L’Isis cancella l’arte: a pezzi le statue antiche

L’Isis cancella l’arte: a pezzi le statue antiche

Loading

Non ci sono limiti alla furia distruttrice dei volonterosi jihadisti dello Stato Islamico (Isis). Dopo i video delle decapitazioni, delle esecuzioni di massa, delle crocifissioni, adesso indugiano a riprendere in diretta lo scempio dei reperti archeologici all’interno del museo di Mosul e sul sito dell’antica Ninive. Le immagini diffuse ieri dai fedeli barbuti del Califfato tornano a scuotere la comunità internazionale.
Il video, della durata di cinque minuti, si apre con la scena dei barbuti vestiti alla talebana che prendono a mazzate due statue di re antiche circa 1.800 anni scavate nell’antica città di Hatra, sita nel deserto un centinaio di chilometri a sud di Mosul. Viene diffuso mentre i dirigenti cristiani in Siria denunciano che il rapimento negli ultimi giorni di circa 300 di loro correligionari da 33 villaggi è il più grave dalla presa di Mosul da parte di Isis nel giugno scorso. L’archimandrita Youkhana parla di 15 persone trucidate.
Nel filmato le nenie religiose, assieme alle urla dei nuovi iconoclasti, coprono il fracasso della pietra infranta. Seguono le picconate contro bassorilievi, maschere di pietra, altre statue di notabili, personaggi di rilievo della civiltà dei Parti fiorita nell’odierno Iraq centro-settentrionale tra il primo e terzo secolo dopo Cristo. I distruttori si accaniscono con le mazze contro le teste, i volti, le braccia delle figure antropomorfiche. Il museo dopo pochi minuti di barbarie appare devastato, i pavimenti delle sale coperti di detriti, i muri bucati, sfregiati. Sono sufficienti pochi colpi ben assestati per cancellare vestigia di civiltà scomparse che si erano preservate per due millenni.
Ricorda le statue dei Budda di Bamyian fatte esplodere dai Talebani 14 anni fa. Ma non occorre andare in Afghanistan. A Mosul l’estate scorsa Isis ha distrutto l’antica moschea di Jona e un mese fa ha bruciato oltre 2 mila volumi «blasfemi» della biblioteca locale e dell’università. «Oh musulmani, queste statue erano idoli venerati da popoli vissuti secoli fa, prima di Maometto», grida adesso uno dei militanti brandendo la mazza come una clava. «Gli assiri, gli accadi e altri popoli inventavano gli dei della guerra, dell’agricoltura e della pioggia cui offrivano sacrifici. Il Profeta ci ordina di rimuovere queste statue, proprio come fecero i suoi primi seguaci quando conquistarono le altre nazioni», aggiunge a spiegazione. Quindi, il video indugia in una sala più buia, dove le torce illuminano la riduzione in briciole di una magnifica aquila scolpita in pietra marmorea. Non contenti, i jihadisti si accaniscono con il trapano sulle macerie. Poi la scena si trasferisce all’esterno. E il video torna a ricordarci la perizia dei cineasti di Isis. A sinistra mostrano la foto ripresa agli inizi del Novecento, quando gli archeologi portarono alla luce i celebri leoni androcefali, che gli addetti ai lavori conoscono come «Lamassu». Statue di animali con la testa di re. Si trovano numerosi a guardia delle porte lungo le mura di Ninive, l’antica capitale assira tra il nono e settimo secolo avanti Cristo, posta alla periferia della Mosul contemporanea. Sulla destra della foto ecco quindi l’immagine di un Lamassu che verrà distrutto. Il gigantesco blocco di pietra scolpita è aggredito, ferito con i trapani e le seghe elettriche. Piomba sull’erba in macigni scomposti. Era un dio resistito per quasi tremila anni, diventa un cumulo di sassi.
«Vedere queste scene crea rabbia, ma soprattutto immenso, profondo dolore», sostiene Roberta Ricciardi Venco. Archeologa, docente all’università di Torino da poco andata in pensione, sin dai primi anni Ottanta ha condotto lunghe campagne di scavi nella regione di Mosul e soprattutto ad Hatra. «La quasi totalità del materiale esposto al museo devastato viene proprio da Hatra. I reperti più importanti e massicci vennero raccolti nelle campagne di scavo degli anni Cinquanta e Sessanta. Hatra è un sito importante e magnifico, ampio oltre 300 ettari con molti resti in superficie e ben conservati. Si vedono tuttora le case, le strade, le statue, le colonne, le mura tutto attorno», spiega. Non a caso è considerata patrimonio dell’umanità dall’Unesco, che ora ne chiede la protezione.
Lorenzo Cremonesi


Related Articles

Tu che sei par­tita Iva scioperi?

Loading

Quinto Stato. Come può nascere un dialogo tra il sindacato e gli autonomi e freelance non tutelati. Il racconto del «modello toscano», il ruolo della campagna «X tutti», la necessità di una rivoluzione culturale. Alla lotta contro l’aumento della gestione Inps e per l’estensione delle tutele universali ha aderito anche la Cgil

Rumor di sciabole: un warlord annuncia il riarmo

Loading

AFGHANISTAN. I «signori della guerra» affilano le armi, in vista del ritiro delle truppe occidentali dall’Afghanistan. In senso letterale: i principali comandanti mojaheddin si preparano a rivitalizzare le proprie milizie armate, messe «in sonno» almeno formalmente quando sono entrati nell’amministrazione di Hamid Karzai – ministri, governatori delle varie province o altre cariche.

Unioni civili, ultimatum M5S “Adozioni o salta il nostro sì” Boldrini: “Sono un diritto”

Loading

Il centrodestra contro la presidente della Camera: intervento a gamba tesa Alfano: “Non andrò in piazza solo perché sono ministro dell’Interno”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment