Francia e Italia, ancora uno sforzo

La Fran­cia cerca di cal­mare il gioco con Bru­xel­les – e la Ger­ma­nia – a due giorni dalla pre­sen­ta­zione in Con­si­glio dei mini­stri della legge Macron, un testo “pren­di­tutto” sulla “cre­scita e l’attività”, che si pro­pone di libe­ra­liz­zare su tutti i fronti, dalle pro­fes­sioni rego­la­men­tate al lavoro la dome­nica fino alla faci­lità di licen­zia­mento. Il governo non ha la mag­gio­ranza, il Ps è spac­cato, l’ala sini­stra minac­cia di votare con­tro: Valls rischia quindi un “inci­dente” e di dover ricor­rere al 49–3, cioè di dover chie­dere la fidu­cia, per far pas­sare la riforma. Que­sta “riforma” dovrebbe ser­vire per con­vin­cere Bru­xel­les e Ber­lino che la Fran­cia è “sulla buona strada”, alla pari del Jobs Act ita­liano. E’ que­sto il com­mento del mini­stro delle finanze tede­sco, Wol­fgang Schäu­ble, che ha cer­cato di cor­reg­gere l’intervento di Angela Mer­kel, dome­nica su Die Welt, dove la can­cel­liera ha ricor­dato che gli sforzi di riforma di Ita­lia e Fran­cia “non sono ancora suf­fi­cienti”. Pochi giorni prima, il com­mis­sa­rio all’economia, il tede­sco Gün­ther Oet­tin­ger, aveva vio­len­te­mente cri­ti­cato la Francia.

Ieri, l’Eurogruppo ha esa­mi­nato a Bru­xel­les i giu­dizi della Com­mis­sione sui bilanci dei 18 paesi della zona euro, resi noti a fine novem­bre dalla Com­mis­sione. Il testo del comu­ni­cato finale è stato emen­dato rispetto a una prima ste­sura, più dura, per evi­tare di irri­tare Parigi: sono sug­ge­rite “misure addi­zio­nali” da met­tere in opera, ma l’Eurogruppo evita di dare delle cifre (una sforzo strut­tu­rale “miglio­rato” fino allo 0,5% del pil per la Fran­cia). Il mini­stro delle finanze, Michel Sapin, ha affer­mato ieri che “il prin­ci­pale senso del mes­sag­gio di Angela Mer­kel è che dob­biamo attuare le riforme, aspetta un pas­sag­gio all’atto, nulla di più”. Per Sapin, “Mer­kel non pensa al 2012 o 2013, ma fa soprat­tutto rife­ri­mento al 2003. Quando Parigi e Ber­lino non hanno rispet­tato il patto di sta­bi­lità, ma poi la Ger­ma­nia si è rifor­mata, men­tre la Fran­cia non lo ha fatto”. Sapin ha cer­cato di ripor­tare un po’ di calma, dopo che dome­nica Jean-Luc Mélen­chon del Front de Gau­che ha rispo­sto con un secco tweet all’intervista di Mer­kel a Die Welt: “Maul zu, Frau Mer­kel” (chiudi il becco, signora Mer­kel). Sapin spera che, con la riforma Macron e gra­zie al ribasso di petro­lio e euro (rispetto al dol­laro) i conti pos­sano miglio­rare (ha annun­ciato la set­ti­mana scorsa un defi­cit al 4,1% nel 2015, un po’ minore del 4,3% ini­zial­mente pre­vi­sto). Ci sono poi i 600 milioni che Bru­xel­les dovrebbe resti­tuire alla Fran­cia, che avrebbe ver­sato troppo per il bilan­cio Ue del 2014. Macron ha per­sino messo in ven­dita il 49% dell’aeroporto di Tolosa – deci­sione che sta sca­te­nando un puti­fe­rio – ven­duta a una società cinese (in alleanza con dei cana­desi che l’Fmi ha escluso dai mer­cati mon­diali per mal­ver­sa­zioni): in tutto, 300 miseri milioni di euro. In altri ter­mini: la Fran­cia raschia i fondi dei cas­setti per tro­vare dei soldi ed evi­tare le “san­zioni” di Bru­xel­les. In ogni caso, Ita­lia e Fran­cia ave­vano già otte­nuto tre mesi di pro­roga, l’esame della Ue è riman­dato alla pros­sima pri­ma­vera e solo allora potranno esserci deci­sioni rispetto a even­tuali multe per defi­cit (Fran­cia) o debito (Ita­lia) ecces­sivi. La Com­mis­sione allenta un po’ l’applicazione degli auto­ma­ti­smi del Six Pack e del Two Pack, ma con­ti­nuerà a lavo­rare ai fian­chi Ita­lia e Fran­cia, per­ché si pie­ghino ai dik­tat del Fiscal Com­pact. “Misure addi­zio­nali sono neces­sa­rie” ha riba­dito il pre­si­dente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem.

L’Eurogruppo di ieri ha anche riman­dato una deci­sione sulla Gre­cia. Il “piano di aiuti” ad Atene dovrà venire pro­lun­gato nella prima parte del 2015. Per ver­sare l’ultima tran­che di 1,8 miliardi di euro, la troika chiede nuovi “sforzi” alla Gre­cia (altri 2–3 miliardi di tagli al bilan­cio). Una richie­sta poli­ti­ca­mente inso­ste­ni­bile. La Ue ha paura di Syriza, che sale nei sondaggi.

Nes­suna deci­sione nep­pure per la Tassa sulle tran­sa­zioni finan­zia­rie (Ttf), che avrebbe dovuto tas­sare in 11 paesi (tra cui l’Italia) allo 0,1% le tran­sa­zioni in azioni e allo 0,01 i pro­dotti deri­vati. Ormai, la Ttf è quasi sot­ter­rata e i 30 miliardi di euro pro­messi stanno sfu­mando: le ban­che (in primo luogo le fran­cesi) non la vogliono e non c’è più nes­sun governo che si batta per la sua attuazione.



Related Articles

Sentenza dell’Aia sul clima. Il governo olandese deve ridurre le emissioni

Ambiente. Sentenza storica della Corte suprema dell’Aia. L’esecutivo deve abbattere le emissioni

Fmi: la crisi non è finita, 20 milioni disoccupati nell’Ue

Troika. La direttrice Christine Lagarde propone tre tappe per rilanciare l’occupazione, ma nessuna traccia sull’allentamebnto del Fiscal Compact o del Patto di Stabilità

La crisi delle idee

  Pinn

Il tracollo finanziario ha messo fine al monopolio ideologico dei sostenitori del libero mercato. Ma nessuna delle teorie economiche alternative sembra capace di affermarsi al suo posto.

No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment