Giornata per Mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro: «Non sprechiamola»

Giornata per Mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro: «Non sprechiamola»

Loading

Il responsabile Salute della Cgil Sebastiano Calleri: quest’anno il focus è sulle malattie professionali: in aumento del 19% sebbene sottostimate. Vogliamo che i lavoratori le denuncino senza paura. Ma l’Inail non ha nemmeno i loro nomi

 

Sebastiano Calleri, responsabile Salute e sicurezza della Cgil nazionale, oggi è la Giornata per Mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro: è una data rituale o incide realmente?
A livello internazionale si ricordano i caduti e ammalati di patologie professionali. È stata fissata molti anni fa ed è ovvio che in ogni paese abbia valenze diverse. Nel mondo anglosassone è una vera e propria commemorazione dei morti mentre da noi per molto tempo l’abbiamo rinominata come Giornata della Salute e sicurezza sul lavoro, senza accezione sui morti. È sempre stata una giornata celebrata unitariamente, quest’anno abbiamo deciso di riaccendere il faro sulle malattie professionali, tema sottovalutato, preparando con l’Inca, che segue i lavoratori, un documento.

Perché ritenete le malattie professionali sottovalutate? Forse sono oscurate dalla strage quotidiana sul lavoro?
Sì, le malattie professionali nel 2023 sono state 72.754, aumentate del 19% rispetto al 2022: esiste una situazione molto pesante in tantissimi settori. Anche perché in Italia su 100 domande di malattie professionali ne vengono riconosciute solo 34.

Poco più di una su tre: per quali motivi tutta questa ristrettezza? Colpa dell’onda mediatica sui falsi invalidi?
Le ragioni sono essenzialmente due. La prima riguarda il budget in materia dell’Inail che è fin troppo oculato per questa tipologia di infortunio e prevede l’attribuzione di un punteggio di postumi permanenti: dal 6% al 15% un indennizzo in relazione danno e all’età; dal 16% al 100% con una rendita vitalizia. La seconda ragione è che la Valutazione del rischio non comprende il rischio specifico che è correlato al quel posto di lavoro o tipo lavorazione: spesso la malattia non viene riconosciuta se il rischio non fa parte di quelli previsti.

Voi e l’Inca cosa avete previsto per oggi?
Un dossier informativo che distribuiremo in tutti i luoghi di lavoro: stiamo facendo una serie di azioni di formazione e informazione per i delegati e Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza Rls che devono avere una grande conoscenza del ciclo di lavorazione. Denunciare un infortunio infatti non è così semplice. Senza una collaborazione fra delegati, Rls e Patronati le denunce di malattie professionali sono molto difficili.

Tutto porta a pensare che i dati siano sottostimati.
Assolutamente sì, si tratta delle sole denunce, ma molti lavoratori non se la sentono di farle.

Anche grazie alla denuncia del manifesto, sono finalmente noti i dati di morti e infortuni sul lavoro rispetto alla tipologia contrattuale: ora sappiamo che i lavoratori precari muoiono e si infortunano il doppio di quelli stabili.
Nella statistica Inail non esiste altra tipologia contrattuale che il tempo determinato, non è previsto il dettaglio del supermarket della precarietà. Ha una chiara origine del tentativo di nascondere l’incidenza del precariato su morti e infortuni. In più, i cantieri e la logistica sono pieni di partite Iva e queste sono assimilabili al lavoro autonomo, legati agli appalti. Si tratta delle tipologie contrattuali più deboli dove si annidano morti e infortuni.

Cosa si può fare per evidenziare ulteriormente il pervicace rapporto tra precarietà e morti-infortuni in modo da ridurlo al più presto?
Inail non conosce i nomi degli assicurati, per l’istituto i lavoratori sono solo numeri. Il rapporto è solo con le aziende. Da decenni sosteniamo che dovrebbe avere l’anagrafe degli iscritti e incrociare i dati con le tipologie degli infortuni. Lo sforzo di trasparenza c’è stato ma le banche dati non sono facilmente consultabili. La richiesta non è stata approvata da nessun governo.

* Fonte/autore: Massimo Franchi, il manifesto



Related Articles

La lotta alle carestie fu la culla del welfare

Loading

Leggi in favore dei poveri per contrastare il flagello

Quegli affari con i Riva del consulente della Procura

Loading

La Finanza: socio occulto di una società  che lavorava per l’Ilva

L’intreccio double-face tra politica e banche

Loading

C’È UNA voglia matta di considerare la vicenda del Monte Paschi come un caso isolato, un episodio estremo riflesso del localismo miope della classe dirigente senese

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment