Palestina Stato, bene ai Comuni

Loading

La Palestina vince 274 a 12. Campo di gioco, il par­la­mento bri­tan­nico che – seguendo la volontà della società civile e sfi­dando il pre­mier Came­ron – ha votato a favore di una mozione di un diviso par­tito labu­ri­sta che chiede al governo di rico­no­scere lo Stato di Palestina. Un voto che non vin­cola e a cui hanno preso parte solo metà dei par­la­men­tari, ma dal forte signi­fi­cato sim­bo­lico oltre che diplo­ma­tico: la pres­sione di parte della comu­nità inter­na­zio­nale non fa dor­mire sonni tran­quilli al governo Netanyahu.

Il sì al rico­no­sci­mento della Palestina come Stato, «accanto a quello israe­liano», è arri­vato dai ban­chi della mag­gio­ranza e dell’opposizione (sep­pur nel par­tito di Mil­li­band non siano man­cati mal di pan­cia e asten­sioni). Il voto, spiega la mozione, è «un con­tri­buto al raf­for­za­mento della solu­zione a due Stati». Die­tro, le piazze inglesi colme di mani­fe­stanti nei giorni ter­ri­bili dell’attacco israe­liano con­tro Gaza, 2.150 morti pale­sti­nesi che già ave­vano con­vinto il sot­to­se­gre­ta­rio agli Esteri, Sayeeda Warsi, ad uscire dal governo.

Came­ron abbozza e pro­mette all’alleato israe­liano che nes­suna deci­sione uffi­ciale sca­tu­rirà dalla presa di posi­zione del par­la­mento: Lon­dra «si riserva il diritto di rico­no­scere bila­te­ral­mente lo Stato di Palestina quando que­sto potrà aiu­tare il pro­cesso di pace», ha com­men­tato il mini­stro degli Esteri Hague. La nar­ra­tiva è iden­tica a quella israe­liana: il diritto allo Stato pale­sti­nese passa per Tel Aviv e per il fan­to­ma­tico pro­cesso di pace che il guer­ra­fon­daio Neta­nyahu invoca quando gli fa comodo.

Ieri da Tel Aviv sono pio­vute cri­ti­che su West­min­ster, col­pe­vole di for­zare la mano in un ambito che è appan­nag­gio del nego­ziato. Ma quale nego­ziato? Dal 1993, anno degli Accordi di Oslo che hanno avuto come solo risul­tato l’istituzionalizzazione dell’occupazione, Israele pro­se­gue indi­stur­bato nella colo­niz­za­zione sel­vag­gia dei Ter­ri­tori Occu­pati, la tra­sfor­ma­zione uni­la­te­rale di Geru­sa­lemme, le vio­la­zioni strut­tu­rali dei diritti umani, i cri­mini di guerra con­tro la Stri­scia e il con­trollo totale delle risorse natu­rali pale­sti­nesi. Coperto, spesso, dall’ombrello dei nego­ziati: l’ultimo round, lan­ciato dal segre­ta­rio di Stato Usa Kerry nel luglio 2013, ha garan­tito l’impunità neces­sa­ria a radi­care l’occupazione.

La scon­tata rea­zione israe­liana al voto (a stretto giro dal rico­no­sci­mento della Sve­zia dello Stato pale­sti­nese) è arri­vata dal Mini­stero degli Esteri: «Il pre­ma­turo rico­no­sci­mento inter­na­zio­nale manda un mes­sag­gio sba­gliato alla lea­der­ship pale­sti­nese, che così può elu­dere le scelte dif­fi­cili che entrambe le parti devono com­piere, e mina le pos­si­bi­lità di una pace vera».

E sep­pure la mozione dei Comuni non indi­chi entro quali con­fini tale Stato dovrebbe nascere, Neta­nyahu ha pre­fe­rito igno­rare, almeno sul piano uffi­ciale, un voto che lo disturba molto e che giunge men­tre il segre­ta­rio gene­rale dell’Onu Ban Ki-moon visita Gaza, il giorno dopo la pro­messa del mondo di donare 5,4 miliardi di dol­lari per la rico­stru­zione di una Stri­scia deva­stata dalle bombe. Pas­sato tra le mace­rie del quar­tiere tea­tro del peg­gior mas­sa­cro di «Mar­gine Pro­tet­tivo», Sha­jaiya, Ban Ki-moon ha detto che «la distru­zione vista a Gaza va al di là di ogni descri­zione. Le radici delle vio­lenze sono un’occupazione restrit­tiva lunga mezzo secolo, la nega­zione dei diritti pale­sti­nesi e la man­canza di pro­gressi nel negoziato».

Più espli­cito è l’ambasciatore bri­tan­nico a Tel Aviv, Mat­thew Gould, che alla radio israe­liana fa notare che «il vento sta cam­biando, Israele ha perso soste­gno dopo il con­flitto e una serie di annunci sulle colo­nie». Dello stesso avviso è l’opposizione israe­liana: anche Her­zog, lea­der labu­ri­sta, cita «il vento freddo che sof­fia verso Israele e sta por­tando una tem­pe­sta diplomatica».

Che il vento cambi dav­vero, è dif­fi­cile da cre­dere: nono­stante le cri­ti­che dell’Onu, le velate pres­sioni Usa e le nuove norme della Ue sui pro­dotti delle colo­nie, gran parte dei governi occi­den­tali non intende far venir meno lo sto­rico soste­gno al figlioc­cio israeliano.

A festeg­giare è la lea­der­ship pale­sti­nese. Hanan Ash­rawi, mem­bro dell’Olp, ribatte a Tel Aviv: «Il rico­no­sci­mento della Palestina non è legato al risul­tato di nego­ziati con Israele, o qual­cosa da barat­tare con qualcos’altro. È una deci­sione di prin­ci­pio e un passo signi­fi­ca­tivo verso pace e giustizia».



Related Articles

Con il sostegno del Sud Africa, curdi e palestinesi uniti contro l’oppressione

Loading

Tra le molteplici condanne espresse in questi giorni per le brutali uccisioni operate dall’esercito israeliano, acquista particolare rilevanza quella del Comitato Esecutivo del PKK

Youssou N’Dour for President

Loading

Il cantante senegalese ha ufficializzato la sua candidatura alle presidenziali. Noto in mezzo mondo, a capo di un gruppo editoriale, difensore di poveri e giovani

Alla camera storico sì contro i reati ambientali

Loading

Ambiente. Dopo 16 anni e ben 4 legislatura Montecitorio approva il testo unico contro chi inquina. Ora manca solo l’ok del senato per inserire nel codice penale il Testo unificato sui delitti ambientali. Soddisfatte le ong ambientaliste e il ministro Orlando

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment