Giornata razzismo. Riccardi: “Cambiare volto al paese, con l’impegno di tutti”

Loading

ROMA – “La lotta contro il razzismo deve inquadrarsi in una visione generale di Italia e di Europa. Quello che è successo a Tolosa mostra che bisogna creare una nuova cultura condivisa. La Giornata contro il razzismo non è una ricorrenza vuota, c’è bisogno di pensieri, parole e linguaggi nuovi, perché le parole contano e talvolta possono diventare armi contundenti. La predicazione di disprezzo e odio nelle menti folli prepara atti inconsulti. Il razzismo non sia una parola vecchia ma una nostra preoccupazione, una lente con cui osserviamo la società ”. Lo ha detto il ministro per la Cooperazione e l’integrazione Andrea Riccardi intervenendo questa mattina a Roma all’iniziativa “RazzisNo!”, promossa da Cgil, Cisl e Uil. Il ministro ha sottolineato che “l’acutizzarsi della crisi non giova” ma anzi può portare a una recrudescenza dei toni xenofobi. Ma fenomeni come quelli di Torino (rogo nel campo rom) e Firenze (omicidio degli ambulanti senegalesi) avvenuti nei mesi scorsi non devono più ripetersi in un paese come l’Italia. “Il razzismo deriva dallo spaesamento – afferma Riccardi – non siamo abituati a pensarci nel mondo. Forse i pazzi ci sono, coloro cioè che reagiscono a questo spaesamento con gesti di violenza ma penso sia possibile cambiare il volto di questo paese. Per farlo però c’è bisogno di tutti: Stato, istituzioni, sindacati e religioni”.

Il ministro ha chiamato in causa anche i mezzi di informazione che spesso dipingono gli immigrati come un pericolo. “Non c’è una sicurezza italiana disgiunta dalla sicurezza dei migranti – aggiunge -. Dobbiamo ripudiare il linguaggio violento, che sembra un teatrino ma poi diventa una violenza”. Il Riccardi è tornato anche sulla questione della cittadinanza per gli stranieri ribadendo la sua idea per uno ius culturae, a metà  strada tra lo ius sanguinis e lo ius soli. “Chi si forma con la nostra cultura, penso ad esempio al primo ciclo di studi scolastici- ha detto – meriterebbe di avere la cittadinanza”. Il ministro ha poi ribadito il suo impegno a lavorare per la piena integrazione dei migranti e ha ricordato alcune iniziative già  portare avanti come il taglio della sovrattassa sulle rimesse e il tavolo per l’integrazione dei rom, sinti e camminanti, una minoranza rispetto alla quale è necessario “invertire la tendenza” perseguendo una politica di inclusione, perché vittima più delle altre di episodi di discriminazione.“Dobbiamo costruire l’Italia di domani – ha aggiunto – Auspico che questa Giornata contro il razzismo sia l’origine di un nuovo patto condiviso del vivere insieme”. (ec)

 © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

La vendetta di Damasco sulle famiglie degli esuli

Loading

Il governo siriano reprime le proteste in patria ma non tollera neanche quelle che avvengono fuori dai suoi confini in Paesi dove la libertà  d’espressione è sacra. Secondo Amnesty International funzionari delle ambasciate e altre persone legate al regime di Damasco «stanno portando avanti una campagna sistematica di sorveglianza e intimidazione nei confronti dei cittadini siriani residenti all’estero» che manifestano tutto il loro sdegno per quanto sta avvenendo in Siria.

Il nemico in casa, una donna uccisa ogni due giorni

Loading

Quel maschio cattivo che abita in casa Quarantasei donne uccise dall’inizio dell’anno. Vittime dell’uomo che avevano accanto. Una strage silenziosa. La legge non basta: serve una nuova cultura

L’Amministrazione Biden vuole deportare i migranti di Haiti a Guantanamo

Loading

Stati uniti. E dopo le scene di caccia al confine si dimette l’inviato Usa: «Trattamento disumano». Nelle ultime settimane è aumentato il numero delle deportazioni di migranti dagli Usa: 5.000 per via aerea e 28.000 via terra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment