A Milano 18 mila imprese con titolare straniero. Danno lavoro a 89 mila dipendenti

MILANO – Sono venuti in Italia per cercare lavoro. E ora riescono a crearlo per gli altri, anche per gli italiani. A Milano le imprese con titolare straniero sono 18 mila con 89mila dipendenti, di cui quasi 18 mila italiani. Dati elaborati dalla Camera di Commercio, che mostrano il volto più intraprendente dell’immigrazione. In 16 settori gli imprenditori stranieri sono ormai la maggioranza: internet point (455 imprese straniere su 486: il 93,6% del totale), commercio al dettaglio ambulante di bigiotteria (88,2%), commercio di tappeti (sia al dettaglio: 69,8%; che all’ingrosso: 66,7%), ma anche la spedizione di materiale propagandistico (61,3%), la fabbricazione di tappeti e moquette (59,4%) l’attività  di sgombero di cantine, solai, ecc. (56,3%) e le attività  non specializzate di lavori edili (muratori: 51% con oltre 3.200 imprese). Lo studio della Camera di commercio si concentra anche sulle ditte individuali. A Milano quelle avviate da uno straniero sono 24 mila, pari al 20,6% del totale, con circa 36mila dipendenti, di cui 1 su 5 è italiano. 

Nella classifica delle nazionalità  degli imprenditori stranieri, vincono gli egiziani (4.904 titolari uomini, 250 donne), seguiti da cinesi (2.106 uomini e 1.763 donne), romeni (1.887 uomini e 276 donne) , marocchini (1.610 uomini e 220 donne) e albanesi (1.139 uomini e 117 uomini). Le donne imprenditrici straniere sono leader in settori quali istituti di bellezza, servizi di asilo nido, lavanderie industriali, erboristerie e parrucchieri. (dp)


Related Articles

Migranti abbandonati in mezzo al Sahara, deserto-cimitero

Niger paese di transito ma anche di origine: quarto produttore al mondo di uranio, ma tra i più poveri. Il governo reprime i trafficanti che cercano così vie alternative e più pericolose per raggiungere la Libia

Caso Khashoggi. Reporters sans Frontieres in Germania denuncia bin Salman come mandante

L’iniziativa di Reporters sans Frontieres. Il principe ereditario e quattro suoi consiglieri dovranno rispondere anche alla Corte suprema di Karlsruhe dell’omicidio del giornalista saudita e della persecuzione di altri 34 reporter

Vertice euro-arabo di Sharm el Sheik: Italexit dalla Libia, vince al-Sisi

Petrolio e migrazioni. Il presidente golpista egiziano è il vero vincitore del vertice di Sharm el Sheikh con l’Europa che lo investe del ruolo di gendarme africano. E con lui vince il generale libico Haftar. Roma sempre più isolata

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment