Ikea: usati «007» per spiare i dipendenti

«Abbiamo constatato che ci sono state pratiche da Ikea Francia che non sono all’altezza né dei nostri valori, né dei nostri standard etici», ha dichiarato il direttore generale del gruppo Stefan Vanoverbeke, al termine di un’indagine interna condotta dal marchio svedese. «Queste pratiche sono intollerabili, inaccettabili e me ne rammarico sinceramente», ha insistito Vanoverbeke. Si tratta di «pratiche nel campo della ricerca di informazioni sulla vita privata», ha precisato, rifiutando di addentrarsi in dettagli più specifici a causa delle indagini in corso a livello giudiziario. La compagnia ha anche annunciato la creazione di un gruppo di lavoro «per rafforzare i valori e gli standard etici», in modo che tale «situazione non si ripeta mai più». Secondo quanto aveva denunciato per primo il settimanale Le Canard Enchainé, alla fine di febbraio, Ikea avrebbe pagato investigatori privati per accedere illegalmente agli archivi di polizia ed effettuare circa 200 controlli relativi a dipendenti e clienti sul casellario giudiziario e il registro automobilistico. La procura di Versailles ha poi aperto un’inchiesta preliminare per uso fraudolento di dati personali.


Related Articles

«Disobbediamo» I lavoratori francesi oggi resistono così

PARIGI. Le grandi manifestazioni che hanno attraversato la Francia quest’autunno marciano al grido di «resistenza». La protesta non è riuscita a piegare il governo sulla riforma delle pensioni, ma è venuto in primo piano un malessere sempre più diffuso verso i tagli che subiscono ormai da anni tutti i servizi pubblici, dalla scuola agli ospedali. Visto che l’azione sindacale classica resta ormai troppo sovente senza risposta, si sta formando un movimento che invoca la «resistenza» allo smantallamento progressivo dei servizi pubblici. Per la prima volta, lo scorso fine settimana, si è svolto un Forum delle resistenze nei servizi pubblici.

Chrysler-Uaw, contratto a rischio

USA Scontro interno al sindacato dopo un sofferto sì a Marchionne. Mentre in Gm e in Ford tutto è filato liscio

G7 di Taormina, navigazione a vista e senza sonar

Vertice di Taormina. La flotta occidentale ha preso il largo. Verso dove non lo sappiamo. Quel che è peggio senza radar. Perché sarebbe bastato ai Sette grandi tendere solo l’orecchio verso l’altra parte del mare Mediterraneo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment