Radici «anarchiche» per il boom grillino a Carrara e Livorno

C’è soprattutto il boom di un movimento che nelle istituzioni è rappresentato in appena nove municipi su 287, con 16 consiglieri comunali, ma che da lunedì sera è diventato il primo partito in città  importanti come Carrara, Massa, Pietrasanta, Viareggio, Capannori e Grosseto, e in altri 22 comuni più piccoli fra cui Massarosa, Orbetello, Camaiore e Altopascio, oltre che nella simbolicamente importantissima Stazzema.
È lungo la costa tirrenica che gli attivisti di Beppe Grillo hanno raccolto i maggiori successi. A Carrara, nella città  del marmo e dei suoi cavatori, di fortissima tradizione anarchica, il Movimento 5 Stelle con il suo 31,5% supera di un punto un Pd in accentuata flessione, elegge due senatrici e fa un balzo in avanti del 18% rispetto alle elezioni comunali di un anno fa, dove pure aveva eletto un suo rappresentante. Nella vicina Massa il voto per le comunali sarà  a maggio, fra soli tre mesi, e qui non solo il movimento di Grillo è la prima forza con il 29,5%, è anche a soli cinque punti dalla coalizione con cui il Pd si è presentato alle politiche, con la destra berlusconiana che pur fortemente ridotta rischia di diventare ago della bilancia nel caso di un assai probabile ballottaggio.
Situazione analoga a Viareggio, altro comune dove ci si appresta al voto amministrativo: qui il 5 Stelle è il primo partito con il 29% ed è ad appena due punti percentuali dalla coalizione di centrosinistra, mentre la destra che aveva vinto le scorse comunali mantiene un suo radicamento e potrebbe risultare decisiva al secondo turno. Perfino a Pisa la comunque forte coalizione di centrosinistra non raggiunge il 50%, e il 5 Stelle che pure non è andato oltre il 22% è diventata la seconda forza cittadina, superando il Pdl. Anche sotto la torre pendente si voterà  alla fine di maggio, e seppur molto ridotte ci sono le possibilità  di un ballottaggio fra il sindaco uscente Filippeschi e una rappresentante del movimento grillino. A Livorno invece si voterà  l’anno prossimo, ma hanno già  fatto scalpore i risultati delle politiche che hanno visto il Pd in calo di ben 14 punti percentuali rispetto al 2008. Mentre il M5S raccoglie il 27% e, con la destra labronica in caduta libera, si accredita come un concorrente assai temibile per la guida di una città  che sta soffrendo oltremodo la crisi economica.
Proprio i sempre più drammatici effetti della crisi, che è particolarmente sentita lungo la costa toscana, hanno fatto da moltiplicatore per i 5 Stelle, considerati come l’ideale contenitore di una protesta sociale sempre più diffusa. Di scuola il caso di Orbetello, dove il Movimento diventa il primo partito grazie al 30% raccolto nelle zone alluvionate dello scorso autunno, dove forte è la disaffezione verso le amministrazioni ritenute, a torto o a ragione, incapaci di rispondere alle esigenze della popolazione. Ma anche a Grosseto, considerata per anni come una delle città  più dinamiche della Toscana, almeno alla Camera il Movimento di Grillo supera il Pd e conquista una leadership che appena dodici mesi fa era semplicemente inimmaginabile.


Related Articles

Annegati da leggi, norme, sanzioni Il regime del dispotismo amministrativo

L’ Italia è un regime di dispotismo amministrativo. La discrezionalità  della Pubblica amministrazione è diventata pura arbitrarietà  attraverso un arcipelago di norme, regolamenti, misure, sanzioni che ricordano più le pratiche punitive e intimidatorie dell’autoritarismo fascista che la giustizia di uno Stato di diritto e le libertà  e i diritti soggettivi di una democrazia liberale.

Il pestaggio, l’indagine e il figlio di Alemanno: un caso politico

ROMA — «Ciò che mi rimprovero è di non aver buttato in piscina quel teppista. Da lì sicuramente non sarebbe potuto scappare…». Sono passati quasi tre anni ma il professor Carlo Vitelli, primario chirurgo dell’ospedale San Giovanni Addolorata, ricorda bene i dettagli di quel drammatico pomeriggio di giugno nella sua casa alla Camilluccia.

«Presente Angoscioso Torniamo Affidabili»

«Basta debolezze nella lotta all’evasione» Ecco ampi stralci del discorso pronunciato dal capo dello Stato al Meeting di Cl
 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment