere il visto.

Israele dunque chiude fino al cessate il fuoco e alla liberazione degli ostaggi, la Russia invece non ha mai riaperto né chiesto di essere in Biennale. All’indomani dell’invasione dell’Ucraina e del deflagrare della guerra furono, anche lì, gli artisti e il curatore a rifiutarsi di presentare il loro lavoro. Quest’anno, la «casa russa» ospita la Bolivia, in omaggio a quel Foreigners everywhere che costella culturalmente e politicamente la manifestazione artistica.

E l’Ucraina? Ci sarà con un’architettura che si fa narrazione di conflitti e esodi di popoli e con le voci (e le onomatopee belliche) dei civili, testimoni di guerra, raccolte nel padiglione della Polonia.

* Fonte/autore: Arianna Di Genova, il manifesto



Related Articles

Turchia. La Corte costituzionale accoglie l’atto di accusa contro l’Hdp

Loading

Prosegue la campagna politica e giudiziaria contro il partito di sinistra pro-curdo. I nazionalisti dell’Mhp mettono la firma sulla sentenza della Corte costituzionale, giunta a pochi giorni dall’assalto armato a una sede del movimento a Smirne

Perfino Pinochet rispettò l’ambasciata

Loading

CASO ASSANGE · «Il blitz di Londra contro l’Ecuador sarebbe inaudito». Il diplomatico Barbarani racconta la Santiago del golpe 

L’«avvocato scalzo» abbandona la Cina

Loading

L’attivista cieco partito con la moglie e i figli. Avrà  una borsa di studio della New York university

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment