Festival del diritto. L’autogoverno è possibile

Festival del diritto. L’autogoverno è possibile

Loading

La set­tima edi­zione del Festi­val del diritto a Pia­cenza (da domani fino al 28) è fon­dato su due con­cetti ricor­renti nella rifles­sione poli­tica e giu­ri­dica del suo diret­tore scien­ti­fico, Ste­fano Rodotà: la par­te­ci­pa­zione e l’esclusione. Pro­mosso dal Comune di Pia­cenza, l’Università Cat­to­lica del Sacro Cuore, il Poli­tec­nico di Milano e la Fon­da­zione di Pia­cenza e Vige­vano, quest’anno il festi­val pro­pone anche una rifles­sione sull’autogoverno.
«Par­te­ci­pa­zione e auto­go­verno sono le pro­messe fon­da­men­tali della demo­cra­zia moderna», sostiene Rodotà. Pra­ti­che lon­tane da quella teo­ria della sovra­nità dove è l’Uno a deci­dere e a impar­tire il comando dall’alto. Uno dei tanti esempi è la gover­nance tec­no­cra­tica euro­pea che oggi pro­getta di attri­buire mag­giori poteri alle isti­tu­zioni Ue sulle finanze pub­bli­che o il mer­cato del lavoro. Non molto diverso è l’assetto dei poteri all’interno degli Stati. In Ita­lia sta matu­rando una riforma auto­ri­ta­ria del modello par­la­men­tare vigente, in dire­zione di una pre­si­den­zia­liz­za­zione del sistema. Un modello di governo che nega alla base l’autogoverno dei cit­ta­dini. Su que­sto punto la denun­cia di Rodotà è ferma: «Esi­stono dina­mi­che neoau­to­ri­ta­rie, o comun­que una note­vole dif­fi­denza, rispetto al dis­senso e alle istanze cri­ti­che dei cit­ta­dini». Quest’anno, assi­cura Rodotà, la rifles­sione ver­terà su un’altra tra­di­zione della moder­nità poli­tica: una sovra­nità oriz­zon­tale costruita dal basso con la par­te­ci­pa­zione. E pro­spetta un ordi­na­mento giu­ri­dico dove la deci­sione è il risul­tato della volontà dei con­so­ciati ed è in grado di rispon­dere ai loro biso­gni. Da que­sta tra­di­zione dell’autogoverno è nata la demo­cra­zia dei con­si­gli ope­rai, quella dei Soviet, e i ten­ta­tivi di rivo­lu­zione sociale più o meno riu­sciti nel corso del Nove­cento. Ancora oggi que­sta tra­di­zione nutre l’immaginario, e le pra­ti­che poli­ti­che, dei movi­menti sociali.
Rodotà pre­fe­ri­sce rileg­gere que­sta vicenda all’interno dello Stato costi­tu­zio­nale di diritto: «Oggi la demo­cra­zia è diven­tata una forma di legit­ti­ma­zione com­ples­siva dell’ordine ma non può ridursi a un momento elet­to­rale – sostiene – Essa si rin­nova attra­verso la garan­zia dei diritti sociali, il libero asso­cia­zio­ni­smo, la rior­ga­niz­za­zione degli appa­rati sta­tali secondo prin­cipi anti­au­to­ri­tari, la fio­ri­tura di nuovi diritti civili hanno allar­gato e arric­chito la nozione di cit­ta­di­nanza». È ciò che il giu­ri­sta defi­ni­sce «cit­ta­di­nanza attiva».
Que­sta impo­sta­zione carat­te­rizza anche i temi del festi­val. Nell’incontro Europa, lasciami entrare! pre­vi­sto sabato alle 15 all’Auditorium Sant’Ilario si par­lerà del diritto alla cit­ta­di­nanza dei migranti e la loro inclu­sione reale nel con­ti­nente della «For­tezza Europa». C’è anche il discorso sui diritti sociali a garan­zia del lavoro, tema rovente nei giorni delle pole­mi­che sul Jobs Act voluto da Renzi. Ne par­le­ranno il 28 Mau­ri­zio Lan­dini, Umberto Roma­gnoli e Tito Boeri nel salone Gotico dalle 12. La par­te­ci­pa­zione, e l’esclusione, cioè il «diritto alla città», rap­pre­senta un pro­blema per gli archi­tetti, i ter­ri­to­ria­li­sti e gli urba­ni­sti. Se ne par­lerà venerdì 26 all’associazione Amici dell’Arte.
Al sesto anno della crisi, on il raf­for­za­mento dei poteri ver­ti­cali della finanza, sul tavolo c’è il pro­blema del divor­zio tra «demo­cra­zia e capi­ta­li­smo». Per Rodotà è ormai accer­tata «una dram­ma­tica crisi di legit­ti­mità della demo­cra­zia». Una crisi che non può essere risolta ricor­rendo «a una forma di sem­pli­fi­ca­zione auto­ri­ta­ria della com­ples­sità». «È peri­co­loso, ma anche per­dente» riba­di­sce. Un punto di vista espo­sto più volte com­men­tando le riforme costi­tu­zio­nali volute dal governo Renzi.
Per rias­si­cu­rare un equi­li­brio tra guber­na­cu­lum e iuri­sdic­tio, aggiunge, «biso­gna recu­pe­rare una forte cul­tura costi­tu­zio­nale che dovrebbe nutrire una capa­cità di ini­zia­tiva poli­tica capace di con­fron­tarsi con le tra­sfor­ma­zioni sociali in atto». Rodotà rivolge un corag­gioso invito al pub­blico del festi­val pia­cen­tino. Con­si­de­rare il «rifiuto della delega», «il volersi espri­mere in prima per­sona» come l’occasione per rilan­ciare una demo­cra­zia radi­cale (o «diretta»). «Ma senza con­trap­porre la demo­cra­zia diretta a quella rap­pre­sen­ta­tiva» pre­cisa. In sin­tesi, ecco spie­gato il labo­ra­to­rio teo­rico di Rodotà.
Oltre alle tavole rotonde, alle lezioni e ai dibat­titi, l’edizione di quest’anno del Festi­val del diritto pre­vede il coin­vol­gi­mento di scuole e asso­cia­zioni di volon­ta­riato. Annun­ciata la par­te­ci­pa­zione del pre­si­dente del Senato Piero Grasso, del mini­stro dei Beni cul­tu­rali Dario Fran­ce­schini e Gio­vanni Can­zio, pre­si­dente della Corte d’Appello di Milano. Per le infor­ma­zioni: www?.festi?val?di?ritto?.it.



Related Articles

Centro commerciale addio negli Usa crolla il mito dei templi dello shopping

Loading

I poveri vanno ai discount, i ricchi preferiscono i negozi o le catene chic Un centinaio ha già chiuso o sta per farlo: pesa la crisi della famiglia media

Unioni civili, ora il canguro può saltare

Loading

Senato. Notte di riflessione sulle Unioni civili. Ieri il Pd ha rischiato di essere battuto sull’emendamento trappola che sterilizza le opposizioni (innanzitutto interne). Senza il quale le adozioni sono a rischio. Il voto segreto sulla step child adoption sarà il momento della verità

Il caos della «Buona scuola » è iniziato

Loading

Il primo giorno. Più di sette milioni di studenti tornano sui banchi, il racconto con cifre del mondo creato da Renzi: anomalie, ingiustizie e vicoli ciechi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment