I sindaci di Vicenza e Pavia insieme contro l’azzardo: “Stato assente, interveniamo noi”

VICENZA – “È in gioco la salute dei cittadini. Se lo Stato non interviene, dobbiamo farlo noi sindaci”. Sono sulla stessa linea il sindaco di Vicenza Achille Variati e quello di Pavia, Alessandro Cattaneo, che si sono incontrati ieri pomeriggio per condividere la loro guerra al gioco d’azzardo. Nella città  veneta il problema è stato recentemente affrontato con un regolamento e una variante urbanistica che vietano l’apertura di sale gioco e scommesse nelle vicinanze di luoghi sensibili. Il comune lombardo – con i suoi 2.897 euro di giocate pro capite che lo rendono la città  che spende di più nell’azzardo in Italia -, sta per approvare modifiche analoghe al regolamento di polizia urbana. Comunità  d’intenti, dunque, nonostante le due città  siano amministrate da diverse espressioni politiche.

“Le sale gioco e scommesse, i videopoker, i gratta e vinci, le infinite possibilità  di gioco stanno diventando una vera e propria piaga sociale” commentano i due sindaci, che precisano: “La nostra non è una crociata per motivi morali. È la richiesta dettata dal buon senso, affinchè un settore potenzialmente distruttivo per persone, famiglie e per l’intera comunità  venga regolamentato”. Il costante bombardamento pubblicitario sulle vincite facili fa, secondo i due primi cittadini, “enormi danni a disoccupati, giovani, anziani, alle fasce più vulnerabili della popolazione che buttano nel gioco i pochi euro che hanno e sprofondano in un baratro di disperazione”. Danni non giustificabili con le entrate che derivano dal gioco: è vero che nel 2011 il giro d’affari è stato di 70 miliardi, “ma quanto costerà  in futuro tutto questo?” si chiedono Variati e Cattaneo. “Quanti ludopatici dovranno essere curati a spese del sistema sanitario pubblico? Quante famiglie saranno rovinate?”. I due lamentano la totale assenza dello stato: “Questa è un’emergenza sociale, un problema di salute pubblica, ma governo e Parlamento ci hanno lasciati soli e con le armi spuntate. Se lo stato se ne infischia, noi sindaci abbiamo l’obbligo di intervenire”.


Related Articles

Sanità e tangenti, agli arresti anche un fedelissimo di Maroni

Regione Lombardia. Su richiesta della procura di Monza, finiscono in carcere ventuno persone con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione. Tra queste anche Fabio Rizzi, “padre” della nuova riforma sanitaria lombarda e presidente della Commissione regionale della Sanità

Rapporto OMS. Il tasso di suicidi nel mondo

Secondo il rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) pubblicato il 4 settembre, ogni anno 800mila persone muoiono a causa di un suicidio

Arrestato l’ex ministro Claudio Scajola

Dalle perquisizioni della Dda di Reggio Calabria emerge una potente associazione segreta internazionale di stampo massonico animata da figure come Amin Gemayel, capo dei falangisti libanesi e candidato alle presidenziali tenute a fine aprile

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment