Caso keta­mina, proibizione contro salute

Caso keta­mina, proibizione contro salute

Loading

Di fronte al pro­li­fe­rare di nuove sostanze psi­coat­tive (Nps) sul mer­cato, il par­la­mento euro­peo ha appro­vato nuove regole nel mag­gio 2014. Come illu­strato nella pre­ce­dente pun­tata di que­sta inchie­sta (il mani­fe­sto, 10 dicem­bre), le indi­ca­zioni euro­pee pre­ve­dono una gra­dua­lità nel con­trollo legale, sulla base dei dif­fe­renti livelli di rischio delle sostanze, riser­vando la proi­bi­zione ai casi estremi. E’ una linea a prima vista ragio­ne­vole, ma ci sono due inciampi. In primo luogo, nel campo della sanità pub­blica, l’armonizzazione delle regole è respon­sa­bi­lità degli stati mem­bri, a dif­fe­renza di altri settori.

Gover­nare le Nps dal livello euro­peo non è dun­que sem­plice, tanto più in quanto esi­stono note­voli dif­fe­renze fra i paesi rispetto ai tipi di sostanze dif­fuse. Secon­da­ria­mente, l’esperienza di cento anni di con­trollo inter­na­zio­nale delle dro­ghe inse­gna che le logi­che repres­sive ten­dono ad avere la meglio sulle istanze di salute pub­blica. Ciò è avve­nuto e avviene nono­stante le Con­ven­zioni pre­ve­dano un ruolo deter­mi­nante della Oms nel valu­tare i rischi delle sostanze e nell’indicare le tabelle in cui inserirle.

Eppure, in molti casi, la Cnd (Com­mis­sion on Nar­co­tic Drugs, l’organismo di governo del sistema anti­droga) e lo Incb (Inter­na­tio­nal Nar­co­tics Con­trol Board, che con­trolla l’applicazione delle con­ven­zioni) hanno dato indi­ca­zioni in con­tra­sto col pro­nun­cia­mento della Oms. Que­sto con­flitto di com­pe­tenze e di potere è bene evi­den­ziato nel sag­gio di Chri­sto­pher Hal­lam, David Bew­ley Tay­lor e Mar­tin Jel­sma (Sche­du­ling in the inter­na­tio­nal drug con­trol system), pub­bli­cato nel giu­gno 2014 (Trans­Na­tio­nal Insti­tute, Series on Legi­sla­tive Reform of Drug poli­cies, n.25).

Gli autori si sof­fer­mano sul caso esem­plare della keta­mina, una sostanza cata­lo­gata fra le Nps. La keta­mina è un ane­ste­tico, dif­fuso in molti paesi in via di svi­luppo, dove è spesso il solo far­maco dispo­ni­bile per l’anestesia negli inter­venti chi­rur­gici. E’ una medi­cina sicura anche per la chi­rur­gia in situa­zioni di emer­genza. In anni recenti, la keta­mina si è gua­da­gnata una certa for­tuna come sostanza ricrea­tiva allu­ci­no­gena, susci­tando la pre­oc­cu­pa­zione degli orga­ni­smi di con­trollo antidroga.

Die­tro la spinta emer­gen­ziale, il Comi­tato di Esperti sulla Dipen­denza da Droga della Oms (Ecdd) ha sti­lato nel 2006 un rap­porto di valu­ta­zione: a fronte di rischi molto limi­tati di dipen­denza, il comi­tato sot­to­li­neava il grande valore tera­peu­tico della keta­mina, rac­co­man­dando per­ciò di non inclu­derla nelle tabelle delle sostanze proi­bite. In asso­luto con­tra­sto col parere della Oms, nello stesso 2006 la Cnd chie­deva agli stati mem­bri di proi­bire la sostanza nelle leggi nazio­nali; men­tre lo Incb, nei suoi rap­porti annuali, con­ti­nuava a denun­ciare “l’abuso” di keta­mina, senza mini­ma­mente rispon­dere alle argo­men­ta­zioni della Oms.

Nel 2012, il comi­tato di esperti sulle dro­ghe della Oms ripe­teva la rac­co­man­da­zione di non inse­rire la keta­mina fra le sostanze proi­bite, per non com­pro­met­tere gli inter­venti chi­rur­gici di emer­genza nei tanti paesi in cui non sono dispo­ni­bili ane­ste­tici alter­na­tivi altret­tanto validi. Ma il rap­porto del 2012 va oltre la que­stione di merito della keta­mina e avanza una cri­tica radi­cale di «sistema». Die­tro insi­stenza della Cnd e dello Incb – si denun­cia– molti stati mem­bri hanno messo al bando la keta­mina nelle legi­sla­zioni nazio­nali (e l’Italia è uno di que­sti), otte­nendo per tale via di proi­birla su scala inter­na­zio­nale. In tal modo si sono aggi­rate le pro­ce­dure pre­vi­ste dalle con­ven­zioni. «La Cnd non ha man­dato di deci­dere senza il parere della Oms. Quanto allo Incb, non ha pro­prio alcun tipo di man­dato in merito», con­clude lapi­da­rio il rap­porto Oms.

Il sag­gio ori­gi­nale di Hal­lam et al. su www?.fuo?ri?luogo?.it



Related Articles

La frenata dell’Italia, il Pil scende dello 0,2%

Loading

Padoan: segnali positivi dall’industria. Alfano: l’articolo 18 non valga per i nuovi assunti

Ecco chi sono i tre Paperoni greci più ricchi (e perché non pagano tasse)

Loading

Mentre il Paese è stremato, i ricchi armatori ellenici continuano a macinare profitti a palate. Quasi tutti esentasse, alla faccia di Tsipras. Ecco chi sono e come fanno. Philip Niarchos (61 anni): patrimonio di 11.500 milioni di dollari

Non è che l’inizio. In ricordo di Marco Pannella.

Loading

Sergio Segio ricorda per Fuoriluogo Marco Pannella, il leader radicale e di tante battaglie per i diritti scomparso ieri a Roma.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment