L’Irlanda infelice premia Sinn Féin e punisce il Labour

L’Irlanda infelice premia Sinn Féin e punisce il Labour

Le ele­zioni euro­pee e muni­ci­pali hanno dato l’opportunità all’elettorato irlan­dese di punire i par­titi al governo, Fine Gael e il par­tito Labu­ri­sta, col­pe­voli di aver impo­sto poli­ti­che di auste­rità volute dalla troika. Dif­fe­ren­te­mente da quanto osser­vato altrove in Europa, in Irlanda è stato Sinn Féin, par­tito di sini­stra, ad appro­fit­tare dello scon­tento popo­lare. Con il 20.47% dei voti, ha quasi rad­dop­piato l’11.24% del 2009, e ha vinto tre seggi nella Repub­blica dell’Irlanda e un altro in Irlanda del Nord, con­fer­man­dosi non solo come il più grande par­tito di sini­stra dell’isola, ma anche come il più grande in asso­luto in ter­mini di voto. Il risul­tato di Sinn Féin è il migliore dalle ele­zioni del 1918, quando l’Irlanda era unita sotto l’Impero Britannico.

Le dif­fi­coltà che Sinn Féin ha dovuto affron­tare durante la cam­pa­gna elet­to­rale non sono state poche. Il giu­di­zio del «Smi­th­wick Tri­bu­nal», che ha evi­den­ziato la col­lu­sione tra la poli­zia Irlan­dese e l’Ira nell’assassinio di due agenti del Ruc (l’ormai defunta poli­zia del Irlanda del Nord) nel1989, ha pub­bli­ca­mente rie­vo­cato un momento cupo della lotta armata dell’Ira. L’arresto e la deten­zione per quat­tro giorni di Gerry Adams, pre­si­dente del Sinn Féin, per una sua pre­sunta respon­si­bi­lità nella scom­parsa e ucci­sione di Jean McCon­ville, gio­vane vedova e madre di undici bam­bini, a Bel­fast nel 1972, ha sot­to­li­neato i pas­sati vio­lenti di alcune per­so­na­lità del par­tito. Que­ste vicende lo hanno reso vul­ne­ra­bile alle cri­ti­che dei rivali poli­tici. L’ascesa di Sinn Féin è legata all’espansione del suo bacino elet­to­rale oltre le sue roc­ca­forti tra­di­zio­nali (zone di con­fine tra il Nord e la Repub­blica e i quar­tieri popo­lari di Dublino), riu­scendo ad accu­mu­lare con­sensi senza pre­ce­denti nei col­legi elet­to­rali bene­stanti del sud di Dublino, in città come Gal­way e Lime­rick, e zone rurali dove mai aveva avuto un suc­cesso elet­to­rale di tale por­tata. In totale ha vinto 157 dei 949 seggi nelle ele­zioni municipali.

Seb­bene al momento man­chino dati sulle euro­pee, si può ragio­ne­vol­mente con­clu­dere che sono state que­ste stesse fasce sociali a soste­nere il par­tito anche nelle ele­zioni euro­pee. La con­qui­sta di que­sti voti è dovuto a vari fat­tori: il 33% dei can­di­dati pre­sen­ta­tisi alle muni­ci­pali, e due dei tre alle euro­pee, sono donne, pre­sen­tate con l’intento di atti­rare l’elettorato fem­mi­nile; il 24% dei can­di­dati sono sotto i 35 anni (e di que­sti, il 91% è stato eletto). Inol­tre, sce­gliendo can­di­dati estra­nei all’area repub­bli­cana, il par­tito è riu­scito a nor­ma­liz­zarsi nella per­ce­zione dell’opinione pub­blica ed è riu­scito nel dif­fi­cile com­pito di non alie­nare le sim­pa­tie dei mili­tanti irri­du­ci­bili, tro­vando un deli­cato equi­li­brio tra i nuovi elet­tori e il noc­ciolo duro repub­bli­cano. Anche nella Repub­blica, soprat­tutto nelle ele­zioni muni­ci­pali, il par­tito ha pun­tato su alcuni can­di­dati con forti cre­den­ziali repub­bli­cane, come Mala­chy McCreesh a Lime­rick, fra­tello di Ray­mond McCreesh, con­si­de­rato un eroe dai dopo la sua morte in seguito allo scio­pero della fame nel 1981.

Inol­tre, la pro­dut­ti­vità dei suoi depu­tati in par­la­mento, soprat­tutto del vice-presidente del par­tito, Mary Lou McDo­nald, e il por­ta­voce finan­zia­rio, Pearse O’Doherty, ha man­te­nuto il par­tito sulla ribalta poli­tica. Le loro cri­ti­che per­si­stenti con­tro l’austerità sono riu­scite a dare l’impressione che fosse l’unico par­tito dav­vero impe­gnato a pro­porre alter­na­tive ai tagli sociali e all’imposizione di nuove tasse uni­ver­sali – sull’acqua pub­blica – che afflig­gono i ceti sociali più vul­ne­ra­bili. Gene­ral­mente Sinn Féin si con­tende con il par­tito Labu­ri­sta il voto delle classe popo­lari. I labu­ri­sti, da quando sono la com­po­nente di mino­ranza nella coa­li­zione gover­na­tiva, hanno dra­sti­ca­mente dimi­nuito i con­sensi dal 13.9% (2009) al 5.3% (2014).

Le poli­ti­che di auste­rità hanno con­dan­nato il par­tito alla peg­giore scon­fitta della sua sto­ria elet­to­rale. Gli altri a sini­stra, L’Alleanza Popolo Prima del Pro­fitto e il Par­tito Socialista,si sono mostrati divisi cau­sando la per­dita di un seg­gio socia­li­sta a Dublino.

Il par­tito di Adams, si trova in una posi­zione di forza in vista delle ele­zioni par­la­men­tari che, a causa del crollo labu­ri­sta, potreb­bero tenersi prima della sca­denza del man­dato. Se così fosse Sinn Féin avrebbe buone pos­si­bi­lità di essere al potere, sia nella Repub­blica d’Irlanda che al Nord, durante il cen­te­na­rio della sto­rica, e sim­bo­li­ca­mente carica di signi­fi­cati, Rivolta di Pasqua del 1916.


Tags assigned to this article:
Gerry AdamsIrlandaJean McCon­villeSinn Fein

Related Articles

Ahmad, il “rifugiato” e i suoi sei fratelli fantasmi negli archivi di tutte le intelligence

L’inchiesta. Almohammad aveva il documento di un siriano sbarcato in Grecia. Interrogati due familiari di un francese membro del commando

Amburgo rosso-verde requisisce case pubbliche sfitte per i rifugiati

Germania. Mentre il ministro dell’Interno scarica Merkel e attacca i profughi

Ricambio a Cuba, Díaz-Canel presidente. È la «modernizzazione»

Con la nomina oggi delle più alte cariche dello Stato, compresa quella del primo presidente della Repubblica dal 1976, entra nel vivo il processo di cambiamento innescato dalle riforme costituzionali

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment