Cuba e Usa, trattative a porte chiuse ma si riaccende la rete

Loading

«Hola bie­ve­ni­dos a Cuba, soy Conan O’Brien…è l’unica cosa che so dire in spa­gnolo». Ini­ziava così, dieci giorni fa, il late night «Conan», uno dei più seguiti del cir­cuito via cavo sta­tu­ni­tense, girato dall’attore inte­ra­mente all’Avana, primo sho­w­man ame­ri­cano degli ultimi cinquant’anni. Vestito di lino bianco com­ple­tato da un ele­gante panama, O’Brien ha riper­corso gli iti­ne­rari turi­stici sfog­giando un inde­le­bile sor­riso, sicuro dell’effetto che fa.

Non poteva man­care la visita al pala­dar, risto­rante pri­vato, La Gua­rida, famoso come loca­tion del film (degli anni ’90) Fresa y cho­co­late e meta di tutti i bei nomi ame­ri­cani che tran­si­tano all’Avana, dall’ex pre­si­dente Car­ter, a Beyoncé e Jay Z, Kevin Spa­cey, Naomi Cam­p­bell, Jack Nichol­son. Tutti immor­ta­lati in foto appese a una parete del risto­rante, alla quale O’Brien ha aggiunto il suo ritratto «per­ché voglio vederlo quando ritor­nerò a Cuba».

Non è il solo a pro­gram­mare un viag­gio nell’isola. Dagli Sta­tes giun­gono quo­ti­dia­na­mente noti­zie di come Cuba sia una delle mete più ambite dagli ame­ri­cani; pre­no­ta­zioni a valanga per quando ver­ranno ridotte le restri­zioni impo­ste dall’embargo e i cit­ta­dini ame­ri­cani potranno viag­giare come turi­sti nella mag­giore delle isole del Caribe. Si pre­pa­rano voli char­ter da varie città degli Usa, men­tre le com­pa­gnie aeree si orga­niz­zano per futuri voli di linea e la Uni­ted Ame­ri­cas Ship­ping Ser­vi­ces chiede di ripri­sti­nare i ser­vizi di ferry che negli anni ’50 col­le­ga­vano la Flo­rida con l’Avana.

Nella capi­tale cubana con­ti­nua il via-vai di poli­tici e busi­ness­men, da Patrik Leahy, il sena­tore demo­cra­tico che ha gio­cato un ruolo impor­tante nei nego­ziati con Cuba, all’ex pre­si­dente della Camera, la demo­cra­tica Nancy Pelosi, al cen­ti­naio di pro­dut­tori agri­coli della Coa­li­zione agri­cola Usa per Cuba (Usacc) che chie­dono la fine dell’embargo per poter entrare nel mer­cato cubano.

Il primo effetto con­creto del disgelo è stata la riat­ti­va­zione della linea tele­fo­nica diretta tra i due Paesi, inter­rotta dal 1999, mediante un accordo tra la cubana Etecsa e la ldt Dome­stic Tele­com. Ora anche i giganti Usa Goo­gle, Apple e Micro­soft si pre­pa­rano (è stato «acceso» anche il primo wi-fi pub­blico e gra­tuito in un cen­tro cul­tu­rale a Cuba).

Nella capi­tale è tor­nata Roberta Jacob­son, vice­se­gre­ta­ria di Stato che, con la capo nego­zia­trice cubana Jose­fina Vidal, ha dato vita alla terza tor­nata di trat­ta­tive (a porte chiuse) per lo spi­noso tema della ria­per­tura delle amba­sciate. Non si atten­dono «impor­tanti annunci», anche se Obama preme per giun­gere a un accordo entro la prima metà di aprile, prima del ver­tice dell’Organizzazione degli stati ame­ri­cani che si terrà a Panama. Con­vinti che la ripresa delle rela­zioni con gli Usa com­porti un «ripo­si­zio­na­mento» di Cuba, alcuni stati dell’Ue hanno chie­sto un’accelerazione dei nego­ziati che l’Unione ha in corso da 6 mesi per giun­gere a un Accordo di dia­logo poli­tico e di cooperazione.

La pre­oc­cu­pa­zione è che l’apertura ame­ri­cana da una parte può costi­tuire una nuova oppor­tu­nità, spe­cie per inve­sti­menti euro­pei, ma dall’altra possa dar ini­zio a una forte con­cor­renza degli Usa all’Europa, già pre­sente nel mer­cato cubano. Per que­sta ragione l’Avana diventa meta di lea­der di paesi euro­pei che, a dif­fe­renza dell’Ue, man­ten­gono rap­porti bila­te­rali con Cuba. Con­clusa la set­ti­mana scorsa, con gran sfog­gio di otti­mi­smo, la mis­sione del mini­stro degli Esteri Paolo Gen­ti­loni, si attende la visita all’inizio di mag­gio di Fran­cois Hol­lande, primo pre­si­dente fran­cese a met­tere piede a Cuba. Per recu­pe­rare «peso» poli­tico, in que­sto «momento cru­ciale dei nego­ziati Ue-Cuba» si mobi­lita la respon­sa­bile della poli­tica estera euro­pea, Fede­rica Moghe­rini, che lunedì pros­simo ini­zierà una visita di due giorni all’Avana nel corso della quale incon­trerà il mini­stro degli Esteri cubano, il ver­tice della Chiesa cat­to­lica e anche «rap­pre­sen­tanti della società civile cubana».

«Cuba affronta un periodo inte­res­sante e la Ue vuole dare impulso alle rela­zioni con l’Avana. Seguiamo gli avve­ni­menti con attori inter­na­zio­nali chiave, che creano nuove dina­mi­che nella regione e offrono nuove oppor­tu­nità per tutti», ha com­men­tato la Mogherini.


Tags assigned to this article:
CubadisgeloJose­fina VidalRoberta JacobsonUsa

Related Articles

Gaza. Dalla notte in atto un precario cessate il fuoco su pressione USA

Loading

Gaza. L’entrata in vigore era attesa la scorsa notte all’una ora italiana. Si tratta di una tregua molto fragile frutto delle pressioni internazionali sul governo Netanyahu. Sullo sfondo c’è Gaza con i suoi 232 morti e le sue distruzioni.

Sud Sudan: Incubo guerra civile a Juba, 272 morti. Civili in fuga

Loading

Sud Sudan. Incubo guerra civile a Juba, 272 morti. Civili in fuga

Croazia. La strada verso l’Europa è ancora lunga

Loading

Spalato, 11 giugno. Manifestazione contro il Gay pride. Spalato, 11 giugno. Manifestazione contro il Gay pride. Vojko Bašić/CROPIX

Il 10 giugno Zagabria ha ottenuto il via libera per l’adesione all’Ue, prevista per il primo luglio 2013. Ma come dimostra l’aggressione contro il Gay pride di Spalato, il paese ha ancora molto da lavorare.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment