L’Ucraina plana sul vertice

L’Ucraina plana sul vertice

Il segno del successo — o meno — del vertice Asem che si apre oggi a Milano sarà da cercare, più che nel comunicato finale, negli occhi di ghiaccio di Vladimir Putin. I leader di cinquanta Paesi di Europa e Asia si incontrano per due giorni: portano in valigia metà del Prodotto lordo mondiale e il 70 per cento del commercio. Ciò nonostante, la rilevanza economica dell’Asia-Europe Meeting potrebbe essere messa in ombra dalle tensioni geopolitiche, in crescita in quest’area che conta il 60 per cento della popolazione del pianeta: soprattutto quelle tra Russia e Ucraina.
La speranza nutrita da chi organizza l’incontro — l’Italia in quanto presidente di turno della Ue — è che si possa registrare e mettere agli atti qualche passo distensivo tra Mosca e Kiev. A parlare a quattr’occhi con Putin ci proveranno tra gli altri Matteo Renzi e Angela Merkel. Soprattutto, venerdì mattina si terrà una riunione informale sulla crisi in Ucraina: vi parteciperanno, oltre al presidente russo e a quello ucraino Petro Poroshenko (che avranno anche un incontro a due), il premier italiano, la cancelliera tedesca, il presidente francese François Hollande, il primo ministro britannico David Cameron e i presidenti uscenti della Commissione Ue e del Consiglio europeo José Manuel Barroso e Herman Van Rompuy. Che gli occhi di Putin si abbassino è improbabile: si tratterà di vedere se faranno trasparire intenzioni e prossimi passi.
Sempre nella sfera geopolitica, ieri la signora Merkel ha invitato la Cina, le Filippine e il Vietnam a trovare intese sulle dispute territoriali che contrappongono Pechino ai Paesi costieri del Mare Cinese Meridionale, bacino strategico per i commerci in una delle aree a maggiore crescita economica. Non è però il caso di trattenere il respiro: passi avanti su questo versante non sono attesi.
L’altra metà, quella degli affari, del vertice Asem — che ha come tema la Partnership responsabile per la crescita e la sicurezza — ha già avuto un primo momento ieri, che proseguirà stamattina, nell’Asia-Europe Business Forum (ci sarà anche il premier giapponese Shinzo Abe) e continuerà nelle riunioni dei leader. Gran parte del business, soprattutto con il premier cinese Li Keqiang, gli europei lo hanno però già fatto in incontri bilaterali.
Danilo Taino



Related Articles

Afghanistan. Giovane kamikaze fa strage a un matrimonio

L’attacco a pochi giorni dall’impegno di Talebani e Usa a Doha per «zero vittime civili». Principale sospettato: l’Isis di al-Baghdadi. Oltre 30mila uccisi in 10 anni

L’Iran risponde a Trump con i missili dei pasdaran

Attacco notturno alle basi Usa in Iraq: «Un gesto di autodifesa» 80 morti secondo le Guardie rivoluzionarie, zero per Washi

Niente italiano, Berlusconi perde 23 a 4

BREVETTI EUROPEI
BRUXELLES. Di brevettata in Italia c’è solo la sconfitta europea. Il governo Berlusconi è uscito battuto su tutta la linea nel dibattito sul brevetto comunitario, il progetto di patente unica per tutti i 27 chiamata a superare i diversi brevetti nazionali, aumentando così il livello di protezione ed abbattendo contemporaneamente i costi di registrazione delle nuove invenzioni nella Ue.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment