Da Arcore l’«ordine» della linea dura La tentazione di rompere subito

All’ora di pranzo, invece, il vicepremier è a millecinquecento chilometri di distanza dal luogo in cui di buon mattino aveva partecipato alla commemorazione di Carlo Alberto Dalla Chiesa. È a villa San Martino, ad Arcore. Accanto a Denis Verdini, l’altro big pidiellino convocato d’urgenza nella residenza berlusconiana. Di fronte a entrambi c’è un Silvio Berlusconi tornato a minacciare la crisi di governo. «Se il Pd mi butta a mare, la maggioranza non esiste più».
Alfano ascolta pazientemente il Cavaliere. Già in mattinata, da Palermo, il vicepremier aveva chiesto ai Democratici di usare nella giunta del Senato «un approccio giuridico e non politico». Un approccio soft che, evidentemente, a Berlusconi non basta. Non a caso, qualche ora più tardi, il segretario del Pdl sarà costretto a ritornare sulla faccenda con toni molto più duri e con un avviso molto più chiaro: «Il Pd dica una parola chiara sulla retroattività della legge Severino».
I «falchi» del partito, a cominciare da Verdini, accreditano quella di Berlusconi come una «svolta». Ma non è escluso che, nella giornata di ieri, l’ex presidente del Consiglio abbia soltanto mosso un’altra pedina dell’eterna partita a scacchi che si sta giocando dal primo agosto tra Arcore e Roma. Anche perché, sempre ieri mattina, la temperatura dei rapporti tra i berlusconiani e gli ambienti più vicini al Quirinale è tornata ad abbassarsi fino a sfiorare il gelo. E tutto per il responso che quella task force governista e bipartisan che sta tenendo i fili del dialogo col Colle — di cui fanno parte Gianni Letta e alcuni ministri del governo — torna a ribadire al Cavaliere. Dicendogli che «la clemenza è una cosa e l’agibilità politica un’altra». Che «la prima esclude la seconda». E, soprattutto, che non esiste nell’ordinamento italiano alcun tipo di viatico normativo che possa consentire al presidente della Repubblica di intervenire sulla pena accessoria, e quindi sulla decadenza.
Berlusconi risponde mescolando tattica e minacce. Se l’«uomo» viene descritto come «oscillante», «preoccupato», «ansioso» per il suo futuro e «propenso» a valutare la clemenza, il «politico» continua a muoversi con agilità. E sa benissimo, tema su cui anche i suoi avvocati hanno pareri unanimi, che da un eventuale tira e molla con la presidenza della Repubblica non si otterrebbe «neanche un centimetro di più» di quello che Napolitano ha messo in fila nella sua nota del 13 agosto.
E le minacce di ieri, allora? Nella cerchia ristretta dei berlusconiani c’è chi giura che il ritorno ai toni duri abbia molto a che fare con la disputa che sta andando in scena tra i senatori del Movimento Cinquestelle. Perché, è la teoria, «è possibile che una scissione tra i grillini agevoli i sogni su un fantomatico Letta bis. Ma — è la parte più importante dell’analisi — è ancora più probabile che quest’evento possa agevolare Berlusconi nel momento in cui il Senato arriverà a votare a scrutinio segreto sulla decadenza». Da qui il consiglio che l’ala dura del partito è tornata a dare all’ex premier, ma con nuove motivazioni: «Se stai fermo ad aspettare la clemenza non succederà nulla. Ma se invece minacci la fine della legislatura, vedrai come i voti segreti di tutti quelli che temono di perdere il seggio si moltiplicheranno a dismisura….».
È un sentiero comunque impervio e arrischiato. Ma sarebbe una delle ultime carte disperate che Berlusconi potrebbe decidere di giocare. Da qui la tentazione di arrivare addirittura ad accelerare «la pratica» nella giunta di Palazzo Madama per passare direttamente all’Aula. Da qui le minacce di ieri al governo. Che arrivano a un passo dall’allarme rosso solo perché Gianni Letta riesce a evitare che la situazione precipiti giù in giornata. E perché, in una triangolazione che parte da Alfano e arriva al ministero della Giustizia, matura in serata quella presa di posizione che porta il guardasigilli Annamaria Cancellieri a dire che «bisogna riflettere sulla costituzionalità della legge Severino». E la partita a scacchi continua.
Tommaso Labate


Related Articles

Pd: con Monti senza scadenze Di Pietro: via i gerarchi e dico sì

E Casini chiede un programma limitato all’economia. Euforia per le dimissioni. Sintonia Veltroni- D’Alema: è il governo del presidente. Ribadito il veto dei democratici su Letta: “Se è governo tecnico, allora deve valere per tutti” 

Il Professore e la legge dei voti

   IN DEMOCRAZIA c’è una sola regola che non può subire deroghe: chi ha più voti, governa. E in un sistema parlamentare come il nostro, quella stessa regola prende le forme della maggioranza che si costituisce nelle due Camere. Chi ha la fiducia della maggior parte di deputati e senatori, allora può varcare il portone di Palazzo Chigi.

Chiara Saraceno: «Basta con le accuse di populismo al No»

Referendum. La nota sociologa torinese invita a considerare i molti che hanno votato sul merito della Costituzione. «Altri hanno dato voce al proprio disagio, ma proprio per questo non possiamo lasciarli ai partiti populisti»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment