CASO UVA Ignoti devastano l’abitazione del testimone

In molti ricorderanno la storia, venuta alla luce dopo la segnalazione dell’associazione A buon diritto: il 14 giugno del 2008 l’artigiano di 43 anni morì in ospedale dopo tre ore passate nella caserma dei carabinieri di via Saffi. Pino, così lo chiamavano parenti e amici, era stato fermato mentre vagava di notte per le strade della città , ubriaco, bisbocciando, insieme ad Alberto, suo amico da sempre. Che fin dal primo momento ha raccontato di aver vissuto un incubo dentro quella caserma, mentre assisteva a una via vai inspiegabile di polizotti e carabinieri, e soprattutto udiva le urle strazianti del suo amico e rumori come di colpi. Sulla morte di Pino è stata aperta un’indagine, ma il pm titolare dell’inchiesta, Agostino Abate, aveva individuato il «colpevole» della morte dell’uomo nello psichiatra Carlo Fraticelli, il medico che lo aveva preso in cura in ospedale, supponendo che la morte di Giuseppe sia stata causata dalla somministrazione dei medicinali sbagliati. Niente di niente, invece, sui presunti abusi subiti in caserma. Bigioggero non è mai stato chiamato a testimoniare. E come se non bastasse, poca o nulla rilevanza nell’inchiesta hanno avuto alcuni elementi oggettivi: sui pantaloni di Giuseppe ci sono tracce ematiche, e secondo le ultime novità  addirittura di sperma. Pino era arrivato in ospedale senza slip, ma solo con pantaloni e una maglietta bianca. Le sue scarpe avevano le punte completamente consumate, forse a testimoniare una strenua resistenza, come mise a verbale un poliziotto.
La famiglia Uva e Bigioggero hanno vissuto per quasi tre anni con terribili dubbi e sospetti, senza che nessuno si occupasse di questa vicenda. Che finalmente un paio di anni fa è venuta alla luce. L’attenzione mediatica sul caso, l’intervento dell’avvocato Fabio Anselmo – che ha seguito anche i processi Aldrovandi e Cucchi – il sostegno di associazioni come «Le loro voci», fondata dai famigliari delle vittime della violenza di Stato, hanno di fatto cambiato il clima intorno alla vicenda. Proprio pochi giorni fa il giudice ha stabilito la necessità  di riesumare il cadavere di Pino e di avviare una nuova perizia. Una svolta importante. A fronte di queste novità , contro Bigioggero stanno accadendo fatti strani. Subito dopo il servizio andato in onda nella trasmisisone Le Iene due settimane fa aveva ricevuto una telefonata di minacce: «Vieni bene in video, ma guardati le spalle». Non era la prima, alcune telefonate anonime erano arrivate anche un anno prima. Ma Alberto non aveva voltuo drammatizzare. Ora l’effrazione, senza che sia stato portato via nulla degli oggetti di valore che pure c’erano: uan videocamera, un televisore. La denuncia è partita. «Speriamo si possa far luce – dice Lucia Uva, la sorella di Pino – forse qualcuno ci vuole far paura. Ma noi andiamo avanti».


Related Articles

Istruzione, lavoro, salute e alloggio: ecco la strategia d’inclusione del governo

 

Quattro ambiti di intervento per superare le logiche emergenziali e favorire l’inclusione dei rom, sinti e caminanti. Il Piano coinvolgerà  il ministero del Lavoro e Politiche sociali, dell’Interno, della Giustizia, della Salute, il Miur e gli enti locali

IL DRAMMA DEI PIÙ DEBOLI SE CADE LA RETE DEI SERVIZI

Costo dei trasporti urbani aumentato, a fronte di drastiche riduzioni del servizio. Riduzione, se non chiusura, dei servizi cosiddetti a domanda individuale (asili nido, mense scolastiche, trasporto scolastico, servizi domiciliari e diurni per la non autosufficienza), con contestuale aumento dei contributi richiesti agli utenti e possibile eliminazione delle condizioni di favore per i meno abbienti.

Carceri, polemiche su Dell Utri e Cosentino

Ferragosto in carcere per 195 parlamentari. L’iniziativa, promossa anche quest’anno dai Radicali, servirà  ad accendere i riflettori sui mali del sistema penitenziario, dal sovraffollamento alla carenza di personale. Ma la presenza del senatore condannato per mafia suscita critiche. «Stando alle sentenze, potrebbe essere ospitato in galera» I due parlamentari indagati in visita agli istituti di pena con i radicali. Idv: «La loro è una presenza provocatoria»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment