Via libera agli osservatori

Ieri al Cairo, le autorità  siriane hanno firmato il protocollo della Lega araba che prevede l’invio di osservatori arabi a Damasco. Lo ha annunciato il ministro degli esteri siriano, Walid al-Muallim, precisando che gli osservatori avranno «accesso ai punti caldi ma non agli obiettivi militari sensibili». Un primo gruppo, composto da esperti in sicurezza e di questioni legali e amministrative, sarà  in Siria «nell’arco di due o tre giorni», ha precisato il segretario generale della Lega araba, Nabil al-Arabi, definendo l’accordo «un passo avanti verso la fine della crisi». La missione durerà  un mese, ma potrà  essere rinnovata. 
Il capo della diplomazia di Damasco ha spiegato che il suo governo ha accettato di firmare il documento «dopo l’aggiunta di alcune modifiche alla prima formulazione del testo. Quello della sovranità  siriana – ha detto – era il tema di confronto sul protocollo». Il ministro ha precisato che «alcuni paesi arabi volevano l’internazionalizzazione della questione siriana», per cui in un primo momento «il nostro rifiuto alla firma del protocollo era definitivo, ma poi le cose sono cambiate». Sul tavolo, c’era la questione delle sanzioni «Chi vuole il bene della Siria e del suo popolo – ha affermato al-Muallim – non ci impone sanzioni economiche e cerca di internazionalizzare la nostra crisi». Damasco ha accettato il piano della Lega Araba «dopo il consiglio della Russia», mentre la Cina ha rivolto un plauso «al duro lavoro di Mosca per risolvere la crisi siriana». 
Mosca, fedele alleato di Damasco e interessata a difendere i suoi importanti interessi strategici nella regione, giovedì ha presentato all’Onu (che ieri ha emesso una nuova condanna per le violenze in Siria) un progetto di risoluzione in cui chiede a «tutte le parti in Siria di interrompere immediatamente qualsiasi forma di violenza». Un segno che anche la diplomazia moscovita (la Russia ha di recente incontrato a Parigi l’opposizione siriana più dialogante) sta preparandosi al dopo-Assad: anche coltivando le sue buone relazioni con la Turchia, in prima linea nella partita. Un piano per evitare la guerra civile e lo scontro intercomunitario in Siria e la destabilizzazione dell’area: uno scenario evocato anche dall’ex vicesegretario all’Onu, l’americano Michael Williams, il quale – sul Financial Times – ha parlato di una possibile esplosione della Siria, simile a quella della Jugoslavia.


Related Articles

IL MOMENTO DELLA VERITà€

Le discussioni alle Nazioni unite, il grande successo del discorso di Abu Mazen all’Assemblea generale – che nelle prossime settimane potrebbe discutere di accordare ai palestinesi lo status di stato osservatore – la roboante retorica di Obama, e di Netanyahu, tutto questo non deve far dimenticare l’essenza della questione: i palestinesi vivono sotto una brutale occupazione che implica anche la completa negazione dei loro diritti nazionali.

«La Polonia si orbanizza, attacco a migranti e media»

Intervista. Danuta Przywara (Helsinki Foundation for Human Rights). L’Ong dell’89: «Disattesa l’accoglienza. In pericolo ormai libertà d’espressione e autonomia della giustizia». Walesa: pericolo guerra civile

L’appello di don Mussie Zerai: «Non chiudere i porti a chi fugge dalla Libia»

Don Mussie Zerai lancia un appello al governo. Il prete cattolico è anche un attivista impegnato nei diritti umani. Ha fondato l’agenzia Habeshia per la cooperazione e difende i rifugiati, dopo essere stato rifugiato lui stesso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment