Google investe in farmaci e sanità Avrà vantaggi dai dati degli utenti?

Google investe in farmaci e sanità Avrà vantaggi dai dati degli utenti?

Il passaggio di Arthur Levinson da Roche, big farmaceutico, a Google è il segno dell’ambizione strategica del «Primo Motore» di Internet a espandersi nel campo della salute e delle bioscienze. Il top manager che oggi lascia il colosso svizzero, e che ha fatto di Genentech uno dei gruppi biotecnologici più potenti del mondo prima dell’acquisizione da parte di Roche, sta già collaborando con Google e ha quindi evitato un conflitto di interessi tra la sua posizione di consigliere d’amministrazione della società farmaceutica e il ruolo di numero uno di Calico, start-up di Google. Calico ha appena stabilito un’alleanza con AbbVie, rivale di Roche, per la cura delle malattie neurodegenerative e oncologiche. Quello della «salute in età avanzata» e dei relativi farmaci biotech è del resto uno dei grandi business del nostro tempo. L’alleanza Calico-AbbVie vale un miliardo e mezzo di dollari: tale è la somma che le due aziende investiranno nello studio dell’invecchiamento e nello sviluppo di nuove medicine per gli anziani.
Google non è nuova agli «sconfinamenti» oltre Internet, come dimostrano l’accordo con l’altro colosso svizzero dei farmaci, Novartis, per lo sviluppo di lenti a contatto che monitorano il livello di zucchero nel sangue, e gli investimenti nelle auto senza pilota. Però non è l’unica: anche altri Over the Top , i signori della Rete come Apple e Microsoft, sono interessati a sviluppare tecnologie che incrociano smartphone , dispositivi digitali indossabili e applicazioni per monitorare lo stato di salute. In questo ambito Levinson, che è anche presidente del Cda di Apple, è una figura centrale nelle nuove sinergie dell’high tech . A proposito di sinergie. Il fatto che aziende così ricche e potenti investano nella ricerca medica di frontiera e nei nuovi dispositivi di controllo è senza dubbio un’ottima notizia. Tuttavia ci si può porre qualche domanda (senza pregiudizi negativi) sulla correttezza dei vantaggi commerciali che potrebbero derivare loro dalla disponibilità dei dati personali accumulati via Internet, primi tra tutti quelli sanitari, che riguardano ognuno di noi.
Edoardo Segantini



Related Articles

INCIVILTÀ CON LA DIVISA. Articolo di Giorgio Bocca

NULL (La Repubblica, MARTEDÌ, 28 FEBBRAIO 2006, Pagina 1 – Prima Pagina) INCIVILTÀ CON LA DIVISA GIORGIO BOCCA ________________________________________ È

Dai contratti agli scioperi i piani del governo per rivoluzionare le regole del lavoro

Se le parti sociali non troveranno un accordo in tempi brevi l’esecutivo è pronto stabilire per legge i nuovi criteri Possibili soglie nella rappresentanza sindacale sia per le trattative (5%) che per le astensioni dall’attività (30%)

Federico Aldrovandi: andranno in carcere i 3 agenti di polizia

Federico Aldrovandi 

Sono stati condannati per la morte di Federico Aldrovandi. Andranno in carcere 3 dei 4 agenti di polizia condannati a giugno in via definitiva per eccesso colposo in omicidio colposo, perché ritenuti responsabili della morte di Federico Aldrovandi, il 18enne deceduto nel 2005 a Ferrara, per le percosse subite durante un controllo di Polizia, mentre tornava a casa all’alba. Sconteranno dunque 6 mesi dietro le sbarre gli agenti Paolo Forlani, Monica Segatto e Luca Pollastri. Si tratta della pena scontata, grazie all’indulto, rispetto alla condanna a 3 anni e mezzo decisa in terzo grado.

1 comment

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment